Lavoro 20 Ottobre 2021 17:25

«Assumere i precari della pandemia». L’appello di FIASO e di tutti gli Ordini della sanità

Assumere i 66mila precari reclutati in pandemia, con una modifica alla Legge Madia. La proposta FIASO fa il pieno di consensi e il presidente Migliore la presenta con FNOMCeO, FNOPI, FNO TSRM-PSTRP e CNOP

Sono 66.029 i professionisti sanitari reclutati con modalità straordinarie dal Sistema sanitario nazionale per far fronte alla pandemia. 20.064 medici, 23.233 infermieri e 22.732 operatori sociosanitari e altre professioni. Anche sulle loro spalle e sul lavoro più duro, che hanno affrontato sin dall’inizio, si è basata la strategia che ha portato l’Italia a tenere sotto controllo Covid-19, se non ancora a sconfiggerlo.

Ora, questi professionisti in scadenza rischiano di trovarsi nuovamente precari. Uno scenario, questo, che non può presentarsi. Da qui è scaturita la proposta di FIASO (Federazione italiana delle Aziende sanitarie ospedaliere) alle Istituzioni per la stabilizzazione di 53.677 di questi professionisti con un emendamento all’articolo 20 della Legge Madia. Escludendo solo i medici specializzandi iscritti a quarto e quinto anno, medici abilitati e non specializzati e personale in quiescenza reclutato con contratti di lavoro autonomo. Rientrerebbero tutti quei professionisti che abbiano maturato al 31 dicembre 2022 almeno 12 mesi di servizio continuativo e al 31 dicembre 2021 almeno 36 mesi.

In conferenza stampa a Roma, il presidente FIASO Giovanni Migliore ha illustrato la proposta circondato dal supporto e dalla condivisione delle Federazioni degli Ordini dei Medici, degli Infermieri, dei Tecnici sanitari e degli Psicologi.

La proposta FIASO

Migliore ha ricordato come dal 2020 al 2024, calcolando le differenze tra pensionamenti e assunzioni, mancheranno 8.299 medici e 10.054 infermieri. Queste assunzioni proposte, dunque, anticiperebbero parte del fabbisogno di personale dei prossimi anni e consentirebbero di colmarne le carenze. Le dotazioni organiche in questo caso risponderebbero alle esigenze che il Piano nazionale di Ripresa e Resilienza stabilisce.

Perché funzioni, il PNRR non può prescindere dalla formazione per creare nuove competenze e corrispondere quei bisogni assistenziali che necessariamente cambieranno dopo la pandemia. Stabilizzare il personale, ha ricordato Migliore, permetterebbe un investimento efficace dei fondi destinati alla formazione.

«Questo è un riconoscimento al valore di questi professionisti – ha spiegato Migliore ai microfoni di Sanità Informazione – che si è consolidato nel campo e ci ha permesso in un periodo difficile di superare la fase più critica. È poi un investimento per mettere in sicurezza il nostro servizio sanitario nazionale che viene da anni di tagli alle dotazioni organiche. Con questa misura daremmo una risposta concreta al bisogno di salute dei nostri concittadini».

FNOPI e FNOMCeO

«Io porto il ringraziamento della presidente Barbara Mangiacavalli – ha detto Cosimo Cicia, in rappresentanza di FNOPI -, noi abbiamo dall’inizio sposato questa iniziativa FIASO. Sono stati proprio questi precari a dimostrare di poter dare delle risposte che gli italiani meritano. E non solo precari, abbiamo bisogno anche di nuovi concorsi per tutte le professioni sanitarie».

«Va certamente verificata l’applicabilità e vanno fatti i conti – ha ricordato Filippo Anelli, presidente FNOMCeO – e serve anche un ragionamento che includa non solo il personale dipendente ma anche quello convenzionato che ha lavorato sul territorio. Questo è il punto di partenza per fare un ragionamento e credo che il governo debba cogliere questo stimolo che viene dal presidente Migliore e da tutte le Federazioni sanitarie, proprio perché l’interesse a rimettere al centro i professionisti c’è da parte di tutti. Il PNRR, che punta sulle novità strutturali, non può essere completo senza un investimento altrettanto importante sulle risorse umane».

FNO TSRM-PSTRP e CNOP

«L’iniziativa di Fiaso è stata raccolta dalla nostra federazione perché bisogna stabilizzare quei professionisti che in pandemia hanno dato il loro contributo facendo la differenza – è il pensiero di Teresa Calandra, presidente FNO TSRM-PSTRP -. Guardiamo con favore anche alla possibilità di ampliare la platea di professionisti sanitari, non solo coloro che dovranno essere stabilizzati ma implementarli con nuove assunzioni».

«Riteniamo che chi ha operato per la pandemia debba avere un giusto riconoscimento – ha concluso David Lazzari, presidente CNOP -. Noi siamo contrari al precariato nella PA e anche nella sanità. Più in generale il problema è adeguare il numero delle persone ai nuovi bisogni. Noi abbiamo solo cinquemila psicologi nel SSN con età media di 58 anni, è uno dei settori su cui c’è più necessità di investire».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Fiaso: «Giù del 20% i ricoveri nell’ultima settimana, -22% nelle terapie intensive»
Le terapie intensive segnano un -22% rispetto alla settimana precedente e un indice di occupazione del 4,4%. In calo del 27% i ricoveri Covid pediatrici negli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso
Covid, report Fiaso: «Primo lieve calo ricoveri (-2%), intensive stabili»
«In linea con l’andamento dei contagi in calo registriamo la prima discesa dei ricoveri di questa ondata epidemica estiva legata alla variante omicron 5», commenta il presidente di Fiaso, Giovanni Migliore
Italiani più longevi e in salute, ma personale sanitario ridotto del 5,6%. I 30 anni delle aziende sanitarie pubbliche
Al Ministero della Salute manager Fiaso a confronto. Tra i Dg età media 58 anni, 22% le donne, solo il 10% ha esperienza in più regioni. Migliore: «Direttori cruciali nel Ssn, ma serve personale: già 10 regioni su 20 hanno avviato le stabilizzazioni Covid»
Rallenta la discesa dei ricoveri per Covid, -3,9% in una settimana
La riduzione dei ricoveri Covid negli ospedali continua ma rallenta. Il numero dei pazienti registrati negli ospedali sentinella aderenti alla rete di Fiaso diminuisce del 3,9%. È quanto emerge dalla rilevazione settimanale effettuata da Fiaso
di Redazione
Fiaso: «Si consolida il trend di calo,-16,3% di pazienti nei reparti Covid»
Per la quinta settimana consecutiva diminuisce il numero di pazienti ricoverati nelle aree Covid, sia nei reparti ordinari sia nelle terapie intensive, del 16,3%. I dati del Report degli ospedali sentinella della Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere (Fiaso)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale