Lavoro 5 luglio 2018

Blockchain, Massimo D’Alema: «Sistema digitale sicuro e certificato che consente un gran risparmio di procedure, costi e registrazione»

L’ex premier a margine della presentazione del libro “Cripto-svelate”: «La Blockchain è ancora guardata con sospetto perché intacca certe posizioni di potere, ma finirà per imporsi». Vincenzo Scotti (Presidente Link Campus University): «Vogliamo formare giovani in modo che possano avere una visione sistemica del “cambiamento”»

Immagine articolo

Massimo D’Alema non ha certo bisogno di presentazioni: personalità di grande spessore intellettuale e acume politico, ha ricoperto la carica di Presidente del Consiglio dei Ministri e di Ministro degli Esteri del Governo Prodi. Ancora oggi è impegnato ad interpretare i fenomeni politici e attualmente è Presidente della Fondazione di cultura politica Italianieuropei. Trale sue varie interviste, analisi e ospitate, c’è spazio per partecipare alla presentazione del libro “Criptosvelate”. A margine dell’evento che si è svolto alla Link Campus University, affronta uno degli argomenti finanziari del momento: la Blockchain.

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN, IL LIBRO “CRIPTO-SVELATE” SPIEGA LA RIVOLUZIONE CHE COINVOLGERÀ ANCHE LA SANITÀ

«La Blockchain mi incuriosisce molto: è una tecnologia relativamente nuova che ha enormi potenzialità di applicazione. Sono stato da poco a Pechino, in Cina, ed ero tra le persone invitate a partecipare al congresso della Federazione della piccola e media impresa cinese, un evento immenso – confida a Sanità Informazione -. La sessione principale del congresso si chiamava Blockchain Forum ed ospitava esperti di tutto il mondo per discutere dell’applicazione di questa tecnologia. L’obiettivo è far compiere un salto di qualità al sistema della piccola e media industria in Cina».

Di Blockchain e Bitcoin invece, qui in Italia, si parla ancora poco: «Sono rimasto veramente colpito dal fatto che un grande Paese come la Cina, che ormai cresce con una rapidità vertiginosa, ha dedicato a questo tema il congresso delle piccole e medie imprese: è lì il futuro del mondo. In Italia, invece questo appare un argomento molto meno noto, di cui si parla meno» sostiene l’ex premier.

La Blockchain è alla base delle monete virtuali come i Bitcoin; anche su questo, Massimo D’Alema ha la sua opinione: «Il fatto che esistano delle monete digitali che non possono essere né rubate né contraffatte, che danno luogo a transazioni registrate e che non possono essere utilizzate in nero, ecco, tutto questo rappresenta un fattore di sicurezza. Ed è anche evidente che una moneta di questo genere presenta tali vantaggi che finirà per imporsi – dichiara convinto -. È ovvio che, oggi, rompe certi tabù e intacca certe posizioni di potere; per questo, i governi ed il sistema finanziario internazionale possono guardarla con sospetto, ma i vantaggi che presenta questa forma di pagamento sono talmente rilevanti che io penso che non potrà che imporsi».

I campi di applicazione per questa tecnologia sono infiniti: dal made in Italy alla sanità, passando per la pubblica amministrazione: «Si tratta di un sistema digitale sicuro e certificato che consente un tale risparmio di procedure, costi, registrazione. Da questo punto di vista, unisce i vantaggi della rapidità del digitale alla certezza della registrazione che ad oggi può dare solo la carta – specifica D’Alema -. Mettere insieme queste due cose in una sola tecnologia con costi contenuti è un vantaggio evidente» conclude.

La “catena dei blocchi” è una tecnologia, dunque, che può avere un impatto enorme in vari ambiti, soprattutto quello medico-sanitario e da cui non si torna indietro. Di questo, è sicuro il Professor Vincenzo Scotti, Presidente dell’Università Studi Link Campus University che, insieme a Consulcesi Tech, ha avviato il primo master “Economia delle Criptovalute e della Blockchain” proprio sul tema, per diffonderne la conoscenza.

LEGGI ANCHE: MIRKO DE MALDE’ (COO LYNKEUS): «COME PROTEGGERE I NOSTRI DATI SANITARI? CON LA BLOCKCHAIN»

«Abbiamo sviluppato in questi anni passati attività di ricerca sul tema Blockchain con una visione integrata di tutti gli aspetti e tutte le conseguenze che comporta: nel campo dell’economia, della finanza e del diritto – afferma Scotti -. Da questa ricerca sono nati alcuni seminari internazionali in cui abbiamo affrontato la tecnologia Blockchain; ora, passiamo ad una fase pratica. Vogliamo formare giovani in modo che possano avere una visione sistemica del “cambiamento” non solo l’aspetto tecnologico, economico o giuridico. Il master si rivolge a laureati in diverse discipline – continua – perché sappiano dominare l’introduzione di questo cambiamento nella vita delle imprese e dello Stato» conclude.

LEGGI ANCHE: LA BLOCKCHAIN CAMBIERA’ LA SANITA’? SCOTTI (LINK CAMPUS): «TECNOLOGIA APPLICABILE SU PIU FRONTI, FONDAMENTALE SEGUIRNE L’EVOLUZIONE»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Ue: Blockchain è soluzione giusta per sicurezza e trasparenza in sanità e per la filiera del farmaco
Il messaggio degli esponenti del Parlamento Europeo e della Commissione, in occasione della presentazione a Bruxelles del libro “Crypto-Revelation” di Andrea e Massimo Tortorella
Blockchain in sanità (e non solo), la Ue è pronta alla sfida della regolamentazione?
Al Parlamento europeo presentato il libro “Crypto-revelation” di Andrea e Massimo Tortorella. Istituzioni ed esperti del settore Fintech si confrontano sulla necessità di una legislazione comune per regolamentare il “sistema dei blocchi”, ICO e criptovalute
Sicurezza, accessibilità e tracciabilità dei dati in sanità? La risposta potrebbe essere nella blockchain
Dalle cartelle cliniche alla filiera del farmaco, passando per le assicurazioni sanitarie ed i trial clinici, gli ambiti di applicazione della nuova tecnologia sono innumerevoli, così come infiniti sono i vantaggi che promette al mondo sanitario
Blockchain, Oliveti (Enpam): «Con questa tecnologia giusto riconoscimento e remunerazione (anche previdenziale)»
«Medici e odontoiatri sono professionisti liberali, dunque è giusto che venga tutelato il frutto della loro attività. Ecco, la Blockchain può farlo in trasparenza e nel rispetto della privacy» così il Presidente della cassa previdenziale dei medici e degli odontoiatri
Così la Blockchain salverà il Made in Italy in tavola (e la nostra salute)
Andrea Tortorella, autore di "Criptosvelate" e CEO di Consulcesi Tech: «Con la Blockchain la filiera alimentare diventa completamente tracciabile: ‘parmesan’ e ‘mozzarille’ costano al nostro Paese 65 miliardi di euro ogni anno ma la tecnologia renderà impossibile ingannare i consumatori»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...