Lavoro 3 Dicembre 2018

Congresso Amsi, lanciati nuovi Ambulatori per stranieri e il #DecretoAmsiperl’integrazione

Aodi (Amsi) e Quintavalle (Asl Roma 4 e 5): «Uniti a favore di assistenza sanitaria, aggiornamento professionale, ricerca, dialogo e cooperazione internazionale»

Si è svolto il 1 dicembre a Roma, alla clinica “Ars Medica”, il Congresso dell’Amsi (Associazione Medici d’origine Straniera in Italia) cui han partecipato più di 150 professionisti della sanità, sia italiani che di origine straniera, confrontandosi sul tema “Neurotraumatologia e lesioni periferiche – Trattamento medico, chirurgico e riabilitazione”.

Il Congresso è stato aperto dal professor Foad Aodi, medico fisiatra, fondatore e presidente Amsi, nonché consigliere dell’OMCeO di Roma, e dal Direttore Generale della Asl RM 4 (Civitavecchia) Giuseppe Quintavalle.  «Sin dall’ inizio – ha ricordato Aodi – uno dei principali obbiettivi dell’AMSI è stata la gratuità dei corsi ECM in occasione di convegni come questo. La dimensione interdisciplinare, e internazionale, dell’aggiornamento non solo dei medici, ma di tutti i professionisti della sanità, è ormai un dato acquisito dai responsabili della sanità italiana. Ma fra i temi da approfondire, abbiamo anche i rapporti tra sanità e immigrazione, argomento essenziale in una società globalizzata come la nostra».

LEGGI ANCHE: FOAD AODI (AMSI): «AL DECRETO SICUREZZA RISPONDIAMO POTENZIANDO L’INTEGRAZIONE SILENZIOSA, QUALIFICATA E NON VALORIZZATA»

«Alla Asl Rm 4 – ha precisato Quintavalle – sin dal 2002 abbiamo attivato convenzioni con ambulatori Amsi per stranieri, che permettono di assistere un numero elevato di persone, tra cui molti immigrati, anche in situazioni a possibile rischio, come le case circondariali, per le quali abbiamo attivato speciali “Task Force”. La Asl, inoltre, attualmente vaccina tutti coloro che, per qualsiasi motivo, entrano nel nostro territorio. È poi in programma – continua Quintavalle – l’apertura di Ambulatori Amsi per stranieri, per superare le difficoltà linguistiche, intensificare la prevenzione, la ricerca, la cooperazione internazionale e la collaborazione tra professionisti italiani e colleghi stranieri. Per questo vogliamo intensificare la collaborazione con l’Amsi, che in questi 18 anni ha dimostrato concretezza e costanza».

«Presso gli ambulatori e sportelli Amsi per stranieri – ha aggiunto Aodi – le patologie più frequenti, oggi, attengono a ginecologia, ortopedia, fisiatria, pneumologia, cardiologia, gastroenterologia, diabetologia, odontoiatria. Inoltre, si è registrato un aumento molto significativo di richieste di consulti psicologici (40% in più), visite cardiologiche e diabetologiche (35% in più), controlli anti-obesità (25% in più), visite per patologie di sterilità (20% in più). Dati che documentano la variazione di età, abitudini e stili di vita e di alimentazione degli stessi immigrati in Italia. È inoltre emerso dalle statistiche degli sportelli Amsi che oggi anche gli immigrati, adeguandosi alle abitudini occidentali e italiane, fanno pochi figli, affrontando matrimonio e gravidanza in età più avanzata rispetto ai loro Paesi di origine».

Inoltre Aodi, insieme ai membri del Consiglio Direttivo Amsi, hanno illustrato l’intenzione di lanciare il #DecretoAmsiperl’integrazione e la politica dei 2 binari, Sicurezza-Integrazione.

LEGGI ANCHE: SANITÀ, OLTRE 100 RICHIESTE DI PROFESSIONISTI STRANIERI NEL 2018. AODI (AMSI): «HANNO IN PARTE BILANCIATO LA CARENZA DI MEDICI ITALIANI»

Articoli correlati
Carenza medici, Foad Aodi (Amsi): «Nel 2026 mancheranno 100mila medici, 60mila infermieri e 30mila fisioterapisti tra SSN e privato»
Si è svolto a Roma il Congresso dell’Associazione nazionale medici di origine straniera in Italia. Il fondatore Aodi: «Bisogna creare le condizioni favorevoli nell’ambito lavorativo e della ricerca universitaria per portare in controtendenza questi dati, contrastando i bassi salari, lo sfruttamento lavorativo e la dilagante burocrazia»
Carenza medici, in Emilia Romagna ne mancheranno 8mila entro il 2025: ecco i dati diffusi da Amsi
Secondo gli ultimi dati aggiornati, all'appello mancherebbero 350 medici, 150 infermieri e 50 fisioterapisti
Ex specializzandi, Foad Aodi(Amsi): «Resa giustizia a tanti medici che lottano per i loro diritti»
«Perché i medici – spiega il presidente dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), Foad Aodi - tante volte ultimamente vedono i loro diritti e anche la loro professione a rischio, tra aggressioni e denunce»
Amsi: «400 medici, 300 infermieri e 150 fisioterapisti richiesti all’Amsi dal 2018 nella Regione Lazio»
«Nel 2025 mancheranno 15 mila medici nella Regione Lazio che è tra le prime in Italia come numero di strutture sanitarie pubbliche e private» così Foad Aodi, presidente dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) con la collaborazione del Movimento internazionale “Uniti per Unire”, anticipando alcune statistiche importanti e costruttive che saranno presentate durante […]
Congresso Amsi, Foad Aodi: «Presenteremo le nostre statistiche, proposte e criticità su carenza medici, concorsi, fuga dei medici e circoncisione»
L’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) annuncia l’apertura dei lavori del Congresso per il 22 giugno a Roma presso la Clinica Ars Medica a cui parteciperanno professionisti della sanità, italiani e di origine straniera. Un congresso accreditato con Ecm per tutte le professioni. Nella parte scientifica si discuterà di traumatologia sportiva e cure […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...