Lavoro 10 Aprile 2019

Anestesisti rianimatori, Marinangeli (Aaroi-Emac): «Siamo gli angeli custodi della sicurezza dei pazienti»

Il presidente del meeting SAQURE: «I contenziosi sono diminuiti. Disposizioni anticipate di trattamento fondamentali per l’autodeterminazione dei pazienti che devono sottoporsi a qualunque procedura, applicabili anche ai testimoni di Geova che rifiutano le trasfusioni»

Immagine articolo

Sicurezza, qualità e affidabilità. Sono le tre parole intorno alle quali si è incentrato il meeting SAQURE organizzato a Roma dagli anestesisti rianimatori rappresentati dall’Aaroi-Emac. Tre parole per una tre giorni che ha messo al centro tematiche non scientifiche, che vanno dai problemi medico legali e la responsabilità professionale ai processi organizzativi del Servizio sanitario nazionale.

LEGGI ANCHE: MEDICI A GETTONE, SINDACATI SUL PIEDE DI GUERRA. VERGALLO (AAROI-EMAC): «È UNA PRIVATIZZAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO, MINISTRO LA FERMI»

«Siamo gli angeli custodi dei pazienti, dalla nascita al fine vita – ha dichiarato ai nostri microfoni il presidente del meeting Franco Marinangeli -. Siamo accanto alle mamme per fare l’analgesia del travaglio di parto; siamo vicini ai pazienti che vengono sottoposti a interventi chirurgici e ai pazienti in terapia intensiva; lavoriamo negli hospice e nelle reti di cure palliative e di terapia del dolore. Eppure – prosegue Marinangeli – spesso i cittadini non ci conoscono, qualcuno ancora pensa che non siamo medici. Anche per questo abbiamo deciso di organizzare questo incontro in modo diverso dai classici congressi medici. Abbiamo creato un dialogo con il mondo esterno e abbiamo invitato Cittadinanzattiva, i Nas e anche un gruppo di testimoni di Geova».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO. VERGALLO (AAROI-EMAC): «SCIOPERO DI UN ANESTESISTA BLOCCA DIECI PROFESSIONISTI. FAREMO SENTIRE PESO DELLA CATEGORIA»

Proprio con questi ultimi il dibattito è stato particolarmente acceso e interessante, ed è stata l’occasione per far luce sulle disposizioni anticipate di trattamento. Un tema che «non riguarda il fine vita» ma «l’autodeterminazione», e quindi anche la scelta dei testimoni di Geova di rifiutare le trasfusioni di sangue. «Come ha spiegato il professor Fineschi nella sua lectio magistralis – continua Marinangeli -, la legge 219 del 2017 prevede che i professionisti sono tenuti a rispettare le volontà del cittadino, quindi anche dei testimoni di Geova. E peraltro non c’è obiezione di coscienza, quindi dobbiamo attenerci alla Legge».

Infine, tra i temi trattati dagli anestesisti rianimatori non poteva mancare la responsabilità professionale. L’Aaroi-Emac registra una «diminuzione notevole di contenziosi, grazie all’impegno importante della categoria in tema di formazione e comunicazione. Teniamo inoltre presente – aggiunge il presidente di SaQuRe – che il 95% dei contenziosi non ha motivo di esistere ed è frutto di una bolla speculativa e di richieste economiche infondate da parte dei pazienti. Inoltre, secondo l’Ania, l’80% dei contenziosi è causato dal cosiddetto errore latente. Non un errore medico, quindi, ma organizzativo. Qualcosa che noi anestesisti subiamo. Ecco perché – conclude Marinangeli – riteniamo che la nostra partecipazione all’organizzazione del sistema sia fondamentale. Dobbiamo far capire agli amministratori e alla politica che noi anestesisti rianimatori siamo i garanti della sicurezza, siamo un ingranaggio chiave degli ospedali, e possiamo quindi essere partner privilegiati per partecipare alla riorganizzazione del nostro Sistema sanitario nazionale».

Articoli correlati
Responsabilità professionale, rischio clinico e gestione del contenzioso: torna l’annuale appuntamento alla Sapienza
«L’idea è quella di coinvolgere più professionalità e aprire un dialogo importantissimo fra specialisti e operatori tecnici che entrano nel merito della gestione del contenzioso e del rischio clinico» spiega Paola Frati, professore ordinario di Medicina legale alla Sapienza di Roma e Responsabile scientifico del convegno insieme al professor Vittorio Fineschi
Premio Sham 2019, 6mila euro per progetti che migliorano la gestione del rischio e aumentano la qualità delle cure
Ci sarà tempo fino a settembre 2019 per partecipare alla 4a edizione del Premio Sham per la prevenzione dei rischi, un’iniziativa unica in Italia che raccoglie, confronta e promuove i progetti di prevenzione messi in atto dalle strutture sanitarie su tutto il territorio nazionale. Una speciale commissione di Risk Manager deciderà i vincitori a novembre […]
Biotestamento, Grillo: «Nessuna inerzia sull’avvio del registro Dat»
«Contestualmente il ministero è riuscito ad ottenere specifiche risorse, - chiarisce Grillo - pari a 400mila euro all’anno, per avviare la realizzazione informatica della banca dati»
Responsabilità professionale, MISE al lavoro su decreti attuativi legge 24. Gelli: «Contenziosi in diminuzione con risk management»
«Nelle regioni dov’è applicata la Legge si riducono le controversie: finalmente c’è un governo del rischio in sanità e della sicurezza delle cure per i cittadini» ha sottolineato a Sanità Informazione Federico Gelli, relatore della Legge alla Camera e presidente della Fondazione Italia in Salute
Responsabilità, Mangiacavalli (FNOPI): «Per infermieri polizza facoltativa per sentirsi tranquilli»
La Presidente della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche sottolinea il cambiamento “culturale” portato dalla legge 24 del 2017. Poi spiega quanto fatto sul tema: «Abbiamo firmato un protocollo d’intesa con il Csm per l’attività consulenziale e peritale e lavorato con le nostre società scientifiche per entrare nell'elenco del Ministero»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...