Lavoro 22 Ottobre 2018

Chirurgia plastica, il neo presidente Sicpre Fasano: «Farò sentire i soci a casa loro, puntando su confronto e aggiornamento»

Adriana Cordova tira le somme della sua presidenza, appena terminata: «Ho cercato di rafforzare il ruolo di guida scientifica della società e organizzato percorsi diagnostico-terapeutici per i pazienti transessuali»

Immagine articolo

Passaggio di consegne in casa Sicpre. In occasione del suo congresso annuale, la Società italiana di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica ha accolto il suo nuovo presidente, il dottor Daniele Fasano, che prende il posto della dottoressa Adriana Cordova.

«Cercherò soprattutto di far sentire ai soci che la Sicpre è la casa degli specialisti in chirurgia plastica – ha dichiarato Fasano a Sanità Informazione parlando delle sue aspettative nella veste di questo nuovo ruolo – dando loro la possibilità di un confronto e di un aggiornamento moderni, obiettivi che non sono sempre facili da raggiungere ma assolutamente necessari. Organizzeremo quindi corsi dedicati, anche a distanza, cercando di far capire ai soci che cosa la Sicpre sta facendo per loro».

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA PLASTICA, IL PRESIDENTE DEL CONGRESSO SICPRE PALOMBO: «NON È PIÙ LA SPECIALITÀ DELLA VANITÀ, MA SERVE PER GUARIRE»

Adriana Cordova, attualmente presidente del congresso, ricorda invece sorridendo la sua esperienza alla guida della società. «Un anno indimenticabile» durante il quale la dottoressa Cordova ha cercato di «rafforzare il ruolo di guida scientifica della società, avviando gruppi di studio multicentrici, la revisione della stesura delle linee guida per gli interventi ed introducendo gli abbonamenti gratuiti a due riviste scientifiche».

«Un altro aspetto a cui mi sono dedicata particolarmente – prosegue Cordova – è stato l’organizzazione di percorsi diagnostico-terapeutici per i pazienti transessuali». In particolare, la dottoressa Cordova sta avviando all’università di Palermo il progetto “Tutto tutela” per la tutela umanitaria dei soggetti transessuali e transgender in ambiente ospedaliero: «Con un finanziamento europeo – spiega ai nostri microfoni – abbiamo creato un percorso con tutte le figure che intervengono nella transizione di genere, quindi urologo, ginecologo, chirurgo plastico, psicologo, psichiatra e anche un linguista, perché questi pazienti delle volte si esprimono in modi leggermente diversi. Stiamo quindi cercando di lavorare tutti insieme per rendere più facile il loro percorso».

LEGGI ANCHE: POPOLAZIONE TRANSGENDER, AL VIA IL PRIMO STUDIO DI SANITÀ PUBBLICA PER “FOTOGRAFARNE” LO STATO DI SALUTE

Sono anche questi i testimoni che il neo presidente Fasano dovrà raccogliere, oltre ad affrontare le nuove frontiere della chirurgia plastica: «La nostra è una disciplina molto poliedrica, con atteggiamenti ricostruttivi e aspettative estetiche. In chirurgia ricostruttiva sicuramente è la microchirurgia che oggi ci consente di ottenere risultati spettacolari, che fino a pochi anni fa non potevano essere immaginati. Quello è il futuro, insieme alle cellule staminali. Nell’ambito della chirurgia estetica è chiaro che l’obiettivo è sempre più quello di avere dei risultati naturali, stabili nel tempo, con decorsi post-operatori brevi. C’è da dire che non sempre questi tre aspetti possono essere raggiunti in contemporanea, quindi – conclude Fasano – l’obiettivo forse è proprio cercare il giusto compromesso in questo senso».

Articoli correlati
Coronavirus, D’Andrea (Sicpre): «Orgoglioso di essere un “camice bianco”, augurando però che il Governo risolva le nostre problematiche di sempre»
«Un’Italia in ginocchio è chiusa in casa per il Coronavirus. Almeno questo dovrebbe essere per tutti (#iorestoacasa). Ma le altre categorie di specialisti, come la nostra, non mancano di esprimere la loro vicinanza a medici e infermieri in prima linea negli ospedali di tutto il Paese, di cui sempre dovrebbero essere tutelati i diritti». Così […]
Coronavirus, Sicpre invita i soci a donare. D’Andrea: «Scendiamo in campo per aiutare gli ospedali italiani»
«L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato la pandemia, ma questa parola non deve terrorizzare le persone. Le uniche misure restrittive di cui dobbiamo tenere conto sono quelle imposte dal Governo. In qualità di presidente della Società italiana di Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica ho invitato tutti a donare agli ospedali che da giorni stanno lavorando […]
Coronavirus, l’appello di D’Andrea (Sicpre) ai colleghi medici: «Tutti abbiamo giurato su Ippocrate, uniti in questa battaglia di prevenzione»
La Società italiana di Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica scende in campo nella battaglia contro il Coronavirus. Così in una nota il presidente Francesco D’Andrea: «In questo momento di emergenza sanitaria, in qualità di medico e di presidente della Sicpre, mi sento di essere vicino a tutti i colleghi che continuano a lottare ogni giorno […]
Rinoplastica, D’Andrea (Sicpre): «In aumento interventi maschili per rifarsi il naso»
«Quello che è importante è valutare attentamente l’indicazione all’intervento e saper dire no, se la richiesta non è corretta», spiega il presidente della Società italiana di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica
Chirurgia estetica, la denuncia di Sicpre: «Basta abusivismo categoria, danni al 30% dei pazienti»
In Italia nel settore privato chiunque sia anche solo laureato in Medicina può eseguire interventi di chirurgia plastica, anche senza specializzazione. D’Andrea: «Casi in aumento. Prima di sottoporsi ad un intervento necessario controllare se il professionista è adeguatamente formato o se millanta»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 aprile, sono 1.016.534 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 53.164 i decessi e 211.856 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollett...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...