Salute 12 Ottobre 2018 11:46

Chirurgia plastica, il presidente del congresso Sicpre Palombo: «Non è più la specialità della vanità, ma serve per guarire»

Trasformata per tre giorni in capitale della chirurgia plastica, da Roma il messaggio degli specialisti: «Lavoriamo sempre più a braccetto con altre discipline, migliorando la qualità delle cure e l’aspettativa di vita dei pazienti»

Chirurgia plastica, il presidente del congresso Sicpre Palombo: «Non è più la specialità della vanità, ma serve per guarire»

La chirurgia plastica è sinonimo di vanità? No, serve per guarire, e migliora la qualità e l’aspettativa di vita dei pazienti. È il messaggio lanciato dai 700 chirurghi plastici intervenuti al 67° congresso nazionale della Società italiana di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica Sicpre presso il Marriott Hotel di Roma.

«La chirurgia plastica ricostruttiva – spiega ai nostri microfoni Paolo Palombo, presidente del congresso – è oggi un elemento indispensabile in molte specialità, a partire dall’oncologia: tutta la parte ricostruttiva dei tumori non avrebbe senso se non ci fosse il chirurgo plastico. Lo stesso vale per le traumatologie, per esempio: quando si ha un trauma con una vasta perdita di sostanza, anche se la parte ossea viene riparata, l’intervento non avrà un buon esito se non interviene il chirurgo plastico. Idem per la ginecologia, la medicina rigenerativa e tutta una serie di campi in cui la chirurgia plastica è diventata necessaria. Non è più una chirurgia delle vanità, ma una chirurgia morfodinamica per il futuro».

Anche i pazienti con paraplegia e tetraplegia beneficiano della chirurgia plastica: «Per poter stare sulla carrozzina e non essere costretti a letto – spiega Palombo -, queste persone hanno bisogno di periodici trattamenti. Il chirurgo plastico crea dei cuscinetti nella regione dei glutei, evitando perdite di sostanza che comprometterebbero l’integrità della parte».

Più tradizionale il “tandem” con l’oncologo nella chirurgia della mammella, dove il lavoro in parallelo consente in alcuni casi di ricostruire il seno durante lo stesso intervento demolitivo, risparmiando alla paziente il trauma della mutilazione e una seconda operazione. E «oltre a ripristinare le forme venute meno in seguito all’intervento oncologico – prosegue il presidente – le conquiste della chirurgia plastica si sono rivelate utili anche nella lotta al dolore cronico che spesso segue all’intervento di mastectomia, compromettendo la qualità di vita della paziente». Risultati ottenuti grazie al lipofilling, cioè l’auto-trapianto di grasso, con cui si trasferisce nella cicatrice lasciata dall’intervento oncologico una piccola quantità di grasso della paziente stessa che, grazie alle cellule staminali adulte che contiene, attiva un processo di rigenerazione anche sulle terminazioni nervose rimaste “intrappolate” nella cicatrice lasciata dall’intervento oncologico, riducendo il dolore.

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA ESTETICA, BARUFFALDI PREIS: «SBAGLIA FEDE, IL BOTULINO È LEGALE. MA ATTENTI ALL’EFFETTO DEL “RE NUDO”»

Principale appuntamento scientifico dell’anno, il congresso è anche occasione per approfondire le novità intervenute negli ultimi anni nella branca della chirurgia plastica e intravedere le sfide e le nuove frontiere che il futuro le riserva. Come nel campo delle ustioni, una patologia che «sta subendo un radicale cambiamento nella terapia – spiega Palombo, direttore del Centro Grandi Ustionati e Chirurgia Plastica della Asl Roma 1 -. Abbiamo ad esempio un prodotto che ci permette di togliere la cute ustionata senza dover portare il paziente in sala operatoria, e così tante altre medicazioni biologicamente avanzate ci consentono di ridurre notevolmente il rischio infettivo e il tempo di degenza e avere un indice di guarigione estremamente alto».

Per tutti questi motivi il chirurgo plastico oggi «non può fare a meno del costante aggiornamento. E soprattutto per i giovani che si sono affacciati da poco alla professione – conclude Palombo -, il congresso Sicpre è non solo un incontro scientifico, ma anche sociale e culturale, per essere sempre più all’avanguardia in quello che oggi ci viene richiesto nella sanità».

LEGGI ANCHE: FRANCESCO WIRZ, L’ITALIANO CHE HA OPERATO L’UOMO DAI TRE VOLTI: «IN FRANCIA FIDUCIA AI GIOVANI, COSI’ SI FORMANO I CHIRURGHI»

Articoli correlati
Chirurgia estetica, boom di interventi: dopo il Covid +30%
Lo specialista: «Mastoplastica additiva, blefaroplastica e liposuzione le operazioni più richieste. Prese tutte le precauzioni per andare in sala operatoria in sicurezza»
di Federica Bosco
Covid, D’Andrea: «Un buco nella formazione dei futuri medici a causa dell’emergenza sanitaria»
La denuncia del Presidente del Collegio universitario dei Chirurghi Plastici, che scrive al Governo
Covid-19, D’Andrea (SICPRE): «Vi racconto la mia battaglia (vinta) contro il virus e le falle del sistema sanitario campano»
«Ormai è chiaro: nessuno è immune. Il Covid-19 può colpire chiunque in qualsiasi momento. Pur rispettando tutti i protocolli di sicurezza, basta un solo attimo per essere contagiati»
Il 21 ottobre si celebra il Bra Day, D’Andrea (SICPRE): «Ogni anno 50mila nuovi casi di tumore al seno»
Il presidente della Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva-rigenerativa ed Estetica: «Invito alle donne a rivolgersi ai centri specializzati breast unit»
«No ai saldi sulla pelle dei cittadini». La denuncia di SICPRE: «Falsi specialisti all’arrembaggio»
Francesco D’Andrea, Presidente della Società Italiana di Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica, lancia l’allarme: «Aumentano casi di abusivi della professione. No alle promozioni stile "3x2"»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»