Lavoro 20 Gennaio 2015 20:04

Allarme assicurazioni: il 78% dei medici preoccupato dalle controversie pretestuose

Lo rivela il sondaggio realizzato da O.I.S., l’Osservatorio Internazionale della Sanità: e il 72% chiede la tutela legale completa

Allarme assicurazioni: il 78% dei medici preoccupato dalle controversie pretestuose

Controversie pretestuose. E’ questa la più grande preoccupazione professionale per il 78,9% dei medici italiani. E, per il 72,2% degli intervistati, proteggersi con una polizza che comprenda una tutela legale completa è ormai una necessità. Sono questi i dati principali emersi dal sondaggio presentato oggi  – presso il Ministero della Salute – da O.I.S., l’Osservatorio Internazionale della Sanità.

Sui risultati dell’indagine, effettuata su un campione di oltre mille medici, è intervenuta il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, evidenziando che “i tempi sono maturi per un intervento più organico e veramente risolutivo” rispetto al decreto legge n.158 del 2012, che “ha cercato di dare una prima risposta alle criticità derivanti dalla rigida applicazione dei principi generali sanciti dal Codice Civile e Penale in materia di responsabilità professionale”.

L’assist fornito dal ministro è stato raccolto dagli altri partecipanti, a partire dal sottosegretario alla Salute Vito De Filippo: “Negli ultimi anni c’è stato un cambiamento normativo importante, come la legge Balduzzi, e successivi interventi. Attualmente in Parlamento esistono diversi disegni di legge volti a garantire un testo base per una normativa generale sulla materia”. Un intervento che dovrebbe arrivare in tempi ragionevoli “grazie a una sintesi dei disegni di legge esistenti – ha annunciato il sottosegretario De Filippo – alla quale stiamo lavorando con il Parlamento”.

Un confronto acceso, quello scaturito dal sondaggio di O.I.S., che “grazie un database profilato con oltre 400mila contatti, esamina i grandi temi della sanità da un punto di vista privilegiato”.
“La categoria dei medici – spiega lo statistico Alessandro Solipaca, Direttore Scientifico di O.I.S. – si dimostra molto attenta ai rischi legati all’attività professionale. Infatti, ben l’86,8% degli intervistati aveva stipulato un’assicurazione già prima dell’entrata in vigore dell’obbligo normativo previsto per i medici del settore privato”. Una percezione del rischio elevata, e fondata, come emerge da un altro dato fondamentale. “Il 15,3% dei camici bianchi intervistati – fa notare ancora il Direttore Scientifico di O.I.S. – dichiara di aver avuto, almeno una volta nella carriera professionale, una controversia con un proprio paziente: è una percentuale elevata, se valutata dal punto di vista del professionista, ma non giustifica, da sola, i premi richiesti da alcune compagnie assicurative”.

Si capisce, quindi, cosa spinga tanti medici (il 72,2%) a stipulare un contratto assicurativo comprensivo della copertura della tutela legale: evitare quelle richieste di risarcimento che esulano dalla propria responsabilità. È questo, infatti, il timore maggiore di quattro medici su cinque. Intervenuto al dibattito anche Roberto Lala, presidente dell’OMCeO di Roma, Ordine che ha collaborato alla realizzazione del sondaggio: “Negli ultimi anni – ha spiegato Lala– è aumentata di molto la tendenza a voler lucrare sull’errore medico, fatto che aumenta la pretestuosità delle cause e, dunque, influisce negativamente sulla tranquillità del professionista stesso. Tutto ciò – continua il presidente – spinge il camice bianco ad aumentare il ricorso alla medicina difensiva o, peggio ancora, a quella astensiva”. Nessuna sorpresa sugli esiti del sondaggio da parte di Dario Focarelli, direttore generale di Ania, Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici: “I risultati non ci stupiscono: c’è bisogno di un intervento organico in materia, in modo da definire una volta per tutte i contorni della responsabilità dei camici bianchi, coerentemente con il Codice Civile. A partire – conclude Focarelli – dalle tabelle per quantificare il risarcimento”.

Per info www.osservatorio-ois.com

Articoli correlati
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
Se il nesso causale non è provato dal paziente, niente risarcimento
Se il paziente non riesce a dimostrare il nesso causale, il risarcimento da parte del medico non è dovuto
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
La sicurezza delle cure nelle Rsa
A cura della Dott.ssa Serena Bocchi, Direttore Tecnico Consigliere di Amministrazione ASSIMEDICI S.r.l.
di Dott.ssa Serena Bocchi, Direttore Tecnico Consigliere di Amministrazione ASSIMEDICI S.r.l.
Decreto attuativo Legge Gelli e azione diretta verso l’assicurazione
Con l'emanazione del Decreto attuativo della Legge Gelli-Bianco, cosa cambia in relazione all'azione diretta verso l'assicurazione?
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali