Lavoro 3 Dicembre 2018

Congresso Amsi, lanciati nuovi Ambulatori per stranieri e il #DecretoAmsiperl’integrazione

Aodi (Amsi) e Quintavalle (Asl Roma 4 e 5): «Uniti a favore di assistenza sanitaria, aggiornamento professionale, ricerca, dialogo e cooperazione internazionale»

Si è svolto il 1 dicembre a Roma, alla clinica “Ars Medica”, il Congresso dell’Amsi (Associazione Medici d’origine Straniera in Italia) cui han partecipato più di 150 professionisti della sanità, sia italiani che di origine straniera, confrontandosi sul tema “Neurotraumatologia e lesioni periferiche – Trattamento medico, chirurgico e riabilitazione”.

Il Congresso è stato aperto dal professor Foad Aodi, medico fisiatra, fondatore e presidente Amsi, nonché consigliere dell’OMCeO di Roma, e dal Direttore Generale della Asl RM 4 (Civitavecchia) Giuseppe Quintavalle.  «Sin dall’ inizio – ha ricordato Aodi – uno dei principali obbiettivi dell’AMSI è stata la gratuità dei corsi ECM in occasione di convegni come questo. La dimensione interdisciplinare, e internazionale, dell’aggiornamento non solo dei medici, ma di tutti i professionisti della sanità, è ormai un dato acquisito dai responsabili della sanità italiana. Ma fra i temi da approfondire, abbiamo anche i rapporti tra sanità e immigrazione, argomento essenziale in una società globalizzata come la nostra».

LEGGI ANCHE: FOAD AODI (AMSI): «AL DECRETO SICUREZZA RISPONDIAMO POTENZIANDO L’INTEGRAZIONE SILENZIOSA, QUALIFICATA E NON VALORIZZATA»

«Alla Asl Rm 4 – ha precisato Quintavalle – sin dal 2002 abbiamo attivato convenzioni con ambulatori Amsi per stranieri, che permettono di assistere un numero elevato di persone, tra cui molti immigrati, anche in situazioni a possibile rischio, come le case circondariali, per le quali abbiamo attivato speciali “Task Force”. La Asl, inoltre, attualmente vaccina tutti coloro che, per qualsiasi motivo, entrano nel nostro territorio. È poi in programma – continua Quintavalle – l’apertura di Ambulatori Amsi per stranieri, per superare le difficoltà linguistiche, intensificare la prevenzione, la ricerca, la cooperazione internazionale e la collaborazione tra professionisti italiani e colleghi stranieri. Per questo vogliamo intensificare la collaborazione con l’Amsi, che in questi 18 anni ha dimostrato concretezza e costanza».

«Presso gli ambulatori e sportelli Amsi per stranieri – ha aggiunto Aodi – le patologie più frequenti, oggi, attengono a ginecologia, ortopedia, fisiatria, pneumologia, cardiologia, gastroenterologia, diabetologia, odontoiatria. Inoltre, si è registrato un aumento molto significativo di richieste di consulti psicologici (40% in più), visite cardiologiche e diabetologiche (35% in più), controlli anti-obesità (25% in più), visite per patologie di sterilità (20% in più). Dati che documentano la variazione di età, abitudini e stili di vita e di alimentazione degli stessi immigrati in Italia. È inoltre emerso dalle statistiche degli sportelli Amsi che oggi anche gli immigrati, adeguandosi alle abitudini occidentali e italiane, fanno pochi figli, affrontando matrimonio e gravidanza in età più avanzata rispetto ai loro Paesi di origine».

Inoltre Aodi, insieme ai membri del Consiglio Direttivo Amsi, hanno illustrato l’intenzione di lanciare il #DecretoAmsiperl’integrazione e la politica dei 2 binari, Sicurezza-Integrazione.

LEGGI ANCHE: SANITÀ, OLTRE 100 RICHIESTE DI PROFESSIONISTI STRANIERI NEL 2018. AODI (AMSI): «HANNO IN PARTE BILANCIATO LA CARENZA DI MEDICI ITALIANI»

Articoli correlati
Amsi: eletto Direttivo e organigramma internazionale con conferme e new entry
L'Ufficio di presidenza Amsi conta ben 150 professionisti della sanità di origine straniera e il Comitato Scientifico più di 100 esperti italiani e di origine straniera a favore di Un'Unione Mondiale nella Sanità (UMS)
Chi saranno i medici scolastici? Pensionati, giovani, pediatri o stranieri. Le proposte dal mondo della sanità
Se per Cricelli (Simg) la soluzione è richiamare i medici in pensione, Mazzacane (Cisl Medici) punta sui camici grigi. Secondo Magi (Sumai) i pediatri di libera scelta sono l’opzione ideale e Aodi (Amsi) vede un’opportunità per i medici di origine straniera. Mangiacavalli (Fnopi) chiede invece l’istituzione dell’infermiere scolastico
Coronavirus, Aodi (Amsi): «Il 40% nel mondo dei contagi sono d’importazione ma non è colpa dei migranti irregolari»
Amsi, UMEM e UXU: «Bene controllare tutti i provenienti dai Paesi in cui l'epidemia è in fase acuta ma urge intensificare anche gli accordi bilaterali»
Coronavirus, Aodi (AMSI): «Oltre 150 morti di origine straniera in Italia. Verificati contagi dopo sepoltura deceduti»
Quella contro il Coronavirus «è una delle guerre peggiori che sto commentando con la stampa estera e mondiale da settimane per la gravità della situazione sanitaria e il numero dei morti giornaliero in Italia. Perché in Italia è successo tutto questo? Di chi è la colpa?». Sono queste le domande che si pone Foad Aodi, Presidente di […]
Reclutamento medici, Foad Aodi (Amsi): «Più di 100 medici di origine straniera hanno aderito al nostro appello, ora tocca alle Regioni»
«Condoglianze ai familiari di tutte le vittime di cui numerosi medici italiani e due di origine straniera». LEGGI ANCHE: L’APPELLO A MACRON DI 200 MEDICI ITALIANI IN FRANCIA: «PIU’ CONSAPEVOLEZZA DEL PERICOLO E PIU’ TUTELE» Così il presidente dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) e Unione Medica Euro Mediterranea (UMEM) il professor Foad Aodi […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 ottobre, sono 40.792.599 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.124.918 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...