Lavoro 11 Gennaio 2019

Concorsi emergenza-urgenza senza specializzazione, Pugliese (Simeu): «Ok se soluzione tampone, ma con percorso formativo»

Il presidente della Società italiana della Medicina di Emergenza-urgenza sull’emendamento al Dl Semplificazione che prevede la partecipazione ai concorsi 2019 di chi ha lavorato per 4 anni, negli ultimi 10, nei servizi di emergenza: «Non risolve carenza di specialisti ma sana la posizione del singolo medico»

Immagine articolo

Non sarà necessario avere una specializzazione per accedere ai concorsi per la medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza indetti nel corso del 2019. Sarà sufficiente aver maturato, negli ultimi dieci anni, almeno quattro anni di servizio, anche non continuativi, presso i servizi di emergenza-urgenza ospedalieri del Servizio sanitario nazionale. È quanto previsto da un emendamento del governo al decreto Semplificazione voluto dal Ministero della Salute e visionato dall’Adnkronos.

C’è chi parla di sanatoria e chi vede nell’emendamento una soluzione per garantire l’erogazione delle prestazioni. Intermedia la posizione di Francesco Rocco Pugliese, presidente nazionale della Società italiana della medicina di emergenza-urgenza, che da un lato evidenzia il «grado elevato di specializzazione e di competenza professionale» raggiunto oggi dai medici d’emergenza-urgenza, e quindi la necessità di formare medici specializzati in questa area per «garantire la qualità delle prestazioni erogate»; dall’altro sottolinea la «gravissima carenza di medici d’urgenza» e l’impossibilità, avendo «pianificato male gli accessi alle scuole di specializzazione», di colmare tale lacuna con i soli medici specialisti.

LEGGI ANCHE: SSN, NEL 2025 MANCHERANNO 16.500 SPECIALISTI. L’ALLARME DELL’ANAAO: «È VERA EMERGENZA NAZIONALE»

Ma i conti non tornano. Come evidenziato da Pugliese a Sanità Informazione, l’emendamento prevede l’ammissione ai concorsi di operatori che già hanno lavorato, negli ultimi 4 anni, nei servizi di emergenza ospedalieri e, molto probabilmente, ancora vi lavorano. Quindi «non vengono introdotte forze nuove nel sistema, non viene sanata la carenza di specialisti», ma «la posizione del singolo dirigente che, da contratto a tempo determinato o di collaborazione, vincendo il concorso otterrebbe un contratto a tempo indeterminato».

Poi «può essere accettata come soluzione tampone, eccezionale e irripetibile – aggiunge il presidente della Simeu – ma ad ogni modo dovrà essere previsto, per i vincitori non specializzati di questi concorsi, il completamento del percorso formativo per garantire la qualità delle prestazioni da erogare». E Pugliese azzarda delle ipotesi: «Si potrebbe per esempio pensare alla frequenza dell’ultimo biennio della scuola di specializzazione, ma non saranno di certo sufficienti poche centinaia di ore di un corso regionale». Ad ogni modo, questi medici «non saranno mai specialisti in medicina d’emergenza-urgenza, quindi come si svilupperà la loro carriera rispetto ai colleghi che hanno ottenuto la specializzazione?», si chiede in conclusione Francesco Pugliese.

Articoli correlati
Pronto soccorso, Manca: «File più lunghe di prima. Siamo la risposta alle inefficienze del territorio e dei reparti Covid»
Il presidente della Società italiana della medicina di emergenza-urgenza: «Da noi anche pazienti per tamponi o test sierologici e casi sospetti Covid che non trovano posto nei reparti dedicati. Ma in alcune aree d’Italia è stato dismesso il percorso differenziato, quindi in presenza di un solo positivo rischiamo di chiudere tutto il pronto soccorso»
di Isabella Faggiano
Cisl Medici Lazio: «Il Servizio sanitario regionale pubblico è stato abbandonato»
L'accusa della Cisl Medici Lazio: «Ripartenza doveva servire per riorganizzare, invece ha aperto agli acquisti da privati di tutte le prestazioni di specialistica ambulatoriale»
Giornata medicina emergenza-urgenza, la campagna internazionale: «Servono più medici, più infermieri, più servizi»
Al via la campagna #Emdaychallenge con le foto di medici e infermieri alla fine del turno. La coordinatrice della Giornata Roberta Petrino: «Dove c’era personale sufficiente e competente e si poteva disporre di attrezzature all’altezza della situazione, l'emergenza coronavirus è stata gestita al meglio e con migliori risultati sulla salute della popolazione»
Gli urgentisti: «Istituire il Medico unico dell’emergenza per garantire reale continuità assistenziale»
L’emergenza covid-19 che ha colpito duramente il nostro paese ha messo in evidenza lacune e carenze del nostro SSN, che ha retto grazie alla grande risposta degli operatori, ma che necessita di un intervento in tempi rapidissimi: Interventi strutturali nei Pronto Soccorso in modo da rendere stabili i percorsi differenziati dei pazienti, a iniziare dalle […]
di Salvatore Manca, Presidente Nazionale SIMEU
Italiani di nuovo in fila nei pronto soccorso. Manca (Simeu): «+30% di accessi rispetto alla fase 1»
Il presidente della Società italiana della medicina di emergenza-urgenza: «Durante il lockdown, al nord Italia il calo di accessi nei pronto soccorso ha superato il 50%. Al Sud, le richieste di cure negli stessi reparti sono diminuite di 15-30 punti percentuali»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 ottobre, sono 43.979.777 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.167.124 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...