Contributi e Opinioni 3 Novembre 2021 09:52

Ministro, smantellare le USCA sarebbe un errore madornale

Siamo un gruppo di medici USCA operanti in tutte le parti d’Italia, ed abbiamo accolto con delusione la notizia, trapelata da fonti interne al Governo, che il ministro Speranza sia intenzionato a chiudere definitivamente il progetto USCA per fine dicembre. Una scelta che non solo lascerebbe scoperto un servizio essenziale durante una pandemia dall’andamento imprevedibile, […]

di I medici USCA
Ministro, smantellare le USCA sarebbe un errore madornale

Siamo un gruppo di medici USCA operanti in tutte le parti d’Italia, ed abbiamo accolto con delusione la notizia, trapelata da fonti interne al Governo, che il ministro Speranza sia intenzionato a chiudere definitivamente il progetto USCA per fine dicembre. Una scelta che non solo lascerebbe scoperto un servizio essenziale durante una pandemia dall’andamento imprevedibile, ma che sprecherebbe l’occasione di trasformare il progetto USCA in un innovativo esperimento di supporto alla medicina territoriale.

In questo periodo l’Europa ci chiede a gran voce di investire nella sanità del territorio, e lo fa mettendoci a disposizione 4 miliardi di euro per rinnovare l’assistenza domiciliare. Con queste premesse, un progetto che ha impiegato (e formato) migliaia di medici nell’assistere malati Covid a casa utilizzando ecografi, ega ed altri strumenti diagnostici, in qualsiasi altro Paese verrebbe confermato e potenziato. Come mai invece qui si parla di smantellarlo?

Istituite con il decreto legge n. 14 del 9 marzo 2020 le Unità Speciali di Continuità Assistenziale sono state un presidio fondamentale durante tutta l’emergenza. Tutti gli studi infatti hanno dimostrato che sono state utilissime a decongestionare i pronto soccorso e a ridurre i ricoveri. Le aree maggiormente coperte da servizi Usca sono quelle infatti dove troviamo tassi di ospedalizzazione minori. Successivamente poi i medici USCA sono stati impiegati anche nelle attività di contact tracing, e nell’avvio della campagna vaccinale. Ancora oggi la maggior parte degli hub va avanti grazie al supporto determinante dei vaccinatori USCA .

Allora perché questa fretta di chiudere il servizio? La pandemia purtroppo non è ancora lasciata alle spalle. La Russia batte ogni giorno record di decessi, Israele si prepara alla quinta ondata, l’Inghilterra tocca i 50mila contagi giornalieri. La variante Delta rende difficile fare previsioni in vista dell’inverno. Lasciare in attività le squadre USCA è una forma di tutela per la salute di tutti i cittadini. Auspichiamo inoltre, come anticipato in precedenza, che il progetto USCA veda ampliato il suo raggio d’azione. Non solo Covid, non solo vaccini, ma un servizio di visite domiciliari a supporto di tutta la rete di medici del territorio.

Questa pandemia ci ha insegnato che la casa può essere il primo luogo di presa in carico dei pazienti, ed anche il più economico. Basti pensare che il costo di un ricovero si aggira sui 15.000 euro l’anno, quando per trattare lo stesso paziente cronico presso il suo domicilio ne basterebbe un decimo. Avere squadre di medici USCA pronti durante il giorno ad effettuare visite domiciliari significherebbe ridurre sensibilmente gli accessi in pronto soccorso (ogni anno, su 21 milioni di accessi, 16 sono codici bianchi o verdi). Le USCA potrebbero anche fornire un servizio sanitario di prossimità per tutti quei cittadini sprovvisti di medico curante. Già oggi 1,5 milioni di italiani sono rimasti senza medico di famiglia, e questo numero, tra pensionamenti e “crisi vocazionale” della medicina generale, potrebbe salire a 15 milioni.

Alla luce di tutto questo, la nostra richiesta è di non dimenticarci della lezione che ci ha dato questa emergenza, continuando quindi a garantire un servizio che fa della vicinanza ai cittadini il suo principale punto di forza.

 

I medici USCA

 

Cesare De Virgilio Suglia

Alberto Fasci

Davide Addis

Marina Cicione

Giuseppe Ciminelli

Claudio Corazzi

Giorgia Deiana

Agostino Devastato

Riccardo Mascaretti

Miranda Mitica

Matteo Pardossi

Alessia Pili

Antonella Procopio

Valeria Zurlo

Tags

Articoli correlati
«In lotta con il Covid casa per casa, questa esperienza non va dispersa». Il racconto di due giovani medici Usca
Cesare De Virgilio e Nadia Neri hanno scelto di partecipare al bando e hanno cominciato nel picco della seconda ondata pandemica, tra ottobre 2020 e gennaio 2021. Ora però chiedono che le Usca diventino la base per un potenziamento della sanità territoriale del futuro
di Francesco Torre
Chiudere le Usca? Bartoletti (Fimmg): «Prematuro e azzardato parlarne ora»
Il coordinatore delle Uscar nel Lazio a Sanità Informazione: «Per l’Oms la pandemia è ancora in corso, non alle spalle. Stiamo assistendo ad una recrudescenza di casi e farei attenzione a veicolare messaggi ambigui che possono generare confusione»
Il PD compatto chiede di salvare le USCA: «Prorogare personale sanitario almeno per tutto il 2022»
«Introdotte per fronteggiare l’emergenza le Unità speciali di continuità assistenziali (Usca) si sono non solo rivelate utilissime per garantire assistenza e vicinanza alle persone costrette al proprio domicilio, ma hanno anche colmato un vuoto nel sistema sanitario. Per questa ragione è auspicabile che vengano rinnovate e ne sia garantita la continuità di intervento. Il Dipartimento […]
USCA, Carnevali (Pd): «Mantenerle oltre la scadenza del 31 dicembre per rafforzare assistenza domiciliare»
«Il nostro obbiettivo primario è quello di raggiungere il 90% di copertura vaccinale. Siamo però di fronte a un aumento dei casi, seppur spesso circoscritti, e a una maggiore capacità di tracciamento degli asintomatici e non grazie all’introduzione del green pass. Mantenere l’esperienza delle Usca, attualmente previste fino al termine dello stato di emergenza, oltre […]
Manai (Pd): «Bene compatibilità USCA – specializzazione. Approvato Odg per aumento posti in infermieristica»
«Le USCA diventano finalmente compatibili con il contratto della scuola di specializzazione» sottolinea il Responsabile nazionale della formazione sanitaria del PD
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano