Contributi e Opinioni 1 Giugno 2022 09:39

Niente più USCA. Ministro, la pandemia ci ha insegnato questo?

di Medici USCA

di Medici USCA

Buongiorno,

siamo un gruppo di Medici USCA operanti in tutte le parti d’Italia, ed abbiamo accolto con delusione la notizia, trapelata da fonti interne al Governo, che il Ministro Speranza sia intenzionato a chiudere definitivamente il progetto USCA per Giugno.

Inoltre apprendiamo con rammarico come la Regione Puglia, andando addirittura contro le indicazioni del Governo, abbia già quasi del tutto sospeso il servizio. Le USCA sono la prima linea per prendere in carico qualsiasi paziente con sintomatologia influenzale o Covid positivo.

La sospensione del servizio, nel medio termine, potrebbe avere risvolti drammatici in primis per i pazienti ma anche per il resto delle figure sanitarie. Ci troviamo nel periodo di minor restrizioni dall’inizio della pandemia e riteniamo ragionevole tenere alta la guardia, anche in vista degli assembramenti estivi e dell’arrivo della stagione autunnale.

L’USCA in questi due anni si è occupata prettamente di :

  • Dimissioni dei pazienti più difficili e supporto per l’Assistenza Domiciliare in situazioni di instabilità clinica o con particolari necessità diagnostiche terapeutiche; Collaborazione con le cure domiciliari integrate per pazienti covid e telemonitoraggio giornaliero dei pazienti
  • Presa in carico e follow-up dei pazienti domiciliari durante focolai epidemici, garantendo una risposta rapida e flessibile effettuando accertamenti diagnostici specifici e interventi terapeutici tempestivi, quali ad esempio le terapie tempo dipendenti (antivirali e monoclonali)
  • Collaborazione e supporto ai Dipartimenti di Prevenzione nei programmi di prevenzione territoriale quali, ad esempio, interventi mirati nelle scuole e nelle comunità difficili da raggiungere, vaccinazioni domiciliari e presso le RSA/Case di Riposo per pazienti “fragili”.

Non pensiamo solo al vaccino anti Covid, per il quale abbiamo svolto un ruolo essenziale nella campagna vaccinale più imponente della storia, ma potremmo essere impiegati per accelerare le vaccinazioni per influenza, pneumococco, meningococco, epatiti virali, herpes zoster ecc. come già avvenuto con successo in varie regioni

Gli importanti tagli di personale che ci sono stati con il termine dello stato di emergenza hanno messo a dura prova il nostro sistema.

Riteniamo questo clima di instabilità e di mancanza di visione a lungo termine molto pericoloso per la qualità del servizio offerto, soprattutto in caso di carichi di lavoro eccessivi, e per la possibile difficoltà di reclutamento future da parte di medici che non vedranno prospettive in un servizio che hanno sviluppato con quel poco che le Asl hanno offerto.

Oltre a questo, i medici che si sono ritrovati a combattere il Covid in prima linea da Marzo 2020 rischiando più volte di perdere la vita, si sono visti esclusi, ritrovandosi licenziati da un giorno all’altro.

Sono quindi diversi gli interrogativi che ci poniamo: come considerare il nostro impiego in queste nuove fasi? Come integrarlo con le nostre altre occupazioni? Quale sarà il futuro di queste unità al di fuori della pandemia?

L’esperienza di questi due anni ci ha insegnato che le USCA sono state e sono tuttora un modello di sanità vincente, anche al di là della pandemia virale.

Queste unità sono una determinante arma in più per il sistema sanitario e per il cittadino.

Sono state colmate molte lacune presenti nella medicina del territorio ed è stato minimizzato il numero di accessi in ospedale consentendo così di alleggerire la pressione su queste ultime strutture anche nei momenti più critici.

Si è verificata una vera e propria formazione sul campo di centinaia di giovani medici che hanno affrontato questo evento senza precedenti. Senza scendere in troppi tecnicismi si pensi alla possibilità di eseguire e verificare esami come emogasanalisi arteriosa o ecografia toracica al domicilio del paziente.

Ripartire da zero, dopo questi due anni, dopo il bagaglio di esperienze e culturale creato, gettando al vento queste preziose risorse, riteniamo che sarebbe veramente un grande spreco.

Chiediamo quindi maggior chiarezza e sensibilità al ministero della Salute e alle forze politiche verso questo progetto contenuto nel DM 71 ribadendo la volontà di metterci a disposizione per questo importante miglioramento della sanità.

Se da cittadini desideriamo un ritorno alla normalità, da sanitari auspichiamo un progresso verso una nuova normalità, nella quale questa triste pandemia ci avrà lasciato in eredità uno strumento in più per colmare le storiche lacune della sanità territoriale.

In questa lettera ci rivolgiamo soprattutto al Ministro Speranza il quale ha più volte ha elogiato il personale sanitario e vantato un segno positivo nell’aumento dei fondi del fondo sanitario nazionale durante il suo mandato.

Purtroppo ad oggi vediamo un importante inversione di tendenza a partire dal taglio di 300 milioni l’anno alla Sanità già dal 2023 ed un licenziamento di massa del personale sanitario impegnato nell’emergenza Covid, lasciando cosi nel totale oblio milioni di pazienti fragili che non avranno la possibilità di un’adeguata assistenza domiciliare e che saranno abbandonati a se stessi o nelle sale di attesa dei PS.

Ministro, la pandemia ci ha insegnato questo?

Speriamo di poterci ricredere al più presto.

Vi porgiamo i nostri più cordiali saluti.

 

In fede,

Matteo Pardossi
Cesare De Virgilio
Vincenzo Lavecchia
Claudio Corazzi
Riccardo Mascaretti
Francesca Giovane
Carmen Anania
Lorenzo Conciarelli
Davide Addis
Giulio Gagliardi
Giuseppe Ciminelli
Simona Autunnali
Salvatore Rampulla

Articoli correlati
USCA, Manai – De Filippo (Pd): «Prorogare i contratti dei professionisti sanitari impiegati nella gestione dell’emergenza fino al 30 giugno»
«È utile ricordare che le disposizioni contenute nel decreto legge “Cura Italia” del 17/03/2020, nell’articolo 4 bis riguardanti l’attività delle Unità Speciali di Continuità Assistenziale, sono prorogate al 30 giugno 2022. La legge di bilancio infatti copre completamente i costi del servizio USCA fino al 30/06/2022, come si può evincere dall’Atto 3424 della Camera, all’articolo […]
La legge di Bilancio 2022 arriva alla Camera per il via libero definitivo
Ultimo passaggio parlamentare per la manovra 2022 che deve avere il via libera entro il 31 dicembre. I lavori parlamentari riprenderanno poi dopo il 6 gennaio
di Francesco Torre
«In lotta con il Covid casa per casa, questa esperienza non va dispersa». Il racconto di due giovani medici Usca
Cesare De Virgilio e Nadia Neri hanno scelto di partecipare al bando e hanno cominciato nel picco della seconda ondata pandemica, tra ottobre 2020 e gennaio 2021. Ora però chiedono che le Usca diventino la base per un potenziamento della sanità territoriale del futuro
di Francesco Torre
Chiudere le Usca? Bartoletti (Fimmg): «Prematuro e azzardato parlarne ora»
Il coordinatore delle Uscar nel Lazio a Sanità Informazione: «Per l’Oms la pandemia è ancora in corso, non alle spalle. Stiamo assistendo ad una recrudescenza di casi e farei attenzione a veicolare messaggi ambigui che possono generare confusione»
Il PD compatto chiede di salvare le USCA: «Prorogare personale sanitario almeno per tutto il 2022»
«Introdotte per fronteggiare l’emergenza le Unità speciali di continuità assistenziali (Usca) si sono non solo rivelate utilissime per garantire assistenza e vicinanza alle persone costrette al proprio domicilio, ma hanno anche colmato un vuoto nel sistema sanitario. Per questa ragione è auspicabile che vengano rinnovate e ne sia garantita la continuità di intervento. Il Dipartimento […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...