Lavoro 4 Novembre 2021 14:00

Chiudere le Usca? Bartoletti (Fimmg): «Prematuro e azzardato parlarne ora»

Il coordinatore delle Uscar nel Lazio a Sanità Informazione: «Per l’Oms la pandemia è ancora in corso, non alle spalle. Stiamo assistendo ad una recrudescenza di casi e farei attenzione a veicolare messaggi ambigui che possono generare confusione»

Chiudere le Usca? Bartoletti (Fimmg): «Prematuro e azzardato parlarne ora»

Il Governo sarebbe intenzionato a chiudere le USCA entro la fine dell’anno. Questa la notizia trapelata in questi giorni che ha suscitato il malcontento di politici, istituzioni e professionisti della salute. Le Unità Speciali di Continuità Assistenziale, nate con il decreto-legge n. 14 del 9 marzo 2020, sono infatti ancora oggi fondamentali per l’assistenza domiciliare e non solo. I medici Usca assistono i malati Covid a domicilio (con ecografi, saturimetri e altri strumenti diagnostici), effettuano tamponi, si occupano del contact tracing e della campagna vaccinale. Per questo, in molti pensano che possano rappresentare un valido supporto alla medicina territoriale.

Chiusura USCA, Bartoletti: «Pandemia ancora in corso, c’è bisogno di massima cautela»

«Smantellare qualcosa che serve ancora mi sembra assolutamente prematuro e azzardato – specifica a Sanità Informazione Pierluigi Bartoletti, coordinatore delle Uscar nel Lazio -. Per l’Oms la pandemia è ancora in corso, non alle spalle. Stiamo assistendo ad una recrudescenza di casi e farei attenzione a veicolare messaggi ambigui che possono generare confusione».

Secondo il vicesegretario Fimmg Lazio il freddo, i virus stagionali virali e la variante Delta rendono imprevedibile l’andamento dei contagi: «È atteso l’arrivo dell’influenza in un paese con tutti i servizi aperti – evidenzia –. La diagnostica differenziale in assenza di tamponi è molto complicata. Per questo i medici Usca fanno anche i tamponi. C’è bisogno di massima cautela e prudenza».

«La discussione sulle Usca non crea le condizioni giuste per poter lavorare bene»

E se è vero che «nomen omen» – aggiunge Bartoletti – ed è quindi innegabile che le Usca siano legate all’emergenza e che qualora finisca verrà meno la loro funzione, adesso «non solo è prematuro parlarne ma questa discussione non crea le condizioni giuste per poter lavorare bene. I lavoratori delle Usca devono essere più che concentrati sul contrasto al virus. E questi sono messaggi che disturbano chi sta lavorando ed è impegnato sul fronte Covid a domicilio per garantire l’assistenza ai malati. Necessitano della serenità per continuare a farlo e continueranno a farlo fino a quando la motivazione per la quale sono state create non verrà meno» sottolinea Bartoletti.

«Sarei molto cauto e aspetterei marzo per decidere la sorte delle Usca»

È presto, quindi, «per cantare vittoria» e per intavolare una conversazione sul futuro di «lavoratori assunti da due anni e ormai specializzati. La valutazione dovrà essere fatta anche alla luce del Pnrr. A bocce ferme, se si tornerà in una condizione di normalità, ne parleremo. Sarei molto cauto e aspetterei tempi più chiari per decidere cosa fare, almeno a marzo per vedere il quadro delineato».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Allarme carenza Zitromax, «Italia unico Paese in Europa in cui è introvabile». Federfarma invia segnalazione ad Aifa
Le linee guida non prevedono l’uso di Azitromicina nella terapia per il Covid-19 ma gli scaffali sono vuoti un po’ ovunque. Tobia (Federfarma): «Mancanza farmaco pericoloso per chi ne ha davvero bisogno». Scotti (Fimmg): «Medici che fanno il loro dovere non prescrivono Azitromicina in modo inappropriato»
Riforma medicina generale, Scotti (FIMMG): «Mantenere monte compensi. Vincoli orari non si trasformino in assistenza lacunosa»
Novità su retribuzione e distribuzione oraria tra studio e Case di Comunità. Il Segretario Generale della Federazione italiana dei Medici di Medicina Generale: «Sì alla quota variabile di retribuzione, ma ognuno faccia (bene) la sua parte»
La legge di Bilancio 2022 arriva alla Camera per il via libero definitivo
Ultimo passaggio parlamentare per la manovra 2022 che deve avere il via libera entro il 31 dicembre. I lavori parlamentari riprenderanno poi dopo il 6 gennaio
di Francesco Torre
Nasce l’Unione Italiana per la Salute: medici e pazienti insieme per tutelare la salute dei cittadini
Senior Italia FederAnziani, SIPES, SUMAI Assoprof e FIMMG insieme per predisporre un quadro culturale, un insieme di attività e un tessuto di relazioni entro cui possa trovare concreta attuazione il diritto alla tutela della salute
«In lotta con il Covid casa per casa, questa esperienza non va dispersa». Il racconto di due giovani medici Usca
Cesare De Virgilio e Nadia Neri hanno scelto di partecipare al bando e hanno cominciato nel picco della seconda ondata pandemica, tra ottobre 2020 e gennaio 2021. Ora però chiedono che le Usca diventino la base per un potenziamento della sanità territoriale del futuro
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre