Lavoro 31 Marzo 2020 16:27

Coronavirus, Magi (OMCeO Roma): «Nella Capitale situazione stabile. Partito il camper per assicurare l’assistenza sul territorio»

«Con l’unità mobile dell’Ordine dei medici cerchiamo di non ripetere l’errore che è stato fatto al Nord. A Nerola, centro focolaio, facciamo tamponi e test rapidi e se coincidono possiamo estenderli a tutti». Così il presidente Magi, che aggiunge: «Accelerare i tamponi ai medici per lavorare in sicurezza»

Coronavirus, Magi (OMCeO Roma): «Nella Capitale situazione stabile. Partito il camper per assicurare l’assistenza sul territorio»

Quasi tremila casi totali ma i nuovi contagi frenano. Il numero dei pazienti positivi a Roma e nel Lazio continua a scendere mentre sale quello dei guariti. L’emergenza coronavirus nella Regione rimane perlopiù costante rispetto ai giorni scorsi e la riorganizzazione della rete ospedaliera sta reggendo.

La Regione Lazio ha avviato la distribuzione da parte delle Asl dei kit dei dispositivi di protezione individuale ai medici di medicina generale e ai pediatri di libera scelta, e il Sindaco Virginia Raggi ha assicurato su Facebook che sono partiti «i lavori straordinari di sanificazione delle strade di Roma per contrastare la diffusione del coronavirus». Ne abbiamo parlato con Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Roma, che ha sottolineato l’importanza dell’assistenza sanitaria sul territorio.

Presidente, com’è la situazione a Roma e Provincia?

«Rispetto ai drammatici numeri del Nord d’Italia, la situazione è sotto controllo, stabile, anzi il numero dei positivi è in leggero calo nelle ultime tre giornate. Quello che ci preoccupa nel Lazio sono i focolai di Fondi e di Nerola e alcuni a Roma. Sono legati a delle comunità, parliamo di strutture residenziali per anziani e un convento».

A Nerola, comune di Roma diventato ‘zona rossa’, è arrivato il camper attrezzato e medicalizzato dell’Ordine dei medici per offrire assistenza sanitaria. Come sta andando?

«Sta andando bene, abbiamo stretto un accordo di collaborazione tra l’Ordine dei medici di Roma e lo Spallanzani. Stiamo lavorando insieme per avviare un’unità mobile di intervento rapido in modo tale da poter intervenire nelle aree dove c’è più necessità. In questo caso, siamo andati a Nerola e stiamo procedendo in questo modo: effettuiamo sia i tamponi per ricercare il coronavirus che il test rapido alle stesse persone. Lo Spallanzani verificherà le corrispondenze incrociando i risultati. Se coincidono significa che il test rapido è attendibile, e ci aiuterà moltissimo perché è molto più semplice da effettuare rispetto ai tamponi. Il camper, con a bordo medici e infermieri volontari, formati ed equipaggiati, serve per garantire l’assistenza ed effettuare una sorveglianza sanitaria. Ci sono medici di medicina generale e specialisti, in modo da essere presenti sul territorio, per non fare lo stesso errore che è stato fatto nel Nord d’Italia: mancando l’assistenza sul territorio, sono andati tutti in ospedale e sappiamo quello che è successo. Ecco, dobbiamo evitare che questo accada. Fortunatamente nel Lazio esistono le reti territoriali, i poliambulatori sul territorio, i medici di famiglia lavorano insieme agli specialisti ambulatoriali».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, LO STUDIO DELL’IMPERIAL COLLEGE: «IN ITALIA INFETTATE 6 MILIONI DI PERSONE»

Avete dei risultati per quanto riguarda il test rapido?

«Si tratta di una sperimentazione, lo stiamo testando su un numero sufficiente di persone per valutare se può essere affidabile o meno. Per i risultati ci vorrà un po’ di tempo»

Qual è il numero di medici contagiati fino ad oggi?

«Sono 121, 101 solo a Roma. Di questi, sei sono ricoverati di cui uno, grave, in terapia intensiva, uno in terapia pre-intensiva e 113 in isolamento domiciliare».

LEGGI ANCHE: LA BATTAGLIA DI MATTIA, IL PIÙ GIOVANE PAZIENTE COVID-19 IN TERAPIA INTENSIVA. I MEDICI: «SITUAZIONE È CRITICA MA HA UNA MARCIA IN PIÙ»

Secondo lei, medici, infermieri e operatori sanitari devono essere tutelati meglio?

«Certamente, è indispensabile proteggerli. Abbiamo avuto un confronto con la Regione, perché secondo me è fondamentale che ai sanitari vengano effettuati i tamponi per due motivi: tutelarsi e soprattutto, tutelare gli altri. Il medico asintomatico può essere positivo, contagiare i pazienti ed esporli a gravi rischi: dobbiamo sapere esattamente la condizione di salute del medico. Se il tampone è negativo, i medici possono svolgere il proprio lavoro in tutta tranquillità e sicurezza».

Qual è la risposta che ha avuto dalla Regione?

«L’idea è quella di fare i tamponi sicuramente ai sanitari. Se funzionasse il test rapido sarebbe di grande aiuto. Inoltre, abbiamo richiesto la fornitura dei dispositivi di protezione individuale, l’altro aspetto fondamentale e imprescindibile. Fino ad oggi, purtroppo, i DPI sono stati scarsi e forse proprio per questo abbiamo questo numero di medici contagiati, un numero che tra l’altro credo sia sottostimato e a cui dobbiamo aggiungere quello degli infermieri. Ci hanno assicurato che i dispositivi di protezione individuale arriveranno. Nel frattempo, noi come Ordine dei medici ci siamo organizzati con la Protezione civile in maniera autonoma per avere alcune mascherine FFP2 e FFP3 che distribuiremo ai colleghi che non le hanno, ai liberi professionisti e ai medici che lavorano in determinate aree a rischio e sono dotati solo di mascherine chirurgiche che non garantiscono un’adeguata protezione».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Sit-in al Ministero della Salute di medici e odontoiatri libero professionisti: «Noi ancora senza vaccino»
I camici bianchi in piazza per protestare contro l’ineguale trattamento con gli altri medici: «Perché siamo stati esclusi dalla fascia prioritaria del piano vaccinale?». A guidare la protesta Paolo Mezzana: «Nel Lazio differenze anche tra ASL. Ministro Speranza è consapevole della nostra condizione»
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 marzo: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto […]
Disagio lavorativo e mancanza di organizzazione: ecco cosa vuole dire essere medici in Campania ai tempi del Covid
Il sondaggio di Anaao Campania ha evidenziato una scarsa formazione per la gestione dell’emergenza e numerose carenze procedurali
Giornata personale sanitario, la cerimonia dell’Ordine dei Medici di Roma
Una targa con il Giuramento d'Ippocrate e un ulivo i simboli scelti per ricordare i medici deceduti a causa del Covid-19
Università UniCamillus: +34,2% di iscrizioni al Test di ammissione a Medicina
L’Università UniCamillus sarà la prima Università del Lazio ad effettuare i test di ammissione ai propri Corsi di Laurea attraverso procedura on line
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...