Lavoro 24 Ottobre 2017

Calano denunce ma aumentano risarcimenti: ecco i primi effetti della Legge 24/2017. Gelli: «Decreti assicurazioni entro fine novembre»

Colpa grave: come funziona quando il professionista è autonomo ma opera in una struttura? «Non ci sono dubbi, la tutela deve essere garantita dall’assicurazione della struttura». Presentato da Consulcesi & Partners il manuale edito da Giuffrè

Immagine articolo

Dopo il seminario svoltosi all’Università Sapienza di Roma “Il rischio clinico e l’attuazione della Legge Gelli, la due giorni di approfondimento sulla Legge 24/2017 che riforma la responsabilità professionale in sanità è continuata con la presentazione del libro “La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione”, realizzato dall’autore della legge Onorevole Federico Gelli, insieme agli avvocati Maurizio Hazan e Daniela Zorzit ed edito da Giuffrè. Alla presenza dello stesso Onorevole Gelli e degli esperti del settore, in occasione del confronto organizzato a Roma da Consulcesi & Partners e Sanità Sicura, l’Onorevole ha spiegato e commentato ai nostri microfoni alcune delle novità più significative della normativa, a partire dalla gestione del rischio clinico, «la parte centrale della legge», a detta di Gelli.

LEGGI ANCHE: LA NUOVA RESPONSABILITÀ SANITARIA E LA SUA ASSICURAZIONE, LA PAROLA A FEDERICO GELLI

«Grazie alla nascita delle funzioni di risk management in tutte le strutture sanitarie del nostro sistema, pubbliche e private – dichiara Gelli – interveniamo sul tema della prevenzione del rischio clinico, attraverso la trasparenza dei dati e la documentazione sanitaria. Un passaggio importante è quello della secretazione degli audit e dei verbali clinici, perché se crediamo nella prevenzione del danno e del rischio di tutti noi cittadini-pazienti dobbiamo anche mettere i nostri professionisti nelle condizioni di poter raccontare, elaborare, studiare, formare una nuova cultura».

LEGGI ANCHE: LEGGE GELLI: PRIME APPLICAZIONI GIURISPRUDENZIALI. GAUDIO, RETTORE SAPIENZA: «FINALMENTE IL MEDICO PUO’ TORNARE A FARE IL MEDICO»

Un’altra fattispecie particolare affrontata dalla legge è la gestione della colpa grave per i professionisti in partita Iva che tuttavia prestano la propria opera presso le strutture: in questi casi come si sviluppa la responsabilità professionale?

«Noi abbiamo diviso la responsabilità tra la struttura e i professionisti: per la struttura rimane la responsabilità di natura contrattuale, perché è evidente che il paziente nel momento in cui individua dove essere curato contrae un rapporto diretto con la struttura e quindi un rapporto di natura contrattuale. I professionisti che incontra all’interno della struttura, e che vi lavorano con qualunque tipologia di contratto, non possono che rispondere per una responsabilità extracontrattuale. Quindi per quanto riguarda coloro che operano nelle strutture – spiega l’Onorevole – la tutela deve essere garantita dalla copertura assicurativa di queste. Se il professionista dovesse compiere un errore grave, parliamo appunto di colpa grave, la struttura potrà poi rivalersi su quel professionista».

«Se però il cittadino – prosegue Gelli – si rivolge direttamente al professionista nel proprio ambulatorio privato, è chiaro che la volontà del cittadino è di rivolgersi ad un professionista particolare, quindi il rapporto con quel libero professionista non può che essere di natura contrattuale. Per i liberi professionisti quindi non cambia nulla: come oggi, ogni libero professionista deve avere la propria copertura assicurativa ed evidentemente il rapporto sarà tra il paziente e il libero professionista stesso».

Per essere completamente operativa, la Legge attende ancora l’approvazione degli ultimi decreti attuativi, dopo l’emanazione dei primi due: «Molto probabilmente faremo un decreto omnibus che comprenderà i tre decreti attuativi riguardanti la disciplina del sistema assicurativo». Quando? «Credo che i tempi siano molto brevi, spero entro il mese di novembre, ma sicuramente entro la fine dell’anno», annuncia l’Onorevole Gelli.

«Anche se i decreti attuativi non sono ancora stati tutti emanati, vediamo già i primi effetti della Legge Gelli», è il commento di Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi, realtà leader nella tutela dei camici bianchi. «A livello processuale il rapporto medico-paziente sta già subendo degli influssi positivi da questa Legge. Una legge assolutamente necessaria e fondamentale per regolamentare il comparto della sanità e fare in modo che si metta ordine sulle attività processuali che investono la categoria dei medici. In queste occasioni infatti spesso i medici vengono trattati male e si parla di loro in senso negativo. In questo modo invece saranno puniti solo coloro che devono essere veramente puniti, e anche l’immagine della sanità italiana è tutelata», conclude il Presidente Tortorella.

Articoli correlati
Covid e operatori sanitari denunciati, Gelli: «Parlamento consideri nostro emendamento per maggiori tutele»
Il relatore della Legge 24/2017 sulla responsabilità professionale: «Decreti attuativi nella fase finale di approvazione»
Responsabilità e Covid-19, Gelli: «Decreti attuativi legge 24 e scudo per tutelare professionisti sanitari»
Manca solo la firma del ministro Patuanelli per completare l’iter dei decreti attuativi della legge Gelli. E intanto iniziano ad arrivare le prime richieste di risarcimento dai familiari delle vittime del Covid. Il presidente della Fondazione Italia in Salute: «Serve norma ad hoc»
Responsabilità e Covid, l’avvocato: «Si applichi il Codice Civile e i medici risponderanno solo per dolo o colpa grave»
Per Federico Gelli andrebbe istituito un fondo nazionale per indennizzi e risarcimenti. Poi spinge sull’approvazione dei decreti attuativi della legge 24. Ecco come è andato il webinar “Sanità – Cosa imparare dall’esperienza Covid-19”
di Tommaso Caldarelli
Responsabilità professionale e Covid-19, come proteggere medici e operatori? Reazioni e proposte dal mondo della sanità
Tutti d’accordo sull'attenuazione della responsabilità per i professionisti, ma divide l’estensione del provvedimento ai vertici amministrativi. Magi (OMCeO Roma): «No a colpi di spugna». Quici (CIMO-FESMED): «Ecco perché sarebbe incostituzionale». Vergallo (AAROI-EMAC): «Non possiamo pagare per responsabilità altrui»
Covid-19, il Codacons lancia un questionario per accertare le responsabilità dei decessi: medici nel mirino?
«Il parente dopo quanto tempo dall’arrivo in ospedale è stato visitato al triage? Poi è stato ricoverato in reparto? È stato sottoposto al tampone o ad accertamenti diagnostici quali rx torace e saturimetro?». Queste alcune domande rivolte ai cittadini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto