Lavoro 5 luglio 2018

Blockchain, Massimo D’Alema: «Sistema digitale sicuro e certificato che consente un gran risparmio di procedure, costi e registrazione»

L’ex premier a margine della presentazione del libro “Cripto-svelate”: «La Blockchain è ancora guardata con sospetto perché intacca certe posizioni di potere, ma finirà per imporsi». Vincenzo Scotti (Presidente Link Campus University): «Vogliamo formare giovani in modo che possano avere una visione sistemica del “cambiamento”»

Immagine articolo

Massimo D’Alema non ha certo bisogno di presentazioni: personalità di grande spessore intellettuale e acume politico, ha ricoperto la carica di Presidente del Consiglio dei Ministri e di Ministro degli Esteri del Governo Prodi. Ancora oggi è impegnato ad interpretare i fenomeni politici e attualmente è Presidente della Fondazione di cultura politica Italianieuropei. Trale sue varie interviste, analisi e ospitate, c’è spazio per partecipare alla presentazione del libro “Criptosvelate”. A margine dell’evento che si è svolto alla Link Campus University, affronta uno degli argomenti finanziari del momento: la Blockchain.

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN, IL LIBRO “CRIPTO-SVELATE” SPIEGA LA RIVOLUZIONE CHE COINVOLGERÀ ANCHE LA SANITÀ

«La Blockchain mi incuriosisce molto: è una tecnologia relativamente nuova che ha enormi potenzialità di applicazione. Sono stato da poco a Pechino, in Cina, ed ero tra le persone invitate a partecipare al congresso della Federazione della piccola e media impresa cinese, un evento immenso – confida a Sanità Informazione -. La sessione principale del congresso si chiamava Blockchain Forum ed ospitava esperti di tutto il mondo per discutere dell’applicazione di questa tecnologia. L’obiettivo è far compiere un salto di qualità al sistema della piccola e media industria in Cina».

Di Blockchain e Bitcoin invece, qui in Italia, si parla ancora poco: «Sono rimasto veramente colpito dal fatto che un grande Paese come la Cina, che ormai cresce con una rapidità vertiginosa, ha dedicato a questo tema il congresso delle piccole e medie imprese: è lì il futuro del mondo. In Italia, invece questo appare un argomento molto meno noto, di cui si parla meno» sostiene l’ex premier.

La Blockchain è alla base delle monete virtuali come i Bitcoin; anche su questo, Massimo D’Alema ha la sua opinione: «Il fatto che esistano delle monete digitali che non possono essere né rubate né contraffatte, che danno luogo a transazioni registrate e che non possono essere utilizzate in nero, ecco, tutto questo rappresenta un fattore di sicurezza. Ed è anche evidente che una moneta di questo genere presenta tali vantaggi che finirà per imporsi – dichiara convinto -. È ovvio che, oggi, rompe certi tabù e intacca certe posizioni di potere; per questo, i governi ed il sistema finanziario internazionale possono guardarla con sospetto, ma i vantaggi che presenta questa forma di pagamento sono talmente rilevanti che io penso che non potrà che imporsi».

I campi di applicazione per questa tecnologia sono infiniti: dal made in Italy alla sanità, passando per la pubblica amministrazione: «Si tratta di un sistema digitale sicuro e certificato che consente un tale risparmio di procedure, costi, registrazione. Da questo punto di vista, unisce i vantaggi della rapidità del digitale alla certezza della registrazione che ad oggi può dare solo la carta – specifica D’Alema -. Mettere insieme queste due cose in una sola tecnologia con costi contenuti è un vantaggio evidente» conclude.

La “catena dei blocchi” è una tecnologia, dunque, che può avere un impatto enorme in vari ambiti, soprattutto quello medico-sanitario e da cui non si torna indietro. Di questo, è sicuro il Professor Vincenzo Scotti, Presidente dell’Università Studi Link Campus University che, insieme a Consulcesi Tech, ha avviato il primo master “Economia delle Criptovalute e della Blockchain” proprio sul tema, per diffonderne la conoscenza.

LEGGI ANCHE: MIRKO DE MALDE’ (COO LYNKEUS): «COME PROTEGGERE I NOSTRI DATI SANITARI? CON LA BLOCKCHAIN»

«Abbiamo sviluppato in questi anni passati attività di ricerca sul tema Blockchain con una visione integrata di tutti gli aspetti e tutte le conseguenze che comporta: nel campo dell’economia, della finanza e del diritto – afferma Scotti -. Da questa ricerca sono nati alcuni seminari internazionali in cui abbiamo affrontato la tecnologia Blockchain; ora, passiamo ad una fase pratica. Vogliamo formare giovani in modo che possano avere una visione sistemica del “cambiamento” non solo l’aspetto tecnologico, economico o giuridico. Il master si rivolge a laureati in diverse discipline – continua – perché sappiano dominare l’introduzione di questo cambiamento nella vita delle imprese e dello Stato» conclude.

LEGGI ANCHE: LA BLOCKCHAIN CAMBIERA’ LA SANITA’? SCOTTI (LINK CAMPUS): «TECNOLOGIA APPLICABILE SU PIU FRONTI, FONDAMENTALE SEGUIRNE L’EVOLUZIONE»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Donazione organi, certificati medici, formazione ECM. Davide Casaleggio: «Ecco come la blockchain sta già cambiando la sanità»
Il presidente della Casaleggio Associati si confronta con il presidente di Consulcesi Tech, Massimo Tortorella: «Entro il 2027 la ‘catena dei blocchi’ impatterà per il 10% del Pil mondiale. Necessario investire in formazione e innovazione»
Blockchain in sanità, Vella (ISS): «PITER, il più grande database nazionale sull’epatite, verrà gestito su catena dei blocchi»
L’Istituto Superiore di Sanità ha ospitato il convegno dedicato alle applicazioni della nuova tecnologia nel mondo sanitario. Il direttore del Centro per la salute globale: «La blockchain è una cassaforte digitale di cui solo alcuni hanno il codice, utilizzabile per tracciabilità del farmaco, trial clinici e formazione ECM»
Innovazione in sanità: al “Malta Blockchain Summit” nasce il futuro della digital identity
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi Tech: «Con la Blockchain si certifica l’identità dei pazienti, del fornitore sanitario e del farmaco, escludendo falsificazioni e frodi»
Consulcesi Tech: «Blockchain motore dell’innovazione healthcare, stop ai farmaci contraffatti»
I massimi esperti della tecnologia Blockchain a confronto a Dubai su un nuovo paradigma digitale destinato a cambiare radicalmente molti aspetti delle nostre vite, compreso l’approccio medico-sanitario. Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi Tech: «Emirati Arabi pronti a cogliere la sfida della Blockchain per migliorare i servizi ai cittadini, soprattutto la sanità. Sia da monito a Ue affinché non resti ferma mentre il resto del mondo corre»
Anche per Forbes Blockchain e sanità binomio vincente: tecnologia che contribuirà a salvare vite e a ridurre costi
Forbes in un recente articolo elenca i benefici che la blockchain può garantire al settore sanitario, dalla sicurezza dei dati ad una maggiore collaborazione tra ricercatori: «Lo sviluppo delle potenzialità di questa nuova tecnologia sono ancora agli albori, ma non possiamo ignorarla»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...