Salute 31 Marzo 2020

Coronavirus, Magi (OMCeO Roma): «Nella Capitale situazione stabile. Partito il camper per assicurare l’assistenza sul territorio»

«Con l’unità mobile dell’Ordine dei medici cerchiamo di non ripetere l’errore che è stato fatto al Nord. A Nerola, centro focolaio, facciamo tamponi e test rapidi e se coincidono possiamo estenderli a tutti». Così il presidente Magi, che aggiunge: «Accelerare i tamponi ai medici per lavorare in sicurezza»

Immagine articolo

Quasi tremila casi totali ma i nuovi contagi frenano. Il numero dei pazienti positivi a Roma e nel Lazio continua a scendere mentre sale quello dei guariti. L’emergenza coronavirus nella Regione rimane perlopiù costante rispetto ai giorni scorsi e la riorganizzazione della rete ospedaliera sta reggendo.

La Regione Lazio ha avviato la distribuzione da parte delle Asl dei kit dei dispositivi di protezione individuale ai medici di medicina generale e ai pediatri di libera scelta, e il Sindaco Virginia Raggi ha assicurato su Facebook che sono partiti «i lavori straordinari di sanificazione delle strade di Roma per contrastare la diffusione del coronavirus». Ne abbiamo parlato con Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Roma, che ha sottolineato l’importanza dell’assistenza sanitaria sul territorio.

Presidente, com’è la situazione a Roma e Provincia?

«Rispetto ai drammatici numeri del Nord d’Italia, la situazione è sotto controllo, stabile, anzi il numero dei positivi è in leggero calo nelle ultime tre giornate. Quello che ci preoccupa nel Lazio sono i focolai di Fondi e di Nerola e alcuni a Roma. Sono legati a delle comunità, parliamo di strutture residenziali per anziani e un convento».

A Nerola, comune di Roma diventato ‘zona rossa’, è arrivato il camper attrezzato e medicalizzato dell’Ordine dei medici per offrire assistenza sanitaria. Come sta andando?

«Sta andando bene, abbiamo stretto un accordo di collaborazione tra l’Ordine dei medici di Roma e lo Spallanzani. Stiamo lavorando insieme per avviare un’unità mobile di intervento rapido in modo tale da poter intervenire nelle aree dove c’è più necessità. In questo caso, siamo andati a Nerola e stiamo procedendo in questo modo: effettuiamo sia i tamponi per ricercare il coronavirus che il test rapido alle stesse persone. Lo Spallanzani verificherà le corrispondenze incrociando i risultati. Se coincidono significa che il test rapido è attendibile, e ci aiuterà moltissimo perché è molto più semplice da effettuare rispetto ai tamponi. Il camper, con a bordo medici e infermieri volontari, formati ed equipaggiati, serve per garantire l’assistenza ed effettuare una sorveglianza sanitaria. Ci sono medici di medicina generale e specialisti, in modo da essere presenti sul territorio, per non fare lo stesso errore che è stato fatto nel Nord d’Italia: mancando l’assistenza sul territorio, sono andati tutti in ospedale e sappiamo quello che è successo. Ecco, dobbiamo evitare che questo accada. Fortunatamente nel Lazio esistono le reti territoriali, i poliambulatori sul territorio, i medici di famiglia lavorano insieme agli specialisti ambulatoriali».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, LO STUDIO DELL’IMPERIAL COLLEGE: «IN ITALIA INFETTATE 6 MILIONI DI PERSONE»

Avete dei risultati per quanto riguarda il test rapido?

«Si tratta di una sperimentazione, lo stiamo testando su un numero sufficiente di persone per valutare se può essere affidabile o meno. Per i risultati ci vorrà un po’ di tempo»

Qual è il numero di medici contagiati fino ad oggi?

«Sono 121, 101 solo a Roma. Di questi, sei sono ricoverati di cui uno, grave, in terapia intensiva, uno in terapia pre-intensiva e 113 in isolamento domiciliare».

LEGGI ANCHE: LA BATTAGLIA DI MATTIA, IL PIÙ GIOVANE PAZIENTE COVID-19 IN TERAPIA INTENSIVA. I MEDICI: «SITUAZIONE È CRITICA MA HA UNA MARCIA IN PIÙ»

Secondo lei, medici, infermieri e operatori sanitari devono essere tutelati meglio?

«Certamente, è indispensabile proteggerli. Abbiamo avuto un confronto con la Regione, perché secondo me è fondamentale che ai sanitari vengano effettuati i tamponi per due motivi: tutelarsi e soprattutto, tutelare gli altri. Il medico asintomatico può essere positivo, contagiare i pazienti ed esporli a gravi rischi: dobbiamo sapere esattamente la condizione di salute del medico. Se il tampone è negativo, i medici possono svolgere il proprio lavoro in tutta tranquillità e sicurezza».

Qual è la risposta che ha avuto dalla Regione?

«L’idea è quella di fare i tamponi sicuramente ai sanitari. Se funzionasse il test rapido sarebbe di grande aiuto. Inoltre, abbiamo richiesto la fornitura dei dispositivi di protezione individuale, l’altro aspetto fondamentale e imprescindibile. Fino ad oggi, purtroppo, i DPI sono stati scarsi e forse proprio per questo abbiamo questo numero di medici contagiati, un numero che tra l’altro credo sia sottostimato e a cui dobbiamo aggiungere quello degli infermieri. Ci hanno assicurato che i dispositivi di protezione individuale arriveranno. Nel frattempo, noi come Ordine dei medici ci siamo organizzati con la Protezione civile in maniera autonoma per avere alcune mascherine FFP2 e FFP3 che distribuiremo ai colleghi che non le hanno, ai liberi professionisti e ai medici che lavorano in determinate aree a rischio e sono dotati solo di mascherine chirurgiche che non garantiscono un’adeguata protezione».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 5 agosto, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Indagine sieroprevalenza in Italia: 1,5 milioni di persone entrate in contatto con SARS-Cov-2. Nella sanità il dato più alto
Presentati al Ministero della salute i risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza sul SARS-Cov-2. Le persone che hanno sviluppato gli anticorpi sono sei volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
Con lockdown medici in ferie forzate, a rischio indennizzo. C&P: «Nostri legali a lavoro per tutelare diritto»
"Costretti" dal datore di lavoro a prendere ferie pregresse forzate, non avranno alcun diritto all'indennizzo per "ferie non godute" riconosciuto qualche settimana fa da una sentenza della Corte Suprema. Consulcesi & partners: «I nostri legali a lavoro per tutelare un diritto sancito dalla Corte Suprema».
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»