Lavoro 3 ottobre 2018

Congresso FIMMG, Scotti: «Servono fondi per la salute o avremo meno poveri ma più malati»

Il Segretario della Federazione dei Medici di Medicina Generale nella sua relazione chiede al Governo finanziamenti strutturati per i medici che operano in convenzione. Carenza di medici: «Non è solo una questione di numeri, bisogna motivare i giovani a scegliere la nostra professione. Noi MMG vogliamo sentirci medici di serie A. Servono 3 miliardi per non rimanere indietro rispetto ad altri Paesi Ue»

di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

«I medici di medicina generale devono sentirsi medici di serie A: basta allo stereotipo del Medico della mutua di ‘sordiana memoria’». E’ l’invocazione che arriva da Silvestro Scotti, Segretario generale della FIMMG, dal palco del meeting center di Chia, in Sardegna, dove è in corso il 75esimo Congresso nazionale della Federazione dei Medici di Medicina Generale. Nella sua lunga relazione tanti i temi trattati dal segretario, a cominciare da quelli di stretta attualità, come le risorse per il Fondo sanitario alla luce del DEF presentato dal Governo Conte: «Se il rifinanziamento fosse il miliardo di cui si è parlato sarebbe inferiore all’1% del Fondo Sanitario Nazionale attuale, non solo sarebbe meno della metà di quanto richiesto dalle Regioni, ma sarebbe anche del tutto insufficiente per tenere il passo degli altri Paesi, allargando di conseguenza ancora la forbice verso di essi», mette in guardia Scotti, che aggiunge: «Se il rifinanziamento della Sanità fosse inferiore al tasso di crescita del PIL, si genererebbe anche una diminuzione dell’incidenza della Sanità pubblica sul PIL, e questo non potrebbe che essere letto come un segnale di insufficiente impegno della politica per la Sanità». Un messaggio rivolto alla maggioranza Lega-M5S alle prese con la Legge di Bilancio.

LEGGI ANCHE: SCOTTI (FIMMG): «FORMULA 1+2. ECCO COME CAMBIARE LA FORMAZIONE IN MEDICINA GENERALE»

Scotti si è poi chiesto quale sarà la quota di fondi destinati all’assistenza primaria anche perchè «non si deve dimenticare che oggi rispondere ai nuovi bisogni di una popolazione longeva passa necessariamente per l’investimento nella presa in carico dei pazienti. E’ chiaro che se così non sarà, se non si deciderà di investire in salute, bisognerà chiarire alla popolazione che potremo avere domani sicuramente meno poveri ma più malati e sappiamo bene come la malattia crei più povertà di qualunque altra azione di mancato investimento». Poi lancia un messaggio chiaro al governo: «Ci aspettiamo finanziamenti strutturali finalizzati anche alla specificità dei medici operanti nell’ambito del convenzionamento; solo questo renderà possibile il raggiungimento di standard attraverso le caratteristiche di autonoma iniziativa di questi professionisti e rappresenterà chiaramente una scelta per orientamenti contrattuali a cui potremmo lavorare già da subito nel completamento dell’ACN 2018».

Altro tema all’ordine del giorno e al centro della relazione è quello della carenza di medici. Scotti ha espresso soddisfazione per la scelta delle Regioni, fortemetente sollecitata dal Ministro Grillo, di aumentare le borse di studio per la Formazione MMG (il concorso si svolgerà il 17 dicembre), ma ha ribadito che non è solo una questione di ‘numeri’: «C’è bisogno – spiega Scotti – di una profonda riflessione su come motivare la scelta dei giovani medici verso la nostra disciplina perché ne siano attratti, perché si sentano gratificati, perché possano sempre pensare di ricavarne un pieno riconoscimento sociale, semplicemente farli sentire in serie A, o meglio in Champions League, questo deve essere l’obiettivo. Il messaggio che vogliamo dare ai giovani è proprio questo: essere medico di medicina generale significa essere centrale nell’assistenza non per una posizione gerarchica ma per una posizione di vicinanza e contiguità fisica e relazionale con colui che è il vero centro della proposta assistenziale: il nostro paziente».

Scotti ha invocato, alla presenza del Presidente della FNOMCeO Filippo Anelli, interventi che possano impattare anche sulla fiscalità generale, con meccanismi di decontribuzione o defiscalizzazione, per gli investimenti che ogni singolo medico potrà fare per la dotazione di personale e l’acquisizione di strumentazione diagnostica.

Altro tema caldo quello dei provvedimenti limitativi della libertà professionale e prescrittiva di un medico relativamente a farmaci o a percorsi di appropriatezza diagnostica, una scelta che Scotti ha contestato con forza: «Nell’ultimo anno, nei rapporti con AIFA, abbiamo chiarito le nostre intenzioni rispetto ad un abuso che si è fatto in questo paese di piani terapeutici a prescrizione esclusivamente specialistica. Abbiamo chiesto a gran voce i flussi di dati sull’appropriatezza prescrittiva di questi piani terapeutici. Abbiamo chiesto a gran voce i flussi di dati sulla sicurezza, nell’uso di questi farmaci, ragione, che a questo punto dovremmo dire “apparente”, di queste limitazioni. Non ci sono e siamo convinti che queste informazioni non siano disponibili, possibile che nessuno si è preoccupato di strutturarne la raccolta e la valutazione?».

Infine un passaggio sul tema delle aggressioni al personale sanitario, su cui il segretario FIMMG è da mesi in prima linea: l’attenzione delle forze parlamentari al tema viene valutata positivamente anche se bisogna chiedersi «perché il paziente non riconosca più nel medico il soggetto che abbia come unico obiettivo la sua cura, al punto di aggredirlo impedendola».

Articoli correlati
Medici di famiglia, è ancora polemica su norme per precari. Noemi Lopes (Fimmg): «Vigileremo, basta svilire formazione MMG»
La maggioranza ha ritirato l’emendamento Patuanelli che estendeva l'assegnazione degli incarichi convenzionali non solo ai medici di Medicina generale ma anche a quelli di emergenza-urgenza. Per il segretario della sezione formazione della Fimmg una soluzione per uscire dall’impasse potrebbe essere quella di separare il settore dell'emergenza dalla Medicina generale stabilizzando i precari del 118 direttamente nel loro settore
Aggressioni, l’87% medici continuità assistenziale si sente in pericolo. Maio (FIMMG): «Necessaria procedibilità d’ufficio»
Il segretario nazionale per la continuità assistenziale della FIMMG: «Molto spesso i medici vengono minacciati rispetto ad un’eventuale denuncia dell’aggressione subita. Così il fenomeno rimane sommerso»
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Giovane dottoressa aggredita a Bagheria si sfoga su Facebook: «Siamo soli, quel posto è un ring». Maio (FIMMG CA): «Subito legge per procedibilità d’ufficio»
L'episodio avvenuto nella guardia medica della località vicino Palermo: 15 giorni di prognosi. Sui social tutta la sua amarezza. «Nelle sue parole ci riconosciamo tutti, fino a quando potremo andare avanti così?», sottolinea Tommasa Maio, responsabile FIMMG Continuità assistenziale
Studio rivela: visite dal medico di famiglia allungano la vita. Fiorenzo Corti (FIMMG): «Camici bianchi devono poter compilare un piano assistenziale individuale»
Il vicesegretario nazionale della Federazione dei medici di medicina generale commenta la ricerca pubblicata su BMC Medicine secondo cui i pazienti con malattie a lungo termine che hanno saltato due o più appuntamenti l'anno vedevano aumentare di tre volte il rischio di morte (per qualsiasi tipo di malattia) nei mesi successivi
“Vaccinarsi in gravidanza è un atto d’amore”. Al via campagna Fnopo-Fimmg per promuovere i vaccini
La presidente Fnopo Maria Vicario: «Oggi più che mai noi ostetriche e i medici di famiglia riteniamo fondamentale fornire informazioni scientificamente provate per rassicurare le donne sulla validità e soprattutto sulla sicurezza delle vaccinazioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...