Lavoro 27 Gennaio 2020

Chirurgia plastica, dagli antichi egizi alle stampanti tridimensionali: le tappe di uno sviluppo millenario

Latorre (chirurgo plastico): «Durante la prima guerra mondiale le parti mancanti dei volti deturpati venivano riprodotte con delle maschere sottilissime di rame»

di Isabella Faggiano

Che gli antichi egizi fossero particolarmente attenti all’estetica lo testimoniano i cofanetti decorati che custodivano profumi, unguenti, pettini, fermagli per i capelli, bastoncini per il trucco e specchi, ritrovati soprattutto nelle tombe. Ma un papiro, risalente a 3 millenni prima di Cristo, testimonia molto di più: gli egiziani per migliorare il proprio aspetto si cimentavano anche in pratiche chirurgiche.

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA ESTETICA, LA DENUNCIA DI SICPRE: «BASTA ABUSIVISMO CATEGORIA, DANNI AL 30% DEI PAZIENTI»

«Per raccontare la storia della chirurgia plastica e ricostruttiva –  spiega Stefano Latorre, specialista dell’Unità di Chirurgia Plastica e Maxillo-Facciale dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma – dobbiamo tornare molto indietro nei secoli, fino alla civiltà egizia: la prima – almeno stando alle testimonianze pervenute fino ai giorni nostri – ad aver praticato i più antichi e rudimentali interventi».

Nel corso dei secoli, altri popoli si sono dedicati a queste tecniche,  ma è soltanto nei primi anni del 1900 che la chirurgia plastica e ricostruttiva ha cominciato ad assumere le sembianze della branca medica che noi oggi conosciamo. «Durante la prima guerra mondiale e nell’immediato periodo post bellico – continua Latorre – è stata soprattutto la parte ricostruttiva della chirurgia plastica a subire un’enorme spinta. Aiutare tutte quelle persone sopravvissute al conflitto, mutilate e deturpate, era divento un problema di natura sociale, oltre che medico».

Il numero di pazienti di cui prendersi cura era elevatissimo, una quantità di feriti senza precedenti che non lasciava altra scelta che quella di sperimentare nuove tecniche per migliorare ed ottimizzare i risultati. «Durante la guerra – continua l’esperto dell’Unità di Chirurgia Plastica e Maxillo-Facciale del Bambino Gesù – fu una fiorente attività di scultura a supportare il lavoro dei chirurghi plastici. Le parti mancanti dei volti deturpati venivano riprodotte con delle maschere sottilissime di rame. È in questo periodo, infatti – sottolinea Latorre – che nascono le tecniche di base della chirurgia plastica e ricostruttiva».

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA, TROPPI ONERI E POCHI ONORI: È “CRISI DI VOCAZIONE” TRA BOOM DI DENUNCE E RISCHIO AGGRESSIONI

Da quegli anni è trascorso un altro secolo di storia, cento anni di sperimentazioni e innovazioni che hanno sostituito il lavoro manuale e certosino degli scultori con tecnologie di ultima generazione: «I lembi e gli  innesti sono le tecniche di base che ogni chirurgo plastico deve avere nel suo armamentario chirurgico. Ma attualmente –  spiega lo specialista – queste metodologie hanno subito una grossa evoluzione: prima i lembi microchirurgici, poi la chirurgia mininvasiva, fino all’attuale sviluppo della medicina traslazionale. Il prossimo passo è l’utilizzo delle stampanti 3d in grado di riprodurre organi e tessuti da trasferire al paziente. Anche questa – conclude Latorre – è un’evoluzione di ciò che avevano già sperimentato i medici durate la prima guerra mondiale con le maschere di rame».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Chi è Je.suis.doc, medico su TikTok da 40mila follower: «Così ho avvicinato i giovani alla medicina»
Clip mimate e sequenze musicali per interagire con gli adolescenti e parlare di salute. Carlo Esposito: «TikTok mi ha permesso di catturare l’attenzione dei giovanissimi in modo semplice e immediato»
«Da grande voglio fare il medico ma…». Quando il test di Medicina ti cambia la vita
Quattro aspiranti camici bianchi si raccontano a Sanità Informazione: chi ha superato l’ostacolo del numero chiuso e chi ha lasciato il sogno nel cassetto
Medicina di continuità assistenziale, Lombardia punta sul numero unico europeo
Gallera (assessore al Welfare): «Continuità assistenziale e trasporto per i dializzati attivo in tutta la Regione entro fine anno». Zoli (AREU): «Con l’interpretariato telefonico e l’informatizzazione del servizio pazienti e medici più tutelati»
di Federica Bosco
Fisici medici, Stasi (AIFM): «Bene Dl Rilancio ma vera parità solo con contratti anche per gli specializzandi non medici»
Nel Dl Rilancio estesa la possibilità di accedere ai concorsi per la dirigenza sanitaria a partire dal penultimo anno di specializzazione anche per gli specializzandi non medici. Sulla carenza di personale il presidente Stasi: «Ci mancano circa 280-300 fisici medici, cioè il 27-30%»
Test Medicina 2020, ecco date, scadenze e materie. Per il Covid-19, novità sulle sedi in cui si svolgerà la prova
Tutte le informazioni per partecipare alla prova di ammissione per i corsi di laurea magistrale di Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi dentaria, Medicina veterinaria e per i corsi di laurea delle Professioni sanitarie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...