Lavoro 12 Ottobre 2018

Chirurgia plastica, il presidente del congresso Sicpre Palombo: «Non è più la specialità della vanità, ma serve per guarire»

Trasformata per tre giorni in capitale della chirurgia plastica, da Roma il messaggio degli specialisti: «Lavoriamo sempre più a braccetto con altre discipline, migliorando la qualità delle cure e l’aspettativa di vita dei pazienti»

Immagine articolo

La chirurgia plastica è sinonimo di vanità? No, serve per guarire, e migliora la qualità e l’aspettativa di vita dei pazienti. È il messaggio lanciato dai 700 chirurghi plastici intervenuti al 67° congresso nazionale della Società italiana di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica Sicpre presso il Marriott Hotel di Roma.

«La chirurgia plastica ricostruttiva – spiega ai nostri microfoni Paolo Palombo, presidente del congresso – è oggi un elemento indispensabile in molte specialità, a partire dall’oncologia: tutta la parte ricostruttiva dei tumori non avrebbe senso se non ci fosse il chirurgo plastico. Lo stesso vale per le traumatologie, per esempio: quando si ha un trauma con una vasta perdita di sostanza, anche se la parte ossea viene riparata, l’intervento non avrà un buon esito se non interviene il chirurgo plastico. Idem per la ginecologia, la medicina rigenerativa e tutta una serie di campi in cui la chirurgia plastica è diventata necessaria. Non è più una chirurgia delle vanità, ma una chirurgia morfodinamica per il futuro».

Anche i pazienti con paraplegia e tetraplegia beneficiano della chirurgia plastica: «Per poter stare sulla carrozzina e non essere costretti a letto – spiega Palombo -, queste persone hanno bisogno di periodici trattamenti. Il chirurgo plastico crea dei cuscinetti nella regione dei glutei, evitando perdite di sostanza che comprometterebbero l’integrità della parte».

Più tradizionale il “tandem” con l’oncologo nella chirurgia della mammella, dove il lavoro in parallelo consente in alcuni casi di ricostruire il seno durante lo stesso intervento demolitivo, risparmiando alla paziente il trauma della mutilazione e una seconda operazione. E «oltre a ripristinare le forme venute meno in seguito all’intervento oncologico – prosegue il presidente – le conquiste della chirurgia plastica si sono rivelate utili anche nella lotta al dolore cronico che spesso segue all’intervento di mastectomia, compromettendo la qualità di vita della paziente». Risultati ottenuti grazie al lipofilling, cioè l’auto-trapianto di grasso, con cui si trasferisce nella cicatrice lasciata dall’intervento oncologico una piccola quantità di grasso della paziente stessa che, grazie alle cellule staminali adulte che contiene, attiva un processo di rigenerazione anche sulle terminazioni nervose rimaste “intrappolate” nella cicatrice lasciata dall’intervento oncologico, riducendo il dolore.

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA ESTETICA, BARUFFALDI PREIS: «SBAGLIA FEDE, IL BOTULINO È LEGALE. MA ATTENTI ALL’EFFETTO DEL “RE NUDO”»

Principale appuntamento scientifico dell’anno, il congresso è anche occasione per approfondire le novità intervenute negli ultimi anni nella branca della chirurgia plastica e intravedere le sfide e le nuove frontiere che il futuro le riserva. Come nel campo delle ustioni, una patologia che «sta subendo un radicale cambiamento nella terapia – spiega Palombo, direttore del Centro Grandi Ustionati e Chirurgia Plastica della Asl Roma 1 -. Abbiamo ad esempio un prodotto che ci permette di togliere la cute ustionata senza dover portare il paziente in sala operatoria, e così tante altre medicazioni biologicamente avanzate ci consentono di ridurre notevolmente il rischio infettivo e il tempo di degenza e avere un indice di guarigione estremamente alto».

Per tutti questi motivi il chirurgo plastico oggi «non può fare a meno del costante aggiornamento. E soprattutto per i giovani che si sono affacciati da poco alla professione – conclude Palombo -, il congresso Sicpre è non solo un incontro scientifico, ma anche sociale e culturale, per essere sempre più all’avanguardia in quello che oggi ci viene richiesto nella sanità».

LEGGI ANCHE: FRANCESCO WIRZ, L’ITALIANO CHE HA OPERATO L’UOMO DAI TRE VOLTI: «IN FRANCIA FIDUCIA AI GIOVANI, COSI’ SI FORMANO I CHIRURGHI»

Articoli correlati
Chirurgia estetica, la denuncia di Sicpre: «Basta abusivismo categoria, danni al 30% dei pazienti»
In Italia nel settore privato chiunque sia anche solo laureato in Medicina può eseguire interventi di chirurgia plastica, anche senza specializzazione. D’Andrea: «Casi in aumento. Prima di sottoporsi ad un intervento necessario controllare se il professionista è adeguatamente formato o se millanta»
Salute e intimità femminile, sempre più richieste di ritocco ai genitali
Parti intime femminili imperfette o invecchiate: per le donne non è più un tabù e cresce la richiesta del ritocco per sentirsi più belle e a proprio agio. L’utilizzo di indumenti attillati come leggins e costumi da bagno particolarmente aderenti, o anche l’epilazione totale delle zone intime, mettono infatti i genitali in risalto. E, nei […]
Chirurgia post-bariatrica, è boom. De Santis (Sicpre): «Dopo perdita peso, bisogna affrontare il rilassamento cutaneo»
«Nuove metodiche prevengono le complicanze e riducono i costi». L’intervista al professore ordinario di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica presso l’Università di Modena
Ricerca e formazione, parlano i vincitori del Premio “SICPRE Giovani”
Il Premio, organizzato dalla Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, è andato a 10 giovani promesse della chirurgia italiana. I lavori verranno pubblicati sulla prestigiosa rivista internazionale PRS GO
Chirurgia plastica, il neo presidente Sicpre Fasano: «Farò sentire i soci a casa loro, puntando su confronto e aggiornamento»
Adriana Cordova tira le somme della sua presidenza, appena terminata: «Ho cercato di rafforzare il ruolo di guida scientifica della società e organizzato percorsi diagnostico-terapeutici per i pazienti transessuali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...