Lavoro 22 Marzo 2019

Assunzioni SSN, Leoni (FNOMCeO): «Bene iniziare a parlarne, ma bisogna verificare se annuncio avrà conseguenze concrete»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini dei Medici teme che il superamento del tetto di spesa per il personale calcolato sui parametri dello scorso anno non sia sufficiente a risolvere il problema della carenza di medici e professionisti sanitari: «Se in Veneto mancano 1300 camici bianchi e non calcolo l’incremento sul personale originario, c’è il rischio di non recuperare granché»

«È senz’altro positivo che si inizi a pensare di sbloccare i fondi per le assunzioni, ma la metodologia scelta è ancora oggetto di valutazione». Così Giovanni Leoni, vicepresidente della FNOMCeO, commenta l’annuncio del raggiungimento dell’accordo sul superamento del tetto di spesa per il personale del Servizio sanitario nazionale.

La Federazione e alcuni sindacati vogliono infatti capire bene se la norma annunciata dal ministro Grillo possa concretamente produrre l’aumento delle risorse per procedere con le assunzioni. Nel testo dell’emendamento è specificato che «a decorrere dal 2019, la spesa per il personale degli Enti del Ssn di ciascuna Regione non può superare il valore della spesa sostenuta nel 2018», che potrà «essere incrementata per un importo pari al 5% dell’incremento del Fondo sanitario rispetto all’esercizio precedente».

«Ma se la spesa è fissata al 2018 – si chiede Leoni -, quando già mancavano 50mila infermieri e 10mila medici, di fatto gli operatori persi in questi anni non verrebbero recuperati. E i 50 milioni – pari al 5% dell’aumento del Fondo sanitario nazionale previsti dalla norma – basterebbero ad assumere solo 500 camici bianchi».

Fa l’esempio del suo Veneto, Leoni, per spiegare meglio le motivazioni delle sue perplessità: «Qui mancano 1300 medici sui 7500 che costituivano il personale originario. L’aumento della spesa del 5% rispetto a cosa deve essere calcolato? Sui 7500 o sui 6200 dello scorso anno? Se è la seconda ipotesi quella corretta, non si recupererà un granché. E bisogna anche specificare che, ad ogni modo, tutto il meccanismo è legato al Prodotto interno lordo, e se il Pil si blocca non ci sarà affatto alcun incremento».

Un altro nodo da sciogliere è poi quello relativo al divario tra le diverse Regioni, che rischia di non essere colmato ma, anzi, aumentato, perché il 5% premierebbe solo quelle più ricche, come specificato dal presidente della FNOMCeO Filippo Anelli su Repubblica. La FNOMCeO non condivide quindi i toni trionfalistici con cui è stato condiviso l’annuncio, e decide di reagire con i piedi di piombo.

Infine, all’incontro tra il Ministro e le professioni sanitarie è stato anche affrontato il tema dell’applicazione della legge Lorenzin sugli Ordini professionali, che attendono l’attuzione di aspetti importanti della norma quali la revisione della Commissione disciplinare o la presenza del revisore dei conti esterno. «È necessario creare le commissioni per i vari argomenti – spiega Leoni – ma tra un anno e mezzo ci saranno le elezioni per le nuove cariche ordinistiche con le nuove modalità, e quindi ogni aspetto dovrà essere regolamentato secondo la nuova Legge», conclude.

LEGGI ANCHE: QUOTA 100, SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO DURIGON (LEGA): «PRESTO NUOVE ASSUNZIONI PER GESTIRE USCITE NELLA SANITA’»

 

Articoli correlati
Aggredito anestetista al Veneziale di Isernia: «Dopo il pugno ho ugualmente prestato assistenza e solo dopo sono andato in PS»
Per David Di Lello, medico anestesista dell’ospedale Veneziale di Isernia arriva la solidarietà della FNOMCEO. «Chiedo non solo di riattivare il posto di polizia dell’ospedale, ma anche di proteggere le guardie mediche, almeno con un sistema di videosorveglianza - afferma il presidente dell’Ordine dei medici di Isernia - neanche la pandemia ha posto un argine alle violenze subite dal personale sanitario»
Test sierologici, le audizioni in Senato. Parisi (Lincei): «Manca norma che renda dati disponibili a tutta la comunità scientifica»
Il presidente dell'Accademia dei Lincei ha poi sottolineato l’importanza, per l'autunno, di aumentare di dieci volte la capacità di fare tamponi. Per Filippo Anelli (FNOMCeO) è necessario «mettere i risultati dei test, nel rispetto della privacy, a disposizione di medici di famiglia e pediatri». Ascoltati anche Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici) e Gualano (Università di Torino)
Anelli (FNOMCeO): «È il momento di una visione illuminata della sanità»
Come sarà il ‘dopo’? Innanzitutto, dovremo abituarci a convivere con il virus, almeno sino a che non sarà disponibile per tutta la popolazione un vaccino efficace. Questo significa che dovremo abituarci a mantenere le distanze di sicurezza e a mettere in atto le pratiche igieniche e organizzative idonee a limitare il contagio. Sarebbe consigliato poi […]
di Filippo Anelli, Presidente FNOMCeO
Professionisti in Sanità, la fotografia dell’Istat: «Sempre meno e sempre più vecchi»
Anelli (FNOMCeO): «Situazione frutto di politiche di tagli e di contenimento. Dobbiamo lavorare tutti insieme, i medici, i professionisti, le istituzioni, il Governo, gli stakeholder, a un grande progetto di rilancio del nostro Ssn». SIGM: «Gli “eroi” tanto elogiati restano i più poveri e più stanchi della Pubblica Amministrazione»
Elezioni ENPAM, chi sono i candidati e perché alcune associazioni chiedono la sospensione delle procedure elettorali
Acceso dibattito nel mondo medico. Ecco la lettera con cui AIM, AIO, FP CGIL MEDICI, CIPe, SIGM, SMI, SiSPe, SUSO e UGL Medici chiedono il rinvio delle elezioni, la replica di Silvestro Scotti (Fimmg) e la posizione di Guido Quici (CIMO)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 maggio, sono 5.695.290 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 355.701 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 28 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco