Lavoro 27 Febbraio 2020

Coronavirus e certificati, tutto quello che medici e cittadini devono sapere

Nel Decreto ministeriale 26/02/2020 sono contenute le misure di contenimento della diffusione del Covid-19 che devono adottare tutte le Regioni non ancora toccate dal contagio

Immagine articolo

Con il Decreto ministeriale del 26 febbraio 2020, adottato dal Ministero della Salute, è stato approvato lo schema di ordinanza relativo alle misure di contenimento della diffusione del Covid-19 che devono adottare tutte le Regioni che, fino ad ora, non sono ancora state toccate dal contagio. Questo documento contiene indicazioni sia per i cittadini che per i Medici di medicina generale ed ha lo scopo di permettere a questi ultimi di evitare i rischi di un’eventuale esposizione al virus (derivanti da una visita ambulatoriale o domiciliare con soggetti a rischio) sollevandoli allo stesso tempo da eventuali responsabilità derivanti dall’eventuale adozione della certificazione pur in assenza dell’effettivo svolgimento della visita. Viene infatti previsto un percorso in cui il MMG non si assume in toto la responsabilità della decisione ma le sue valutazioni dipendono dall’accertamento svolto dall’operatore di Sanità Pubblica e/o i servizi di Sanità Pubblica competenti per il territorio.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, DI MAIO ALLA STAMPA ESTERA: “COINVOLTO LO 0,089% DEI COMUNI. ITALIA SICURA PER TURISTI E IMPRENDITORI”

COSA DEVE FARE IL CITTADINO – Chiunque abbia soggiornato (nel corso degli ultimi 14 giorni) in una delle zone a rischio epidemiologico identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità o nei Comuni italiani in cui è stata effettivamente dimostrata la trasmissione del virus, è tenuto a comunicare questa circostanza al proprio Medico di medicina generale o al pediatra di libera scelta.

COSA DEVE FARE IL MEDICO – A quel punto il Medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta riceverà dalla Regione i riferimenti dell’operatore di Sanità Pubblica e/o i servizi di Sanità Pubblica competenti per il territorio, i quali hanno il compito di prescrivere la permanenza domiciliare secondo la seguente modalità:

  • Una volta ricevuta la segnalazione, l’operatore deve contattare telefonicamente il soggetto interessato per ricevere le necessarie informazioni per valutare adeguatamente il rischio di esposizione.
  • Nel caso in cui l’operatore accerti la necessità di avviare la sorveglianza sanitaria e l’isolamento fiduciario, questi deve illustrare al paziente le misure da adottare e ne informa il Medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta da cui il soggetto è assistito.
  • La procedura precedente vale anche ai fini dell’eventuale certificazione INPS per assenza dal lavoro. Nel caso in cui questa sia necessaria, l’operatore di Sanità Pubblica e/o i servizi di Sanità Pubblica competenti per territorio rilasciano una dichiarazione indirizzata all’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, al datore di lavoro e al Medico di medicina generale/pediatra di libera scelta, in cui si attesta che, per motivi di sanità pubblica, l’interessato è stato posto in quarantena, specificando la data di inizio e fine delle stesse. Il medico di medicina generale dovrà riportare nella certificazione di malattia “diagnosi riconducibili a misure precauzionali nell’attuale fase di emergenza” (specificando quali sono tali misure precauzionali) e indicare nel campo editabile “in fase di verifica”.

CERTIFICATI MEDICI PER STUDENTI

Ricordiamo inoltre che per effetto del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 25 febbraio scorso, fino al prossimo 15 marzo la riammissione nelle scuole di ogni ordine e grado degli studenti per assenze dovute a malattia di durata superiore ai cinque giorni può avvenire solo previa presentazione di un certificato medico. Si tratta di un provvedimento che è stato aspramente criticato dalla FIMMG in quanto non avrebbe alcun «fondamento scientifico» e porterebbe ad avere «ambulatori più affollati e, quindi, più pericolo di contagio».

 

FONTI

FIMMGMisure di contenimento della diffusione del COVID-19 e certificazione di malattia

MINISTERO DELLA SALUTECovid-19. Nuove indicazioni e chiarimenti

MINISTERO DELLA SALUTEDecreto del presidente del consiglio dei ministri 25 febbraio 2020

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Contrasto alla vendita online di farmaci anti-Covid, Carabinieri NAS oscurano altri 11 siti web
Gli accertamenti hanno individuato l’offerta in vendita di medicinali a base dell’antimalarico clorochina e degli antivirali lopinavir e ritonavir, tutti principi attivi per i quali l’Agenzia Italiana del Farmaco ha confermato la sospensione dell’autorizzazione al trattamento Covid-19
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 21 ottobre, sono 40.792.599 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.124.918 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 449.648 (15.199 in più rispetto a ieri). 177.848 i […]
Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute
In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Tamponi rapidi e diagnostica di primo livello facilitati per MMG e pediatri: approvato atto di indirizzo
Caparini (Comitato settore Regioni-sanità): «La grave situazione emergenziale che il Paese sta affrontando impone una risposta tempestiva ed adeguata dell’assistenza territoriale»
Coronavirus, Oms: «Crescita record, 2,2 milioni di nuovi casi in una settimana»
Dal 30 dicembre 2019 all'11 ottobre, inoltre, sono stati segnalati oltre 37 milioni di casi di Covid-19 e 1 milione di decessi in tutto il mondo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 ottobre, sono 40.792.599 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.124.918 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...