Lavoro 4 ottobre 2018

Al via il Congresso Fnopo, la presidente Vicario: «Le ostetriche devono poter gestire la gravidanza a basso rischio in autonomia»

Il 5 e il 6 ottobre Modena ospiterà l’incontro della Federazione, che porrà sotto la lente d’ingrandimento il ruolo dell’ostetrica nel percorso a Basso Rischio Ostetrico. «Far partorire le donne in ospedale non deve portare all’abbandono del territorio. A Roma l’esperimento dell’ostetrica di comunità che affianca il medico di famiglia sta avendo riscontri positivi»

Sarà la città di Modena ad ospitare, il 5 e 6 ottobre, il 35° Congresso nazionale della Federazione nazionale degli ordini della professione ostetrica (Fnopo). Un congresso per la prima volta monotematico, come ha spiegato a Sanità Informazione la presidente Maria Vicario, dedicato all’ostetrica nel percorso a Basso Rischio Ostetrico (BRO), tema che dà il titolo all’evento.

«Già nel 2016 – spiega la dottoressa Vicario – è stata riconosciuta all’ostetrica la possibilità di condurre in piena autonomia la gravidanza a basso rischio, andando a prescrivere gli esami necessari previsti dai Lea; purtroppo la Legge ancora prevede come unico prescrittore il medico. E questa è un’anomalia tutta italiana, che noi vogliamo superare per consentire all’ostetrica di accompagnare la donna nel percorso nascita in modo completo e totale».

Presso il Palazzo Ducale della cittadina emiliana, verrà quindi posto sotto la lente di ingrandimento il documento del ministero della Salute “Linee di indirizzo per la definizione e l’organizzazione dell’assistenza in autonomia da parte delle ostetriche alle gravidanze a basso rischio ostetrico (BRO)”, approfondito anche grazie al contributo del Comitato percorso nascita del Ministero della Salute e delle coordinatrici dei tre centri nascita italiani gestiti esclusivamente da ostetriche: il Sant’Anna di Torino, il San Martino di Genova e la Margherita di Firenze. Presenti alle tavole rotonde in programma anche i coordinatori dei corsi di laurea in Ostetricia della Regione Emilia Romagna, perché l’intenzione, come spiega la presidente Vicario, è di «promuovere il modello dei centri nascita ab origine, intervenendo quindi anche sul sistema formativo».

Obiettivo della Federazione è quindi contrastare i modelli assistenziali misti, che vedono nelle unità operative la compresenza di infermieri e ostetriche: «Si tratta di modelli che non garantiscono l’appropriatezza delle cure – dichiara la dottoressa Vicario – e rendono inoltre difficile individuare le responsabilità in caso di contenzioso».

«Il nostro modello – continua la presidente – è il Regno Unito, che è improntato sulla deospedalizzazione della nascita. Ora, noi non vogliamo certo auspicare lo stesso in Italia, però facendo partorire le donne in ospedale non dobbiamo lasciare scoperto il territorio, cosa che di fatto è accaduta».

Una maggiore presenza sul territorio sarebbe possibile con la figura dell’ostetrica di famiglia e di comunità che affianca il medico di famiglia. Come avviene a Roma presso l’Ambulatorio di quartiere di piazza Istria, dove 80 MMG lavorano gomito a gomito con le ostetriche, affrontando tematiche come la prevenzione o la contraccezione: «Dai camici bianchi coinvolti nella sperimentazione – commenta la presidente – stiamo ricevendo riscontri positivi, perché con la burocratizzazione del lavoro del medico di famiglia avere accanto un operatore che possa interloquire con l’assistito su questi argomenti non può che essere un vantaggio».

Silvestro Scotti, segretario nazionale della Fimmg, sarà presente in collegamento al Congresso FNOPO, per affrontare anche queste tematiche. Ma anche Filippo Anelli, presidente della FNOMCeO, porterà il suo contributo: «Con la Federazione degli Ordini dei Medici – spiega la dottoressa Vicario – abbiamo infatti attivato una partnership per la condivisione di obiettivi comuni su tematiche trasversali, come la violenza sugli operatori sanitari. Ma questo è solo uno dei temi su cui stiamo lavorando insieme».

Il messaggio che la Fnopo lancerà al Congresso è chiaro: l’ostetrica è una figura professionale che può affiancare e prendersi cura della donna in tutto il suo ciclo biologico e riproduttivo. «Probabilmente ancora non abbiamo tutti gli strumenti per centrare questo obiettivo – conclude la presidente -, ma una volta prevista la figura, poi piano piano si potranno affinare».

LEGGI ANCHE: CARENZA INFERMIERI, LA PROPOSTA FNOPO: «RESTITUIAMO A SOLE OSTETRICHE LA CURA DELLE DONNE NELLE AREE MATERNO-INFANTILI»

Articoli correlati
Allattamento al seno: carente la formazione per il personale. Vicario (FNOPO): «Promuovere percorsi adeguati per professionisti di ogni ordine e grado»
«Sostenere l’allattamento materno significa garantire personale sanitario preparato, necessari percorsi formativi e una rete locale di professionisti competenti», ha affermato la presidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica
di Lucia Oggianu
Cittadinanzattiva, Tonino Aceti lascia il coordinamento del Tribunale per i diritti del malato
Tonino Aceti lascia Cittadinzattiva e diventa il Portavoce della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI). Aceti ha ricoperto finora il ruolo di Coordinatore Nazionale del Tribunale per i diritti del malato e di Responsabile del Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici di Cittadinanzattiva. È stato membro dell’Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità presso il ministero […]
Ostetriche, Fnopo: «Incontro con rappresentanti politici della Regione Abruzzo bel segnale della politica»
«Come rappresentanti nazionali della Professione Ostetrica abbiamo ritenuto importante sostenere la richiesta dei presidenti degli Ordini provinciali della Regione Abruzzo, Cinzia Di Matteo (Chieti), Federica Sisani (L’Aquila), Annarita Lanciotti (Pescara) e Allegrina Di Giorgio (Teramo) affinché vi fosse un incontro regionale con i politici locali l’Assessore regionale alla Sanità, Silvio Paolucci, il Direttore dell’Agenzia Sanitaria […]
Manovra di Kristeller, quel rischio “nascosto” del parto. Belli (Gestione rischio clinico): «Utilizzata per evitare cesareo ma spesso genera complicanze»
La pratica, inventata da un medico tedesco nel 1867, ancora oggi si usa durante la gestazione. Il professor Belli: «La manovra spesso non viene segnalata, mancano i codici ministeriali. Non essendo segnalabile, tutte le complicanze generate da questa manovra non vengono associate a questa pratica. Così impossibile risalire alle complicanze». Vescovi (Lega): «Sia effettuata in sicurezza»
Ostetricia, alla professione riconosciuti tre master. Vaccari (Fnopo): «Con quello di famiglia colmiamo vuoto a livello territoriale»
La vicepresidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetricia sottolinea: «Obiettivo creare nuovi posti di lavoro e soprattutto e produrre risposte ferme e culturalmente supportate da evidenze scientifiche agli attuali bisogni di salute»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...