Lavoro 20 Gennaio 2015 20:04

Allarme assicurazioni: il 78% dei medici preoccupato dalle controversie pretestuose

Lo rivela il sondaggio realizzato da O.I.S., l’Osservatorio Internazionale della Sanità: e il 72% chiede la tutela legale completa

Allarme assicurazioni: il 78% dei medici preoccupato dalle controversie pretestuose

Controversie pretestuose. E’ questa la più grande preoccupazione professionale per il 78,9% dei medici italiani. E, per il 72,2% degli intervistati, proteggersi con una polizza che comprenda una tutela legale completa è ormai una necessità. Sono questi i dati principali emersi dal sondaggio presentato oggi  – presso il Ministero della Salute – da O.I.S., l’Osservatorio Internazionale della Sanità.

Sui risultati dell’indagine, effettuata su un campione di oltre mille medici, è intervenuta il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, evidenziando che “i tempi sono maturi per un intervento più organico e veramente risolutivo” rispetto al decreto legge n.158 del 2012, che “ha cercato di dare una prima risposta alle criticità derivanti dalla rigida applicazione dei principi generali sanciti dal Codice Civile e Penale in materia di responsabilità professionale”.

L’assist fornito dal ministro è stato raccolto dagli altri partecipanti, a partire dal sottosegretario alla Salute Vito De Filippo: “Negli ultimi anni c’è stato un cambiamento normativo importante, come la legge Balduzzi, e successivi interventi. Attualmente in Parlamento esistono diversi disegni di legge volti a garantire un testo base per una normativa generale sulla materia”. Un intervento che dovrebbe arrivare in tempi ragionevoli “grazie a una sintesi dei disegni di legge esistenti – ha annunciato il sottosegretario De Filippo – alla quale stiamo lavorando con il Parlamento”.

Un confronto acceso, quello scaturito dal sondaggio di O.I.S., che “grazie un database profilato con oltre 400mila contatti, esamina i grandi temi della sanità da un punto di vista privilegiato”.
“La categoria dei medici – spiega lo statistico Alessandro Solipaca, Direttore Scientifico di O.I.S. – si dimostra molto attenta ai rischi legati all’attività professionale. Infatti, ben l’86,8% degli intervistati aveva stipulato un’assicurazione già prima dell’entrata in vigore dell’obbligo normativo previsto per i medici del settore privato”. Una percezione del rischio elevata, e fondata, come emerge da un altro dato fondamentale. “Il 15,3% dei camici bianchi intervistati – fa notare ancora il Direttore Scientifico di O.I.S. – dichiara di aver avuto, almeno una volta nella carriera professionale, una controversia con un proprio paziente: è una percentuale elevata, se valutata dal punto di vista del professionista, ma non giustifica, da sola, i premi richiesti da alcune compagnie assicurative”.

Si capisce, quindi, cosa spinga tanti medici (il 72,2%) a stipulare un contratto assicurativo comprensivo della copertura della tutela legale: evitare quelle richieste di risarcimento che esulano dalla propria responsabilità. È questo, infatti, il timore maggiore di quattro medici su cinque. Intervenuto al dibattito anche Roberto Lala, presidente dell’OMCeO di Roma, Ordine che ha collaborato alla realizzazione del sondaggio: “Negli ultimi anni – ha spiegato Lala– è aumentata di molto la tendenza a voler lucrare sull’errore medico, fatto che aumenta la pretestuosità delle cause e, dunque, influisce negativamente sulla tranquillità del professionista stesso. Tutto ciò – continua il presidente – spinge il camice bianco ad aumentare il ricorso alla medicina difensiva o, peggio ancora, a quella astensiva”. Nessuna sorpresa sugli esiti del sondaggio da parte di Dario Focarelli, direttore generale di Ania, Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici: “I risultati non ci stupiscono: c’è bisogno di un intervento organico in materia, in modo da definire una volta per tutte i contorni della responsabilità dei camici bianchi, coerentemente con il Codice Civile. A partire – conclude Focarelli – dalle tabelle per quantificare il risarcimento”.

Per info www.osservatorio-ois.com

Articoli correlati
Nella scelta di un trattamento terapeutico può configurarsi il caso di colpa grave?
Il medico, innanzi a un paziente che deve esser sottoposto a cure, ha libertà di scelta sulla terapia, fermo restando che il paziente deve essere informato e concordare sulla stessa. La scelta, inoltre, deve essere fatta sui metodi e sulle terapie approvate dal mondo scientifico. Qualora il medico scegliesse, in alternativa, un rimedio che non […]
Vorrei cambiare compagnia assicurativa, posso mantenere la retroattività?
Nel momento in cui dovesse cambiare la compagnia assicurativa, è di fondamentale importanza concordare con la nuova compagnia un adeguato periodo di retroattività, onde evitare “buchi temporali” di copertura. Alcune compagnie, per determinate attività professionali, consentono il mantenimento della retroattività vigente sulla precedente polizza, in modo tale da garantire all’assicurato una copertura senza soluzione di […]
Patologie croniche respiratorie, MMG e istituzioni concordi: «Serve assistenza più vicina alle persone»
Se ne parlerà all’evento “La gestione delle cronicità respiratorie: la lezione di Covid-19” organizzato da Fortune Italia con il contributo non condizionante di Chiesi Italia
Che fine hanno fatto i decreti attuativi della legge Gelli? Sono ostaggio delle Regioni
La Conferenza Stato-Regioni ritarda l’approvazione del decreto che regola le polizze assicurative dei professionisti sanitari. Tra gli elementi ostacolati, la proposta di legare la formazione continua alla prevenzione del rischio clinico
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 giugno, sono 178.788.247 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.873.285 i decessi. Ad oggi, oltre 2,64 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM