Voci della Sanità 19 Novembre 2018 16:42

Foad Aodi (Amsi): «Al decreto sicurezza rispondiamo potenziando l’integrazione silenziosa, qualificata e non valorizzata»

Il Congresso annuale dell’AMSI (Associazione Medici d’origine Straniera in Italia) insieme al Corso d’aggiornamento AMSI in Neurotraumatologia si terrà il 1 dicembre a Roma. L’iniziativa si svolgerà nella Clinica “Ars medica” (Via Ferrero di Cambiano) con il patrocinio dell’Ordine dei Medici di Roma, Movimento “Uniti per Unire”, Unione Medica Euro mediterranea (UMEM) e BTL Italia. Parteciperanno professionisti della […]

Il Congresso annuale dell’AMSI (Associazione Medici d’origine Straniera in Italia) insieme al Corso d’aggiornamento AMSI in Neurotraumatologia si terrà il 1 dicembre a Roma. L’iniziativa si svolgerà nella Clinica “Ars medica” (Via Ferrero di Cambiano) con il patrocinio dell’Ordine dei Medici di Roma, Movimento “Uniti per Unire”, Unione Medica Euro mediterranea (UMEM) e BTL Italia.

Parteciperanno professionisti della sanità italiani e d’origine straniera: nel contesto del programma d’aggiornamento professionale e interdisciplinare dell’AMSI (che ha al suo attivo, in 18 anni, l’organizzazione di più di 650 convegni) s’intensifica la collaborazione tra AMSI e Ordine dei Medici di Roma e Provincia. Il convegno(accreditato ECM, con il rilascio, a tutti i professionisti partecipanti, di 6 crediti formativi) nasce nel quadro della politica dell’AMSI di massima apertura anche alle altre professioni sanitarie e alla società civile nel suo complesso. Interverranno, infatti: neurologi, neurochirurghi, fisiatri, radiologi, ortopedici, radiologi, fisioterapisti, podologi. 

«Sin dall’inizio della sua attività – precisa il professor Foad Aodi, medico fisiatra, fondatore e Presidente AMSI e Consigliere dell’ OMCeO di Roma  – l’AMSI ha ritenuto che medicina e sanità siano i migliori argomenti per sviluppare veramente il dialogo interculturale e inter religioso e la difesa dei diritti umani. Al Convegno del 1 dicembre, così, presenteremo le ultime proposte dell’AMSI e i suoi progetti recenti “Buona sanità Internazionale” e “Buona immigrazione”, per lo sviluppo d’una vera cooperazione sanitaria internazionale. Siamo, infatti, fortemente preoccupati – prosegue Aodi – per un quadro internazionale in cui, da una parte, continuiamo a contare le morti di  innocenti (nei vari conflitti o per fame o nel mare), la violenza contro donne ed anziani e la scomparsa – nel caos delle migrazioni irregolari – di migliaia di minorenni non accompagnati. Dall’altra, la mancanza di qualsiasi seria azione politica e diplomatica per prevenire tutto questo, con un preoccupante e gravissimo ritardo dell’ Unione Europea, che ha lasciato  l’Italia da sola in questi anni di emergenza  immigrazione, legata al continuo mutamento della geopolitica nei Paesi euro mediterranei e africani».

«Con i nostri due progetti – conclude il Presidente dell’ AMSI – proponiamo, in sostanza, nuove politiche nazionali per l‘immigrazione (che dev’essere sempre programmata coi vari Paesi di partenza): l’integrazione- termine che, oggi, sembra scomparsa dal lessico della politica italiana – e la sicurezza di tutti, nel rispetto di diritti e doveri. Ci sembra questa, da parte nostra, la migliore risposta al “Decreto sicurezza” del Governo. In Italia vivono e lavorano circa 80.000 professionisti della sanità (di cui circa 19.000 medici): senza negare la complessità dei problemi legati all’immigrazione, anzichè attribuire agli stranieri la responsabilità di tutto cerchiamo anche di valorizzare l’integrazione silenziosa,invisibile e qualificata, quella che ogni giorno, in Italia, compiono queste migliaia di professionisti della sanità, determinanti nel funzionamento del SSN e di altri importanti servizi pubblici. E pensiamo, nella cooperazione internazionale, a realizzare adeguati progetti di sviluppo dei servizi sanitari nei nostri Paesi di origine. Queste iniziative permettono di formare e specializzare medici in loco per curare adeguatamente bambini e malati, limitando, al tempo stesso, l’esodo annuale, in quei Paesi, di medici italiani, e le migliaia di richieste da parte di malati che desiderano essere curati in Italia, tramite progetti umanitari».

Articoli correlati
Sit-in al Ministero della Salute di medici e odontoiatri libero professionisti: «Noi ancora senza vaccino»
I camici bianchi in piazza per protestare contro l’ineguale trattamento con gli altri medici: «Perché siamo stati esclusi dalla fascia prioritaria del piano vaccinale?». A guidare la protesta Paolo Mezzana: «Nel Lazio differenze anche tra ASL. Ministro Speranza è consapevole della nostra condizione»
Disagio lavorativo e mancanza di organizzazione: ecco cosa vuole dire essere medici in Campania ai tempi del Covid
Il sondaggio di Anaao Campania ha evidenziato una scarsa formazione per la gestione dell’emergenza e numerose carenze procedurali
Recovery Plan, biocidi e vaccini: settimana parlamentare dedicata al lavoro delle Commissioni
Aule parlamentari poco impegnate anche se Palazzo Madama deve dare via libera all’ultimo decreto sulle misure anti Covid. AIFA, Farmindustria e Confindustria dispositivi medici tra le organizzazioni audite sul Piano di Ripresa e Resilienza
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Territorio, telemedicina e vaccini: il programma di Draghi ricalca quello di Speranza. E lo supera
La sanità secondo Draghi somiglia a quella immaginata nella bozza di Recovery Plan dello scorso governo. Ma il neo presidente del Consiglio ha aggiunto il suo tocco: piano vaccini e velocità d'esecuzione all'ordine del giorno come Israele
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...