Lavoro 11 Gennaio 2019 09:00

Concorsi emergenza-urgenza senza specializzazione, Pugliese (Simeu): «Ok se soluzione tampone, ma con percorso formativo»

Il presidente della Società italiana della Medicina di Emergenza-urgenza sull’emendamento al Dl Semplificazione che prevede la partecipazione ai concorsi 2019 di chi ha lavorato per 4 anni, negli ultimi 10, nei servizi di emergenza: «Non risolve carenza di specialisti ma sana la posizione del singolo medico»

Concorsi emergenza-urgenza senza specializzazione, Pugliese (Simeu): «Ok se soluzione tampone, ma con percorso formativo»

Non sarà necessario avere una specializzazione per accedere ai concorsi per la medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza indetti nel corso del 2019. Sarà sufficiente aver maturato, negli ultimi dieci anni, almeno quattro anni di servizio, anche non continuativi, presso i servizi di emergenza-urgenza ospedalieri del Servizio sanitario nazionale. È quanto previsto da un emendamento del governo al decreto Semplificazione voluto dal Ministero della Salute e visionato dall’Adnkronos.

C’è chi parla di sanatoria e chi vede nell’emendamento una soluzione per garantire l’erogazione delle prestazioni. Intermedia la posizione di Francesco Rocco Pugliese, presidente nazionale della Società italiana della medicina di emergenza-urgenza, che da un lato evidenzia il «grado elevato di specializzazione e di competenza professionale» raggiunto oggi dai medici d’emergenza-urgenza, e quindi la necessità di formare medici specializzati in questa area per «garantire la qualità delle prestazioni erogate»; dall’altro sottolinea la «gravissima carenza di medici d’urgenza» e l’impossibilità, avendo «pianificato male gli accessi alle scuole di specializzazione», di colmare tale lacuna con i soli medici specialisti.

LEGGI ANCHE: SSN, NEL 2025 MANCHERANNO 16.500 SPECIALISTI. L’ALLARME DELL’ANAAO: «È VERA EMERGENZA NAZIONALE»

Ma i conti non tornano. Come evidenziato da Pugliese a Sanità Informazione, l’emendamento prevede l’ammissione ai concorsi di operatori che già hanno lavorato, negli ultimi 4 anni, nei servizi di emergenza ospedalieri e, molto probabilmente, ancora vi lavorano. Quindi «non vengono introdotte forze nuove nel sistema, non viene sanata la carenza di specialisti», ma «la posizione del singolo dirigente che, da contratto a tempo determinato o di collaborazione, vincendo il concorso otterrebbe un contratto a tempo indeterminato».

Poi «può essere accettata come soluzione tampone, eccezionale e irripetibile – aggiunge il presidente della Simeu – ma ad ogni modo dovrà essere previsto, per i vincitori non specializzati di questi concorsi, il completamento del percorso formativo per garantire la qualità delle prestazioni da erogare». E Pugliese azzarda delle ipotesi: «Si potrebbe per esempio pensare alla frequenza dell’ultimo biennio della scuola di specializzazione, ma non saranno di certo sufficienti poche centinaia di ore di un corso regionale». Ad ogni modo, questi medici «non saranno mai specialisti in medicina d’emergenza-urgenza, quindi come si svilupperà la loro carriera rispetto ai colleghi che hanno ottenuto la specializzazione?», si chiede in conclusione Francesco Pugliese.

Articoli correlati
Aggressioni operatori sanitari, consegnato il premio Federsanità-Simeu “Curare la violenza”
Quattro le aree tematiche individuate dalla Commissione di Valutazione presieduta dalla dott.ssa Maria Pia Ruggieri, past president SIMEU per evidenziare impegno e buone pratiche sulla prevenzione della violenza contro medici ed infermieri messe a punto dalle tante aziende sanitarie e ospedaliere partecipanti
Carenza medici, Foad Aodi (Amsi): «Nei prossimi sei anni saranno chiusi 100 ospedali»
«Salviamo la sanità italiana prima che sia tardi, vanno date risposte immediate e programmarne altre per combattere la fuga dei professionisti della sanità all’estero, dalle strutture pubbliche e in pensione». Così Foad Aodi, Fondatore dell’Amsi, Associazione medici stranieri in Italia, membro della Commissione Salute Globale Fnomceo e già 4 volte consigliere Omceo di Roma. «Nei […]
«Concorsi rapidi e proroga alla possibilità di assumere specializzandi», le proposte di Cimo-Fesmed
La Cimo-Fesmed propone una serie di misure per contrastare la carenza di personale sanitario, tra cui concorsi rapidi e la proroga della possibilità di assumere gli specializzandi fino al 2024
Il caso Molise e i concorsi deserti. Florenzano (ASReM): «Aumentare l’attrattività delle aree interne con incentivi salariali e benefit»
Il direttore Generale dell’ASReM: «Mancano medici specialisti, ma non c’è carenza di infermieri e Oss». Il Consiglio regionale ha approvato una mozione per invio di medici militari nei Ps
Ddl fisioterapista di famiglia, Ferrara (SPIF): «Stop a sfruttamento e abusivismo, via alle cure domiciliari»
Secondo SPIF necessari 15 mila fisioterapisti di famiglia. Il Segretario Nazionale: «Puntiamo a bandi pubblici per l’inquadramento dei professionisti nel SSN con contratti di lavoro subordinato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 maggio, sono 526.097.252 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.278.679 i decessi. Ad oggi, oltre 11,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto