Lavoro 11 Gennaio 2019

Concorsi emergenza-urgenza senza specializzazione, Pugliese (Simeu): «Ok se soluzione tampone, ma con percorso formativo»

Il presidente della Società italiana della Medicina di Emergenza-urgenza sull’emendamento al Dl Semplificazione che prevede la partecipazione ai concorsi 2019 di chi ha lavorato per 4 anni, negli ultimi 10, nei servizi di emergenza: «Non risolve carenza di specialisti ma sana la posizione del singolo medico»

Immagine articolo

Non sarà necessario avere una specializzazione per accedere ai concorsi per la medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza indetti nel corso del 2019. Sarà sufficiente aver maturato, negli ultimi dieci anni, almeno quattro anni di servizio, anche non continuativi, presso i servizi di emergenza-urgenza ospedalieri del Servizio sanitario nazionale. È quanto previsto da un emendamento del governo al decreto Semplificazione voluto dal Ministero della Salute e visionato dall’Adnkronos.

C’è chi parla di sanatoria e chi vede nell’emendamento una soluzione per garantire l’erogazione delle prestazioni. Intermedia la posizione di Francesco Rocco Pugliese, presidente nazionale della Società italiana della medicina di emergenza-urgenza, che da un lato evidenzia il «grado elevato di specializzazione e di competenza professionale» raggiunto oggi dai medici d’emergenza-urgenza, e quindi la necessità di formare medici specializzati in questa area per «garantire la qualità delle prestazioni erogate»; dall’altro sottolinea la «gravissima carenza di medici d’urgenza» e l’impossibilità, avendo «pianificato male gli accessi alle scuole di specializzazione», di colmare tale lacuna con i soli medici specialisti.

LEGGI ANCHE: SSN, NEL 2025 MANCHERANNO 16.500 SPECIALISTI. L’ALLARME DELL’ANAAO: «È VERA EMERGENZA NAZIONALE»

Ma i conti non tornano. Come evidenziato da Pugliese a Sanità Informazione, l’emendamento prevede l’ammissione ai concorsi di operatori che già hanno lavorato, negli ultimi 4 anni, nei servizi di emergenza ospedalieri e, molto probabilmente, ancora vi lavorano. Quindi «non vengono introdotte forze nuove nel sistema, non viene sanata la carenza di specialisti», ma «la posizione del singolo dirigente che, da contratto a tempo determinato o di collaborazione, vincendo il concorso otterrebbe un contratto a tempo indeterminato».

Poi «può essere accettata come soluzione tampone, eccezionale e irripetibile – aggiunge il presidente della Simeu – ma ad ogni modo dovrà essere previsto, per i vincitori non specializzati di questi concorsi, il completamento del percorso formativo per garantire la qualità delle prestazioni da erogare». E Pugliese azzarda delle ipotesi: «Si potrebbe per esempio pensare alla frequenza dell’ultimo biennio della scuola di specializzazione, ma non saranno di certo sufficienti poche centinaia di ore di un corso regionale». Ad ogni modo, questi medici «non saranno mai specialisti in medicina d’emergenza-urgenza, quindi come si svilupperà la loro carriera rispetto ai colleghi che hanno ottenuto la specializzazione?», si chiede in conclusione Francesco Pugliese.

Articoli correlati
Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»
In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bianchi. Il segretario nazionale: «O si assume, o si rischia di chiudere». L’Anaao fornisce anche chiarimenti sul riscatto agevolato della laurea. E sul rinnovo del contratto aggiunge: «Puntiamo su remunerazione del disagio e carriera professionale»
Carenza Medici di famiglia, Angelo Testa: «Lavoriamo affinché ‘camici grigi’ possano completare formazione»
Il Sindacato Autonomo interviene sul tema sempre più attuale della carenza di Medici di Medicina Generale. «Da anni puntualmente denunciamo inascoltati – dice Angelo Testa, presidente nazionale dello Snami – la politica scellerata dei governi che nel tempo hanno sempre procrastinato una adeguata programmazione del fabbisogno di borse di studio per il corso di formazione […]
Napoli, medici del Cardarelli a Grillo e De Luca: «Intervenite, il nostro disagio è al limite. Siamo troppo penalizzati»
L'intersindacale: «Medici del Cardarelli subiscono gravi ed impari penalizzazioni professionali ed economiche. Fondi del Trattamento Accessorio attribuiti dalla Regione regolarmente scippati e non utilizzati per riconoscere i risultati e incentivare le migliori professionalità»
Chirurgia, Marini (Acoi): «Per paura dei contenziosi, i giovani non vogliono più fare i chirurghi e i chirurghi non vogliono più operare»
Il presidente dell’Associazione chirurghi ospedalieri italiani sostiene la proposta di istituire un Tribunale della Salute per portare un po' di serenità nel settore e salvare il sistema chirurgia italiano, messo fortemente a rischio da pensionamenti, calo della vocazione e fuga all'estero
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Medici di famiglia, è ancora polemica su norme per precari. Noemi Lopes (Fimmg): «Vigileremo, basta svilire formazione MMG»
La maggioranza ha ritirato l’emendamento Patuanelli che estendeva l'assegnazione degli incarichi convenzionali non solo ai medici di Medicina generale ma anche a quelli di emergenza-urgenza. Per il segretario della sezione formazione della Fimmg una soluzione per uscire dall’impasse potrebbe essere quella di separare il settore dell'emergenza dalla Medicina generale stabilizzando i precari del 118 direttamente nel loro settore
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Politica

Professioni sanitarie, Beatrice Lorenzin: «Ordine importante per combattere abusivismo. Ma dal Governo passi indietro con deregulation»

«Abbiamo bisogno sempre di una maggiore specializzazione e anche di una capacità di intercettare i cambiamenti tecnologici», sottolinea a Sanità Informazione l’ex ministro della Salute, oggi dep...