Politica 24 Ottobre 2017

Responsabilità professionale: ecco ‘ritocchi’ con decreti. Frati e Fineschi (Med. Legale): «Per assicurazioni cambia tutto»

«La Legge 24 ha bisogno di stampelle solide per imparare a camminare, ecco che i decreti attuativi definiranno i contorni di una normativa già ottimale» così Paola Frati e Vittorio Fineschi, ordinari di Medicina Legale alla Sapienza, durante la due giorni romana di approfondimento in materia di risk

Immagine articolo

«Entro la fine del 2017 avremo i decreti attuativi» ne è sicuro l’Onorevole Federico Gelli rispetto alla Legge 24 sulla Responsabilità Professionale che, a suo dire, troverà compimento a brevissimo. «L’attesa è quasi finita – gli fa seguito Paola Frati, Ordinario di Medicina Legale dell’Università La Sapienza – il decreto attuativo che determinerà la svolta e che definirà uno degli aspetti della Legge ancora fumoso è quello delle assicurazioni».

E di assicurazioni, contenziosi e risk management se n’è discusso in occasione della due giorni romana di approfondimento sulla normativa caposaldo delle novità in materia di risk. «Con le nuove normative assicurative – prosegue la Professoressa Frati a margine del seminario sul rischio clinico organizzato alla Sapienza – speriamo di attirare nuovamente l’attenzione del mondo assicurativo anche nel nostro Paese: sappiamo che la crisi nel versante civilistico insieme ad un contenzioso esponenziale, ha allontanato negli ultimi anni molte compagnie assicurative italiane dal comparto sanità. Di conseguenza si sono verificati problemi seri non solo per i singoli professionisti (con premi vertiginosi e clausole vessatorie che non consentono di assicurarsi con serenità) ma le stesse strutture sono andate in auto-ritenzione, quindi gestiscono in proprio con la propria capienza, il momento del contenzioso e il rischio clinico. Spesso questa è una scelta obbligata, un salto nel buio, perché i premi sono troppo alti e le franchigie elevate».

«Serve un gruppo multidisciplinare integrato che consenta alle strutture di andare in auto-ritenzione non dico con serenità ma con giudizio e cognizione di causa» sottolinea la Professoressa riferendosi ad alcune realtà di consulenza che vanno incontro alle esigenze della struttura e degli operatori sanitari. «Una di queste è Sanità Sicura – prosegue – un gestore integrale di servizi per le strutture sanitarie pubbliche e private, che si occupa di garantire un servizio di identificazione e valutazione del rischio clinico, oltre che servizi di consulenza per l’identificazione della copertura assicurativa più adeguata alle reali esigenze della struttura e degli operatori sanitari».

«Indubbiamente il decreto più atteso è quello sulle assicurazioni» spiega Vittorio Fineschi, Ordinario di Medicina Legale all’Università Sapienza. «La Legge Gelli è un’ottima legge ma necessita di buone e solide stampelle per iniziare a camminare da sola.  I perni della legge, se togliamo i primi 4 articoli sul rischio clinico, sono tutti centrati su linee guida e profili assicurativi. La massima aspirazione della legge è quella di portare le assicurazioni dentro un sistema da cui erano uscite rivitalizzando il ruolo delle società scientifiche che devono fornire gli strumenti di evidence based medicine, per poter costruire dei percorsi sia clinici ma anche medico-legali, cioè le valutazioni delle linee guida ai fini dei profili di responsabilità eventuali sugli esercenti le professioni sanitarie».

«Altro fondamentale tassello è lo stretto legame tra formazione e assicurazione» prosegue il Professore sottolineando che le assicurazioni vogliono garanzie e proprio per questo «chiedono, prima di poter capire se entrare in un’azienda sanitaria pubblica o privata, di conoscere l’organizzazione, la gestione del rischio e soprattutto le possibilità di prevenzione degli errori. In quest’ottica è ovviamente fondamentale il ruolo della formazione del medico: la preparazione rappresenta una garanzia, i premi cioè il corrispettivo economico che le aziende pagano è subordinato a questa prioritaria e preliminare valutazione. Cosa mi aspetto? Io mi aspetto sicuramente una nuova vita per le assicurazioni nell’ambito di responsabilità civile e medica. La legge prevede anche i sistemi misti, prevede che si possa ritenere il rischio all’interno delle aziende, prevede un ampio ventaglio di possibilità aperte e sfruttabile in varia misura. Insomma, riportare le assicurazioni a pieno titolo nel sistema significherebbe aprire quelle porte finora chiuse e aiuterebbe le aziende sanitarie, adesso ridotte al lumicino, ad avere più vantaggi e benefici».

LEGGI ANCHE: LEGGE GELLI, PUNZO (AMTRUST): «UN MEDICO FORMATO HA MINORE PROPENSIONE AL RISCHIO, ALLO STUDIO UN SISTEMA PREMIALE PER ASSICURAZIONI»

Articoli correlati
Gestione rischio sanitario, Sham partner di Uni Torino per insegnare la sicurezza delle cure
Per la prima volta, la gestione del rischio sanitario diventa materia di insegnamento magistrale all’Università di Torino grazie alla partnership con Sham, società del gruppo europeo Relyens, da oltre 90 anni specializzata nella gestione della RC Sanitaria e nel risk management. Partiranno infatti il 19 febbraio le lezioni di “Governance e gestione del rischio clinico […]
Risk management, gli esperti riuniti in Sapienza: «Serve approccio uniforme sul territorio»
Il professor Fineschi: «Una valutazione dell'operato dei medici 'peer review' servirà al giudice per assumere la decisione più giusta e corretta rispetto al caso incriminato»
Rischio clinico, contenzioso e fine vita. Dal 12 al 14 febbraio se ne parla alla Sapienza di Roma
Ritorna il convegno annuale sui principali temi di interesse per il settore medico. Previsti ospiti eccellenti e tavoli di confronto. Il professor Fineschi: «Centrale nel nostro dibattito l’applicazione della Legge Gelli». La professoressa Frati: «Approfondiremo anche la sentenza della Corte Costituzionale che rende possibile anche in Italia il suicidio assistito»
Digitalizzazione e piano del rischio, la sanità lombarda supera l’esame Corte dei Conti. Cajazzo: «Efficienza sì, ma finalizzata alla sicurezza»
L'appello del direttore generale del Welfare di Regione Lombardia al Governo: «Fateci gestire la sanità secondo una logica di adeguatezza di risposte al bisogno»
di Federica Bosco
Un libro mette sotto la lente di ingrandimento la responsabilità degli operatori sanitari
Vito Tenore, consigliere della Corte dei Conti lombarda e autore dello studio sulla responsabilità disciplinare, civile, penale e amministrativo contabile del personale sanitario: «La legge Gelli tutela medici e pazienti, ma bisogna elaborare le linee guida»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 maggio, sono 5.594.175 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 350.531 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 27 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...