Lavoro 7 Ottobre 2021 13:15

Congresso Fimmg, l’intervento di Speranza: «Gli studi dei medici di famiglia sono irrinunciabili»

Il ministro della Salute ha illustrato la sua idea di riforma della medicina territoriale: «Gli ambulatori siano spoke delle Case di comunità, multidisciplinari e inseriti nella rete del Ssn. Il problema non è dipendenza o convenzione»

«Se c’è qualcuno che pensa che la figura del medico di Medicina Generale sia una figura del passato credo che si sbagli di grosso. I medici di famiglia sono un pilastro insostituibile e rappresentano una figura del futuro del Servizio sanitario nazionale». Così il ministro della Salute Roberto Speranza ha iniziato il suo intervento al Congresso della Federazione italiana medici di medicina generale in corso a Villasimius, in Sardegna.

«Stiamo attraversando una fase straordinaria, siamo ad un tornante decisivo della storia del Servizio sanitario nazionale. Abbiamo le risorse, abbiamo una nuova consapevolezza che non possono essere le tabelle degli uffici di bilancio a decidere quanto diritto alla salute garantire ma è il diritto alla salute a dover stabilire quelle tabelle – ha aggiunto il Ministro -. Ora le risorse ci sono e dobbiamo lavorare da subito affinché sin dalla prossima legge di Bilancio aumentino quelle a disposizione del Servizio sanitario nazionale. Siamo passati da 114 a 122 miliardi, ma dobbiamo crescere ancora».

«Il punto tuttavia è che le risorse sono necessarie per immaginare un futuro vero del Ssn, ma serve anche una stagione coraggiosa di riforme che mettano mano dove c’è bisogno. E la parola chiave di queste riforme deve essere prossimità. Il problema non è la scelta tra convenzione o dipendenza – ha aggiunto il Ministro riferendosi al dibattito che in queste settimane ha infuocato il tema -; abbiamo bisogno di capire come valorizzare al meglio una figura insostituibile come il medico di Medicina Generale mettendolo il più possibile in una relazione di rapporto positivo con il resto del Ssn».

«Non rinuncerò mai al presidio di prossimità che lo studio del medico di famiglia rappresenta sul territorio. Per me la Casa di comunità è un hub e lo studio del medico di famiglia è uno spoke – ha quindi spiegato Speranza, sposando la proposta della Fimmg -. Vorrei uno studio aperto perché è parte essenziale della rete sanitaria, ma vorrei un medico di famiglia che non si senta solo, che sia dentro la rete, in cui ci sia multidisciplinarietà e collegamento con il resto del Ssn».

«In questo modo valorizziamo il vostro punto di forza più importante, la relazione fiduciaria – ha aggiunto parlando alla platea, che più volte ha interrotto il suo intervento con applausi. Perché il cittadino si fida del proprio medico di famiglia e quello è un patrimonio che sarebbe criminale disperdere. Ma non deve essere chiuso in un ambito senza il resto del Servizio sanitario nazionale. Come raggiungere questo risultato? Sediamoci e discutiamone», ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Per la Medicina Generale 900 borse in più. Anelli (Fnomceo): «Aiuta a svuotare imbuto formativo»
«Esprimiamo la nostra soddisfazione – commenta Filippo Anelli – per questo intervento. Dimostra un’attenzione da parte del Governo alle cure primarie e alla figura del Medico di Medicina Generale»
La “Questione Medica”, Speranza e Fedriga all’ascolto di ordini e sindacati
L'evento Fnomceo ha visto la presenza di tutte le sigle sindacali, federazioni, Enpam e società scientifiche. Sono 20 i punti esposti da risolvere con urgenza per tornare a permettere al personale medico di amare la propria professione. La soluzione di Speranza vede un approccio straordinario verso gli specializzandi
Si è insediato il nuovo Consiglio Superiore di Sanità
Il ministro della Salute Roberto Speranza ha accolto il nuovo Consiglio con delle foto su Facebook e un messaggio di incoraggiamento. Franco Locatelli è stato scelto come presidente
Medicina generale “svalutata”. Scotti (Fimmg): «Mmg vicini al burnout, affogati dalla burocrazia»
Silvestro Scotti, Segretario nazionale Fimmg, nell’intervista esclusiva a Sanità Informazione lancia l’allarme. «Medicina generale svalutata. La prima domanda che ci fanno è sul Green pass, su come rientrare a scuola e al lavoro. Per un medico è avvilente»
Riforma MMG, Rossi (OMCeO Milano): «Fondi Pnrr per Case di Comunità? No, subito piano Marshall per territorio»
Il Presidente dell'OMCeO Milano: «Dibattito anacronistico con 21 sistemi regionali differenti e con le emergenze acuite dalla pandemia». La proposta: «Investire su medicina del lavoro e scolastica e restituire dignità alla medicina generale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...