Lavoro 22 Marzo 2019

Assunzioni SSN, Leoni (FNOMCeO): «Bene iniziare a parlarne, ma bisogna verificare se annuncio avrà conseguenze concrete»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini dei Medici teme che il superamento del tetto di spesa per il personale calcolato sui parametri dello scorso anno non sia sufficiente a risolvere il problema della carenza di medici e professionisti sanitari: «Se in Veneto mancano 1300 camici bianchi e non calcolo l’incremento sul personale originario, c’è il rischio di non recuperare granché»

«È senz’altro positivo che si inizi a pensare di sbloccare i fondi per le assunzioni, ma la metodologia scelta è ancora oggetto di valutazione». Così Giovanni Leoni, vicepresidente della FNOMCeO, commenta l’annuncio del raggiungimento dell’accordo sul superamento del tetto di spesa per il personale del Servizio sanitario nazionale.

La Federazione e alcuni sindacati vogliono infatti capire bene se la norma annunciata dal ministro Grillo possa concretamente produrre l’aumento delle risorse per procedere con le assunzioni. Nel testo dell’emendamento è specificato che «a decorrere dal 2019, la spesa per il personale degli Enti del Ssn di ciascuna Regione non può superare il valore della spesa sostenuta nel 2018», che potrà «essere incrementata per un importo pari al 5% dell’incremento del Fondo sanitario rispetto all’esercizio precedente».

«Ma se la spesa è fissata al 2018 – si chiede Leoni -, quando già mancavano 50mila infermieri e 10mila medici, di fatto gli operatori persi in questi anni non verrebbero recuperati. E i 50 milioni – pari al 5% dell’aumento del Fondo sanitario nazionale previsti dalla norma – basterebbero ad assumere solo 500 camici bianchi».

Fa l’esempio del suo Veneto, Leoni, per spiegare meglio le motivazioni delle sue perplessità: «Qui mancano 1300 medici sui 7500 che costituivano il personale originario. L’aumento della spesa del 5% rispetto a cosa deve essere calcolato? Sui 7500 o sui 6200 dello scorso anno? Se è la seconda ipotesi quella corretta, non si recupererà un granché. E bisogna anche specificare che, ad ogni modo, tutto il meccanismo è legato al Prodotto interno lordo, e se il Pil si blocca non ci sarà affatto alcun incremento».

Un altro nodo da sciogliere è poi quello relativo al divario tra le diverse Regioni, che rischia di non essere colmato ma, anzi, aumentato, perché il 5% premierebbe solo quelle più ricche, come specificato dal presidente della FNOMCeO Filippo Anelli su Repubblica. La FNOMCeO non condivide quindi i toni trionfalistici con cui è stato condiviso l’annuncio, e decide di reagire con i piedi di piombo.

Infine, all’incontro tra il Ministro e le professioni sanitarie è stato anche affrontato il tema dell’applicazione della legge Lorenzin sugli Ordini professionali, che attendono l’attuzione di aspetti importanti della norma quali la revisione della Commissione disciplinare o la presenza del revisore dei conti esterno. «È necessario creare le commissioni per i vari argomenti – spiega Leoni – ma tra un anno e mezzo ci saranno le elezioni per le nuove cariche ordinistiche con le nuove modalità, e quindi ogni aspetto dovrà essere regolamentato secondo la nuova Legge», conclude.

LEGGI ANCHE: QUOTA 100, SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO DURIGON (LEGA): «PRESTO NUOVE ASSUNZIONI PER GESTIRE USCITE NELLA SANITA’»

 

Articoli correlati
Ex specializzandi, Foad Aodi(Amsi): «Resa giustizia a tanti medici che lottano per i loro diritti»
«Perché i medici – spiega il presidente dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), Foad Aodi - tante volte ultimamente vedono i loro diritti e anche la loro professione a rischio, tra aggressioni e denunce»
Il Decreto Calabria arriva in Senato, Carlo Palermo (Anaao): «Sblocco assunzioni è punto importante»
Previsto per martedì 18 giugno l'esame del testo in Senato. Secondo il segretario Anaao Assomed, Carlo Palermo, grazie al decreto si «allarga enormemente la platea dei medici che possono essere assunti nel sistema»
Formazione post-laurea, Grillo: «Sistema anacronistico»
Sulle 2090 borse in più necessarie per coprire il gap del sistema, il Ministro della Salute Giulia Grillom che ha partecipato all'assemblea Anaao Giovani Als, risponde senza mezzi termini: «Non arriveremo alla copertura totale. Ma bisogna rendere l'aumento strutturale»
Un medico su due ha subito aggressioni, Grillo e Anelli: «È emergenza, si approvi subito ddl anti-violenza»
Tra i temi affrontati dal ministro della Salute e dal presidente della FNOMCeO, anche il finanziamento del Fondo sanitario nazionale, le soluzioni alla carenza di medici ed il sistema della prescrizione dei farmaci
Al via la Commissione ECM, Tortorella: «Giusto premiare chi si forma. Puntiamo sui corsi a distanza»
La prima riunione alla presenza del Ministro Grillo. L’ad di Consulcesi Group, Andrea Tortorella commenta positivamente la direzione intrapresa dal Ministero: «Sì alle premialità, è una strada che noi sosteniamo ormai da oltre tre anni». E per aiutare i medici si punta alla formazione a distanza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...