Lavoro 27 Gennaio 2020 15:00

Chirurgia plastica, dagli antichi egizi alle stampanti tridimensionali: le tappe di uno sviluppo millenario

Latorre (chirurgo plastico): «Durante la prima guerra mondiale le parti mancanti dei volti deturpati venivano riprodotte con delle maschere sottilissime di rame»

di Isabella Faggiano

Che gli antichi egizi fossero particolarmente attenti all’estetica lo testimoniano i cofanetti decorati che custodivano profumi, unguenti, pettini, fermagli per i capelli, bastoncini per il trucco e specchi, ritrovati soprattutto nelle tombe. Ma un papiro, risalente a 3 millenni prima di Cristo, testimonia molto di più: gli egiziani per migliorare il proprio aspetto si cimentavano anche in pratiche chirurgiche.

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA ESTETICA, LA DENUNCIA DI SICPRE: «BASTA ABUSIVISMO CATEGORIA, DANNI AL 30% DEI PAZIENTI»

«Per raccontare la storia della chirurgia plastica e ricostruttiva –  spiega Stefano Latorre, specialista dell’Unità di Chirurgia Plastica e Maxillo-Facciale dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma – dobbiamo tornare molto indietro nei secoli, fino alla civiltà egizia: la prima – almeno stando alle testimonianze pervenute fino ai giorni nostri – ad aver praticato i più antichi e rudimentali interventi».

Nel corso dei secoli, altri popoli si sono dedicati a queste tecniche,  ma è soltanto nei primi anni del 1900 che la chirurgia plastica e ricostruttiva ha cominciato ad assumere le sembianze della branca medica che noi oggi conosciamo. «Durante la prima guerra mondiale e nell’immediato periodo post bellico – continua Latorre – è stata soprattutto la parte ricostruttiva della chirurgia plastica a subire un’enorme spinta. Aiutare tutte quelle persone sopravvissute al conflitto, mutilate e deturpate, era divento un problema di natura sociale, oltre che medico».

Il numero di pazienti di cui prendersi cura era elevatissimo, una quantità di feriti senza precedenti che non lasciava altra scelta che quella di sperimentare nuove tecniche per migliorare ed ottimizzare i risultati. «Durante la guerra – continua l’esperto dell’Unità di Chirurgia Plastica e Maxillo-Facciale del Bambino Gesù – fu una fiorente attività di scultura a supportare il lavoro dei chirurghi plastici. Le parti mancanti dei volti deturpati venivano riprodotte con delle maschere sottilissime di rame. È in questo periodo, infatti – sottolinea Latorre – che nascono le tecniche di base della chirurgia plastica e ricostruttiva».

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA, TROPPI ONERI E POCHI ONORI: È “CRISI DI VOCAZIONE” TRA BOOM DI DENUNCE E RISCHIO AGGRESSIONI

Da quegli anni è trascorso un altro secolo di storia, cento anni di sperimentazioni e innovazioni che hanno sostituito il lavoro manuale e certosino degli scultori con tecnologie di ultima generazione: «I lembi e gli  innesti sono le tecniche di base che ogni chirurgo plastico deve avere nel suo armamentario chirurgico. Ma attualmente –  spiega lo specialista – queste metodologie hanno subito una grossa evoluzione: prima i lembi microchirurgici, poi la chirurgia mininvasiva, fino all’attuale sviluppo della medicina traslazionale. Il prossimo passo è l’utilizzo delle stampanti 3d in grado di riprodurre organi e tessuti da trasferire al paziente. Anche questa – conclude Latorre – è un’evoluzione di ciò che avevano già sperimentato i medici durate la prima guerra mondiale con le maschere di rame».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Protesi, Mazzone (chirurgo della mano): «Un bastoncino di silicone contro artrite, traumi e malformazioni delle dita»
Vincent Joseph Mazzone è stato il primo, già nel 1991, a sperimentare una nuova tecnica di accesso laterale per la chirurgia protesica delle articolazioni delle dita, metodologia che solo negli ultimi 5 anni si è consolidata, diventando una pratica chirurgica diffusa
di Isabella Faggiano
All’ospedale Niguarda rivoluzione digitale in neurochirurgia, arriva l’esoscopio
Portata in Italia dal professor Cenzato, la nuova tecnologia permette, attraverso appositi occhiali, di visualizzare un campo operatorio di un centimetro su un monitor di 55 pollici senza perdita di risoluzione
di Federica Bosco
Università UniCamillus: +34,2% di iscrizioni al Test di ammissione a Medicina
L’Università UniCamillus sarà la prima Università del Lazio ad effettuare i test di ammissione ai propri Corsi di Laurea attraverso procedura on line
La chirurgia robotica per protesi compie 10 anni
Piergiuseppe Perazzini, primo chirurgo ad aver portato la tecnica in Italia: «Era il 27 gennaio 2011 e il primo intervento venne fatto al ginocchio. In dieci anni abbiamo prodotto numeri, perfezionato tecnologie e permesso di raggiungere traguardi importanti. Il futuro? Adottare questa tecnica per tutte le articolazioni umane»
di Federica Bosco
Intervista ad Antonella Polimeni, prima Rettrice della Sapienza: «Didattica sempre più innovativa e internazionale»
«Mi auguro che questa emergenza sia un’occasione per finanziare in maniera adeguata la formazione e la ricerca, e a stimolare un’importante riflessione sul SSN. Vorrei che le tre Facoltà romane di Medicina sviluppassero insieme una progettualità per migliorare l’offerta sanitaria ai cittadini e l’offerta didattica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 marzo, sono 114.078.673 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.531.004 i decessi. Ad oggi, oltre 239,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...