Lavoro 5 Luglio 2018

Blockchain, Massimo D’Alema: «Sistema digitale sicuro e certificato che consente un gran risparmio di procedure, costi e registrazione»

L’ex premier a margine della presentazione del libro “Cripto-svelate”: «La Blockchain è ancora guardata con sospetto perché intacca certe posizioni di potere, ma finirà per imporsi». Vincenzo Scotti (Presidente Link Campus University): «Vogliamo formare giovani in modo che possano avere una visione sistemica del “cambiamento”»

Immagine articolo

Massimo D’Alema non ha certo bisogno di presentazioni: personalità di grande spessore intellettuale e acume politico, ha ricoperto la carica di Presidente del Consiglio dei Ministri e di Ministro degli Esteri del Governo Prodi. Ancora oggi è impegnato ad interpretare i fenomeni politici e attualmente è Presidente della Fondazione di cultura politica Italianieuropei. Trale sue varie interviste, analisi e ospitate, c’è spazio per partecipare alla presentazione del libro “Criptosvelate”. A margine dell’evento che si è svolto alla Link Campus University, affronta uno degli argomenti finanziari del momento: la Blockchain.

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN, IL LIBRO “CRIPTO-SVELATE” SPIEGA LA RIVOLUZIONE CHE COINVOLGERÀ ANCHE LA SANITÀ

«La Blockchain mi incuriosisce molto: è una tecnologia relativamente nuova che ha enormi potenzialità di applicazione. Sono stato da poco a Pechino, in Cina, ed ero tra le persone invitate a partecipare al congresso della Federazione della piccola e media impresa cinese, un evento immenso – confida a Sanità Informazione -. La sessione principale del congresso si chiamava Blockchain Forum ed ospitava esperti di tutto il mondo per discutere dell’applicazione di questa tecnologia. L’obiettivo è far compiere un salto di qualità al sistema della piccola e media industria in Cina».

Di Blockchain e Bitcoin invece, qui in Italia, si parla ancora poco: «Sono rimasto veramente colpito dal fatto che un grande Paese come la Cina, che ormai cresce con una rapidità vertiginosa, ha dedicato a questo tema il congresso delle piccole e medie imprese: è lì il futuro del mondo. In Italia, invece questo appare un argomento molto meno noto, di cui si parla meno» sostiene l’ex premier.

La Blockchain è alla base delle monete virtuali come i Bitcoin; anche su questo, Massimo D’Alema ha la sua opinione: «Il fatto che esistano delle monete digitali che non possono essere né rubate né contraffatte, che danno luogo a transazioni registrate e che non possono essere utilizzate in nero, ecco, tutto questo rappresenta un fattore di sicurezza. Ed è anche evidente che una moneta di questo genere presenta tali vantaggi che finirà per imporsi – dichiara convinto -. È ovvio che, oggi, rompe certi tabù e intacca certe posizioni di potere; per questo, i governi ed il sistema finanziario internazionale possono guardarla con sospetto, ma i vantaggi che presenta questa forma di pagamento sono talmente rilevanti che io penso che non potrà che imporsi».

I campi di applicazione per questa tecnologia sono infiniti: dal made in Italy alla sanità, passando per la pubblica amministrazione: «Si tratta di un sistema digitale sicuro e certificato che consente un tale risparmio di procedure, costi, registrazione. Da questo punto di vista, unisce i vantaggi della rapidità del digitale alla certezza della registrazione che ad oggi può dare solo la carta – specifica D’Alema -. Mettere insieme queste due cose in una sola tecnologia con costi contenuti è un vantaggio evidente» conclude.

La “catena dei blocchi” è una tecnologia, dunque, che può avere un impatto enorme in vari ambiti, soprattutto quello medico-sanitario e da cui non si torna indietro. Di questo, è sicuro il Professor Vincenzo Scotti, Presidente dell’Università Studi Link Campus University che, insieme a Consulcesi Tech, ha avviato il primo master “Economia delle Criptovalute e della Blockchain” proprio sul tema, per diffonderne la conoscenza.

LEGGI ANCHE: MIRKO DE MALDE’ (COO LYNKEUS): «COME PROTEGGERE I NOSTRI DATI SANITARI? CON LA BLOCKCHAIN»

«Abbiamo sviluppato in questi anni passati attività di ricerca sul tema Blockchain con una visione integrata di tutti gli aspetti e tutte le conseguenze che comporta: nel campo dell’economia, della finanza e del diritto – afferma Scotti -. Da questa ricerca sono nati alcuni seminari internazionali in cui abbiamo affrontato la tecnologia Blockchain; ora, passiamo ad una fase pratica. Vogliamo formare giovani in modo che possano avere una visione sistemica del “cambiamento” non solo l’aspetto tecnologico, economico o giuridico. Il master si rivolge a laureati in diverse discipline – continua – perché sappiano dominare l’introduzione di questo cambiamento nella vita delle imprese e dello Stato» conclude.

LEGGI ANCHE: LA BLOCKCHAIN CAMBIERA’ LA SANITA’? SCOTTI (LINK CAMPUS): «TECNOLOGIA APPLICABILE SU PIU FRONTI, FONDAMENTALE SEGUIRNE L’EVOLUZIONE»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Blockchain sempre più richiesta dalle aziende, nascono nuove figure professionali dedicate
Link Campus University e Consulcesi Tech e lanciano il primo MBA in Blockchain riconosciuto da Aja Europe
Brad Smith, presidente Microsoft: «Cura per il cancro entro il 2030 grazie a intelligenza artificiale e machine learning»
Intervenuto alla conferenza internazionale delle autorità per la privacy in corso a Tirana, il presidente di Microsoft spiega a Sanità Informazione in che modo il colosso sta cercando di proteggere i dati personali degli utenti
di Giulia Cavalcanti e Cesare Buquicchio - Inviati a Tirana (Albania)
Dati sanitari e blockchain protagonisti della conferenza mondiale della privacy di Tirana. Parla Busia (Garante Privacy)
«La blockchain è uno strumento importante. Rappresenta una sfida», spiega il Garante della Privacy, Giuseppe Busia commentando l’iniziativa di Consulcesi Tech dedicata alla blockchain nel corso dell’evento ICDPPC
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti - Inviati a Tirana (Albania)
Big Data e ambiente, Desideri (ISS): «Il 30% delle cause di mortalità per tumore sono da ricondurre agli stili di vita»
«L’ambiente di vita e di lavoro deve essere al centro delle politiche del sistema sanitario pubblico» ha evidenziato Enrico Desideri, Presidente Fondazione ISS, a margine del congresso Big Data in Health di cui Sanità Informazione è stata media partner. E sul diritto dei cittadini ad intraprendere azioni legali per la mancata tutela della salute: «I cittadini devono alzare la voce e farsi sentire»
Congresso Aimo e simposio Goal, Tortorella: «La blockchain cambia la sanità, anche per gli oculisti »
Tra i temi affrontati, anche l’innovazione rappresentata dalla Blockchain. Tortorella (Consulcesi Tech): «È una tecnologia che verifica e congela l’accaduto. Fondamentale per certificare la formazione ECM»
di Giulia Cavalcanti e Cesare Buquicchio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 31 marzo, sono 786.291 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 37.820 i decessi e 166.088 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...