Lavoro 4 Novembre 2021 14:00

Chiudere le Usca? Bartoletti (Fimmg): «Prematuro e azzardato parlarne ora»

Il coordinatore delle Uscar nel Lazio a Sanità Informazione: «Per l’Oms la pandemia è ancora in corso, non alle spalle. Stiamo assistendo ad una recrudescenza di casi e farei attenzione a veicolare messaggi ambigui che possono generare confusione»

Chiudere le Usca? Bartoletti (Fimmg): «Prematuro e azzardato parlarne ora»

Il Governo sarebbe intenzionato a chiudere le USCA entro la fine dell’anno. Questa la notizia trapelata in questi giorni che ha suscitato il malcontento di politici, istituzioni e professionisti della salute. Le Unità Speciali di Continuità Assistenziale, nate con il decreto-legge n. 14 del 9 marzo 2020, sono infatti ancora oggi fondamentali per l’assistenza domiciliare e non solo. I medici Usca assistono i malati Covid a domicilio (con ecografi, saturimetri e altri strumenti diagnostici), effettuano tamponi, si occupano del contact tracing e della campagna vaccinale. Per questo, in molti pensano che possano rappresentare un valido supporto alla medicina territoriale.

Chiusura USCA, Bartoletti: «Pandemia ancora in corso, c’è bisogno di massima cautela»

«Smantellare qualcosa che serve ancora mi sembra assolutamente prematuro e azzardato – specifica a Sanità Informazione Pierluigi Bartoletti, coordinatore delle Uscar nel Lazio -. Per l’Oms la pandemia è ancora in corso, non alle spalle. Stiamo assistendo ad una recrudescenza di casi e farei attenzione a veicolare messaggi ambigui che possono generare confusione».

Secondo il vicesegretario Fimmg Lazio il freddo, i virus stagionali virali e la variante Delta rendono imprevedibile l’andamento dei contagi: «È atteso l’arrivo dell’influenza in un paese con tutti i servizi aperti – evidenzia –. La diagnostica differenziale in assenza di tamponi è molto complicata. Per questo i medici Usca fanno anche i tamponi. C’è bisogno di massima cautela e prudenza».

«La discussione sulle Usca non crea le condizioni giuste per poter lavorare bene»

E se è vero che «nomen omen» – aggiunge Bartoletti – ed è quindi innegabile che le Usca siano legate all’emergenza e che qualora finisca verrà meno la loro funzione, adesso «non solo è prematuro parlarne ma questa discussione non crea le condizioni giuste per poter lavorare bene. I lavoratori delle Usca devono essere più che concentrati sul contrasto al virus. E questi sono messaggi che disturbano chi sta lavorando ed è impegnato sul fronte Covid a domicilio per garantire l’assistenza ai malati. Necessitano della serenità per continuare a farlo e continueranno a farlo fino a quando la motivazione per la quale sono state create non verrà meno» sottolinea Bartoletti.

«Sarei molto cauto e aspetterei marzo per decidere la sorte delle Usca»

È presto, quindi, «per cantare vittoria» e per intavolare una conversazione sul futuro di «lavoratori assunti da due anni e ormai specializzati. La valutazione dovrà essere fatta anche alla luce del Pnrr. A bocce ferme, se si tornerà in una condizione di normalità, ne parleremo. Sarei molto cauto e aspetterei tempi più chiari per decidere cosa fare, almeno a marzo per vedere il quadro delineato».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
USCA, Manai – De Filippo (Pd): «Prorogare i contratti dei professionisti sanitari impiegati nella gestione dell’emergenza fino al 30 giugno»
«È utile ricordare che le disposizioni contenute nel decreto legge “Cura Italia” del 17/03/2020, nell’articolo 4 bis riguardanti l’attività delle Unità Speciali di Continuità Assistenziale, sono prorogate al 30 giugno 2022. La legge di bilancio infatti copre completamente i costi del servizio USCA fino al 30/06/2022, come si può evincere dall’Atto 3424 della Camera, all’articolo […]
Medicina generale “svalutata”. Scotti (Fimmg): «Mmg vicini al burnout, affogati dalla burocrazia»
Silvestro Scotti, Segretario nazionale Fimmg, nell’intervista esclusiva a Sanità Informazione lancia l’allarme. «Medicina generale svalutata. La prima domanda che ci fanno è sul Green pass, su come rientrare a scuola e al lavoro. Per un medico è avvilente»
Fondo famiglie medici deceduti, Scotti (Fimmg): «Aprire tutti gli studi invece che specularci su con sciopero discutibile»
Pina Onotri (Smi) ribadisce le ragioni dello sciopero del 1 e 2 marzo proclamato insieme alla Simet. E Scotti ribatte la contrarietà della Fimmg: «Preferiamo essere sui tavoli a discutere e a risolvere i problemi come abbiamo fatto. Forse qualcuno intende favorire le Regioni rispetto al passaggio alla dipendenza? »
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi