Salute 12 Ottobre 2021 15:15

«Assumere i 66mila precari della sanità reclutati durante l’emergenza Covid». La proposta Fiaso

Migliore (Fiaso): «Assumere chi ha svolto per 12 mesi in modo continuativo servizio nelle nostre aziende oppure estendere il periodo di validità del beneficio della legge Madia fino alla fine del 2023, per consentire a coloro che sono stati assunti tra marzo e giugno 2020 di maturare i 36 mesi necessari all’assunzione a tempo indeterminato»

di Isabella Faggiano

I precari della sanità reclutati durante l’emergenza Covid hanno il diritto di essere assunti a tempo indeterminato. E i vertici istituzionali hanno il dovere di creare le condizioni affinché questo avvenga. È questa, in sintesi, la posizione espressa dalla FIASO, la Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere, in una proposta di emendamento all’articolo 20 del Dlgs 75/201 inviata agli esponenti di Governo e Parlamento. «Sono 66mila i dipendenti (tra medici e professionisti sanitari) assunti a tempo determinato nel Sistema Sanitario Nazionale durante la pandemia da Covid-19 – spiega il presidente della Federazione, Giovanni Migliore – . Un patrimonio umano irrinunciabile, precari che è necessario assumere a tempo indeterminato per evitare che la Sanità italiana si ritrovi ad affrontare una nuova emergenza dovuta alla carenza di personale».

Le ipotesi in campo

Affinché da una proposta teorica si possa passare immediatamente ad un’azione pratica la Fiaso ha avanzato due diverse soluzioni. «Si tratta di ipotesi sovrapponibili – sottolinea Migliore -. La prima prevede l’assunzione a tempo determinato di coloro che,  assunti durante l’emergenza Covid, hanno svolto per 12 mesi in modo continuativo servizio nelle nostre aziende sanitarie. La seconda, invece, allunga al 31 dicembre 2024 i requisiti per la stabilizzazione introdotti dalla c.d. Legge Madia: possono essere assunti coloro che sono stati reclutati a tempo determinato, a decorrere dalla data di deliberazione dello stato di emergenza dichiarato dal Consiglio dei Ministri, da aziende ed enti del servizio sanitario e abbiano maturato, al 31 dicembre 2024, alle dipendenze dell’azienda o dell’ente del Servizio Sanitario Nazionale, almeno trentasei mesi di servizio».

I numeri del precariato

Sulla base dei dati trasmessi a fine aprile 2021 dalle Regioni e Province autonome al Ministero della Salute, nel periodo tra marzo 2020 e aprile 2021 risultano essere stati reclutati 83.180 operatori. Il personale sanitario assunto a tempo determinato nel periodo di emergenza in condizione di precariato ammonta a 66.029 professionisti. Va sottolineato come i 21.414 medici reclutati in questo periodo costituiscano il 21% della forza esistente ad inizio pandemia. Inferiore, ma sempre significativa quella degli infermieri: il 12,5%. Il restante personale (29.776 unità) è costituito da operatori socio-sanitari ed altre professionalità necessarie per fronteggiare l’emergenza sanitaria (tecnici di radiologia, tecnici di laboratorio, assistenti sanitari, biologi, etc.). Le assunzioni a tempo indeterminato sono state sul 12,5 % dei medici, il 27,4 % degli infermieri, il 23,7 % delle altre figure professionali.

Altri vantaggi della proposta FIASO

Il bisogno di stabilizzazione del personale precario evidenziato dalla FIASO è reso ancora più urgente dagli obbiettivi che il SSN dovrà raggiungere attraverso la realizzazione del PNRR. «Nei prossimi cinque anni – continua Migliore – le nostre aziende dovranno impegnarsi nello sviluppo di nuove competenze, investendo efficacemente i fondi del PNRR destinati alla formazione. Inoltre – aggiunge il presidente Fiaso – si avrebbe l’innegabile vantaggio di poter procedere velocemente al reclutamento di personale necessario al SSN, risparmiando il denaro che altrimenti sarebbe necessario investire per la selezione. Ancora, secondo le nostre stime, il personale che parteciperebbe a un’eventuale concorso pubblico sarebbe lo stesso che oggi è impiegato in modo precario».

Molti vantaggi, dunque, in un’unica soluzione. «Attraverso questo emendamento potremmo risolvere immediatamente il problema della carenze di organico del SSN, causato negli anni da imbuto formativo, difficoltà di turn-over e continui tagli alla sanità pubblica, offrendo una risposta concreta anche a coloro che, dopo aver contributo al superamento dell’emergenza – conclude – si aspettano di non essere tagliati fuori dal Servizio Sanitario Nazionale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Caldo, una mappa degli interventi per proteggere i fragili a domicilio
Una mappa di alcuni degli interventi in corso da Nord a Sud per proteggere i pazienti fragili dall’emergenza caldo. Il presidente Fiaso, Migliore: «Grande attenzione alla comunicazione per evitare afflusso eccessivo nei pronto soccorso nei prossimi giorni»
Grandi dimissioni in sanità: nel 2021 via dal Ssn 3mila medici
Migliore (Fiaso): «Per recuperare attrattività bisogna assumere personale e garantire migliori condizioni di lavoro e retribuzioni adeguate. Incentivi per chi lavora nei pronto soccorso»
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
PNRR, Migliore (Fiaso): «Ora arriva la parte difficile. Puntare su formazione personale sanitario»
Intervista al Presidente della Federazione Italiana Aziende Sanitarie Ospedaliere, che ha preso parte al Sesto forum Mediterraneo 2022 in Sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.