Lavoro 10 Aprile 2019

Anestesisti rianimatori, Marinangeli (Aaroi-Emac): «Siamo gli angeli custodi della sicurezza dei pazienti»

Il presidente del meeting SAQURE: «I contenziosi sono diminuiti. Disposizioni anticipate di trattamento fondamentali per l’autodeterminazione dei pazienti che devono sottoporsi a qualunque procedura, applicabili anche ai testimoni di Geova che rifiutano le trasfusioni»

Immagine articolo

Sicurezza, qualità e affidabilità. Sono le tre parole intorno alle quali si è incentrato il meeting SAQURE organizzato a Roma dagli anestesisti rianimatori rappresentati dall’Aaroi-Emac. Tre parole per una tre giorni che ha messo al centro tematiche non scientifiche, che vanno dai problemi medico legali e la responsabilità professionale ai processi organizzativi del Servizio sanitario nazionale.

LEGGI ANCHE: MEDICI A GETTONE, SINDACATI SUL PIEDE DI GUERRA. VERGALLO (AAROI-EMAC): «È UNA PRIVATIZZAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO, MINISTRO LA FERMI»

«Siamo gli angeli custodi dei pazienti, dalla nascita al fine vita – ha dichiarato ai nostri microfoni il presidente del meeting Franco Marinangeli -. Siamo accanto alle mamme per fare l’analgesia del travaglio di parto; siamo vicini ai pazienti che vengono sottoposti a interventi chirurgici e ai pazienti in terapia intensiva; lavoriamo negli hospice e nelle reti di cure palliative e di terapia del dolore. Eppure – prosegue Marinangeli – spesso i cittadini non ci conoscono, qualcuno ancora pensa che non siamo medici. Anche per questo abbiamo deciso di organizzare questo incontro in modo diverso dai classici congressi medici. Abbiamo creato un dialogo con il mondo esterno e abbiamo invitato Cittadinanzattiva, i Nas e anche un gruppo di testimoni di Geova».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO. VERGALLO (AAROI-EMAC): «SCIOPERO DI UN ANESTESISTA BLOCCA DIECI PROFESSIONISTI. FAREMO SENTIRE PESO DELLA CATEGORIA»

Proprio con questi ultimi il dibattito è stato particolarmente acceso e interessante, ed è stata l’occasione per far luce sulle disposizioni anticipate di trattamento. Un tema che «non riguarda il fine vita» ma «l’autodeterminazione», e quindi anche la scelta dei testimoni di Geova di rifiutare le trasfusioni di sangue. «Come ha spiegato il professor Fineschi nella sua lectio magistralis – continua Marinangeli -, la legge 219 del 2017 prevede che i professionisti sono tenuti a rispettare le volontà del cittadino, quindi anche dei testimoni di Geova. E peraltro non c’è obiezione di coscienza, quindi dobbiamo attenerci alla Legge».

Infine, tra i temi trattati dagli anestesisti rianimatori non poteva mancare la responsabilità professionale. L’Aaroi-Emac registra una «diminuzione notevole di contenziosi, grazie all’impegno importante della categoria in tema di formazione e comunicazione. Teniamo inoltre presente – aggiunge il presidente di SaQuRe – che il 95% dei contenziosi non ha motivo di esistere ed è frutto di una bolla speculativa e di richieste economiche infondate da parte dei pazienti. Inoltre, secondo l’Ania, l’80% dei contenziosi è causato dal cosiddetto errore latente. Non un errore medico, quindi, ma organizzativo. Qualcosa che noi anestesisti subiamo. Ecco perché – conclude Marinangeli – riteniamo che la nostra partecipazione all’organizzazione del sistema sia fondamentale. Dobbiamo far capire agli amministratori e alla politica che noi anestesisti rianimatori siamo i garanti della sicurezza, siamo un ingranaggio chiave degli ospedali, e possiamo quindi essere partner privilegiati per partecipare alla riorganizzazione del nostro Sistema sanitario nazionale».

Articoli correlati
Borse di studio in Anestesia e Emergenza-Urgenza, Aaroi-Emac: «Bene aumento, ora tocca a politica rendere attrattive queste specializzazioni»
«Soddisfazione per l’aumento delle Borse di Studio per le Specializzazioni in Anestesia, rianimazione, terapia intensiva e del dolore e in Medicina di emergenza e urgenza, ma la politica deve fare la sua parte per rendere maggiormente attrattive tali discipline». È questo in sintesi il commento dell’AAROI-EMAC sugli ultimi dati relativi all’incremento e alla distribuzione dei […]
Contratto medici, nuova bozza ARAN sul tavolo. Ma il fronte sindacale resta diviso
In attesa del via libera da parte del Mef sul nuovo Atto d’indirizzo, ripartono le trattative con l’obiettivo di chiudere entro fine luglio. Filippi (Cgil): «Possiamo ottenere grandi risultati». Quici (Cimo – Fesmed): «Testo di rinnovo del contratto volutamente provocatorio e umiliante, è dichiarazione di guerra»
Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran
Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici (Cimo-Fesmed): «Le risorse saranno date dai medici in un rapporto 5 a 1». Vergallo: (Aaroi-Emac): «Paventiamo rischio concreto di appiattimento tra le professioni»
Medici e Avvocati di Roma insieme contro i contenziosi temerari per “malasanità”
È la prima volta che i Consigli di due Ordini professionali si riuniscono per affrontare sinergicamente problematiche comuni
Responsabilità professionale, Gelli: «Entro l’autunno avremo i decreti attuativi legge 24»
Il testo dei quattro decreti è stato elaborato dal MISE e ha ricevuto il parere positivo da parte del MEF e del ministero della Salute. Il padre della legge Gelli: «Ora manca concertazione. Accolto il 90% delle nostre proposte»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...