Lavoro 3 Dicembre 2018

Congresso Amsi, lanciati nuovi Ambulatori per stranieri e il #DecretoAmsiperl’integrazione

Aodi (Amsi) e Quintavalle (Asl Roma 4 e 5): «Uniti a favore di assistenza sanitaria, aggiornamento professionale, ricerca, dialogo e cooperazione internazionale»

Si è svolto il 1 dicembre a Roma, alla clinica “Ars Medica”, il Congresso dell’Amsi (Associazione Medici d’origine Straniera in Italia) cui han partecipato più di 150 professionisti della sanità, sia italiani che di origine straniera, confrontandosi sul tema “Neurotraumatologia e lesioni periferiche – Trattamento medico, chirurgico e riabilitazione”.

Il Congresso è stato aperto dal professor Foad Aodi, medico fisiatra, fondatore e presidente Amsi, nonché consigliere dell’OMCeO di Roma, e dal Direttore Generale della Asl RM 4 (Civitavecchia) Giuseppe Quintavalle.  «Sin dall’ inizio – ha ricordato Aodi – uno dei principali obbiettivi dell’AMSI è stata la gratuità dei corsi ECM in occasione di convegni come questo. La dimensione interdisciplinare, e internazionale, dell’aggiornamento non solo dei medici, ma di tutti i professionisti della sanità, è ormai un dato acquisito dai responsabili della sanità italiana. Ma fra i temi da approfondire, abbiamo anche i rapporti tra sanità e immigrazione, argomento essenziale in una società globalizzata come la nostra».

LEGGI ANCHE: FOAD AODI (AMSI): «AL DECRETO SICUREZZA RISPONDIAMO POTENZIANDO L’INTEGRAZIONE SILENZIOSA, QUALIFICATA E NON VALORIZZATA»

«Alla Asl Rm 4 – ha precisato Quintavalle – sin dal 2002 abbiamo attivato convenzioni con ambulatori Amsi per stranieri, che permettono di assistere un numero elevato di persone, tra cui molti immigrati, anche in situazioni a possibile rischio, come le case circondariali, per le quali abbiamo attivato speciali “Task Force”. La Asl, inoltre, attualmente vaccina tutti coloro che, per qualsiasi motivo, entrano nel nostro territorio. È poi in programma – continua Quintavalle – l’apertura di Ambulatori Amsi per stranieri, per superare le difficoltà linguistiche, intensificare la prevenzione, la ricerca, la cooperazione internazionale e la collaborazione tra professionisti italiani e colleghi stranieri. Per questo vogliamo intensificare la collaborazione con l’Amsi, che in questi 18 anni ha dimostrato concretezza e costanza».

«Presso gli ambulatori e sportelli Amsi per stranieri – ha aggiunto Aodi – le patologie più frequenti, oggi, attengono a ginecologia, ortopedia, fisiatria, pneumologia, cardiologia, gastroenterologia, diabetologia, odontoiatria. Inoltre, si è registrato un aumento molto significativo di richieste di consulti psicologici (40% in più), visite cardiologiche e diabetologiche (35% in più), controlli anti-obesità (25% in più), visite per patologie di sterilità (20% in più). Dati che documentano la variazione di età, abitudini e stili di vita e di alimentazione degli stessi immigrati in Italia. È inoltre emerso dalle statistiche degli sportelli Amsi che oggi anche gli immigrati, adeguandosi alle abitudini occidentali e italiane, fanno pochi figli, affrontando matrimonio e gravidanza in età più avanzata rispetto ai loro Paesi di origine».

Inoltre Aodi, insieme ai membri del Consiglio Direttivo Amsi, hanno illustrato l’intenzione di lanciare il #DecretoAmsiperl’integrazione e la politica dei 2 binari, Sicurezza-Integrazione.

LEGGI ANCHE: SANITÀ, OLTRE 100 RICHIESTE DI PROFESSIONISTI STRANIERI NEL 2018. AODI (AMSI): «HANNO IN PARTE BILANCIATO LA CARENZA DI MEDICI ITALIANI»

Articoli correlati
Scuole di Specializzazione, il nuovo bando discriminati i medici stranieri. Scoppia la polemica
Il nuovo bando pubblicato dal MIUR ha infatti introdotto tra i requisiti per i medici stranieri il possesso del certificazione di lingua italiana C1
Sanità, Foad Aodi (Amsi): «70 medici stranieri segnalano di essere sottopagati a 7 euro l’ora»
Medici e infermieri stranieri residenti in Italia cercasi, per fronteggiare le carenze di professionisti sanitari a causa dei pensionamenti: sono 6 mila le richieste di camici bianchi, infermieri e fisioterapisti giunte in un anno all’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) da parte di strutture sanitarie pubbliche e private. Le richieste per i soli […]
Sri Lanka, Co-mai e Cili-Italia: «Condanna degli attentati e solidarietà ai cristiani nel mondo»
«Nessuno al mondo, di qualsiasi religione, ha il diritto né gli alibi per uccidere nel nome delle religioni» spiega Foad Aodi fondatore delle Co-mai e dell'associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi)
Carenza specialisti, Foad Aodi (Amsi e Omceo Roma): «Meno 60mila specialisti nel 2025, investire sui giovani medici e stabilizzare i colleghi stranieri presenti in Italia»
Si parlerà anche della carenza di medici specialisti e di Medicina Generale, e delle possibili soluzioni, al tavolo tecnico di prossima istituzione presso il Ministero della Salute, che coinvolgerà la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo) e l’Associazione Medici stranieri in Italia (Amsi), e che sarà dedicato a Sanità e […]
Circoncisioni rituali, Foad Aodi (Amsi): «È problema sanitario e non religioso. Grazie a Vice Ministro Del Re per interessamento»
Sono più di 11mila le circoncisioni fatte da residenti in Italia o senza permesso di soggiorno, di cui 5mila in Italia e 6mila nei paesi di origine. Il presidente dell'Associazione Medici di Origine straniera in Italia: «Bisogna inserirla nei LEA se possibile, altrimenti occorre trovare una soluzione ad hoc per eliminare la responsabilità medico legale di pediatri e anestesisti perché in quella rituale il chirurgo pediatra non accetta di addormentare il bambino sotto i quattro anni»
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...