Lavoro 29 Aprile 2020 11:11

Al Sud un’eccellenza per la gestione del Covid-19: contagi zero tra il personale sanitario dell’ospedale Curto di Polla

Nel Vallo di Diano, cuore della zona rossa salernitana, i protocolli di sicurezza sono stati esemplari. Il direttore sanitario Luigi Mandia: «Nel giro di pochi giorni abbiamo allestito diverse aree dedicate ai pazienti Covid, tra cui uno spazio per la dialisi ed una unità di terapia intensiva. L’ospedale di Polla accoglie i cittadini di una trentina di Comuni limitrofi»

di Isabella Faggiano

Contagi zero tra il personale sanitario durante la gestione dell’emergenza Covid-19 nell’ospedale Luigi Curto di Polla, in provincia di Salerno. «Un risultato esemplare ottenuto grazie all’instancabile lavoro dei medici – racconta il direttore sanitario Luigi Mandia -, ma anche alla vicinanza ed al contributo di tutta la popolazione di zona».

L’epidemia nel Vallo di Diano, un territorio che si estende tra la provincia di Salerno e la Basilicata, è esplosa nel mese di marzo. I casi di Covid-19 si sono moltiplicati nel giro di pochissimi giorni: la diffusione sarebbe partita dallo svolgimento di due ritiri spirituali tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo, il primo dei quali avrebbe coinvolto una ventina di praticanti del cammino neocatecumenale ad Atena Lucana. Poco dopo, in questo Comune ed in altre aree limitrofe, il governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha istituito la zona rossa.

LEGGI ANCHE: IL SACRIFICIO EMOTIVO DEI SANITARI, BERARDI (W4O): «IL 70% TEME DI CONTAGIARE LA FAMIGLIA, IL 30% HA CAMBIATO CASA»

Così mentre centinaia di cittadini venivano messi in quarantena, l’ospedale di Polla si preparava all’accoglienza dei primi pazienti Covid: «Ci siamo messi immediatamente a studiare – racconta il direttore sanitario – adeguandoci ai parametri relativi all’assistenza sanitaria da impiegare in caso di guerra batteriologica, chimica o di eventi nucleari. Ovviamente, prendendo esempio dai colleghi della Lombardia che, purtroppo, già prima di noi si erano trovati a dover gestire una tale emergenza».

E mentre i medici si preparavamo a livello teorico, la gente del luogo si occupava delle faccende pratiche: «I cittadini, gli amministratori locali, gli imprenditori, le forze dell’ordine – aggiunge Mandia – hanno subito attivato una raccolta fondi. Grazie alle loro donazioni abbiamo potuto acquistare altre strumentazioni e dispositivi utili alla sicurezza di pazienti e personale sanitario. La Protezione civile, invece, ci ha offerto e montato una tendostruttura che abbiamo immediatamente adibito a reparto Covid. Poi, abbiamo isolato altre zone dell’ospedale che potessero essere idonee per la cura di malattie infettive, partendo dai reparti con ingresso indipendente e mettendo così insieme un numero di letti che potesse soddisfare l’accoglienza dei pazienti in arrivo».

L’ospedale di Polla, infatti, doveva prepararsi a curare contagiati provenienti non solo dallo stesso Comune, ma anche da molte altre zone circostanti: «Ci troviamo in un’area che, in autostrada, può essere attraversata in circa un’ora. Un territorio vastissimo costituito da una trentina di Comuni dai quali è piuttosto scomodo raggiungere gli ospedali dei grandi centri urbani. Per questo si rivolgono soprattutto all’ospedale di Polla, presidio ospedaliero di riferimento di 120mila abitanti».

LEGGI ANCHE: CAMPANIA, ANCORA STAND-BY SUI TEST SIEROLOGICI. CONFRONTO SERRATO TRA REGIONE E LABORATORI

Cittadini ai quali il personale dell’ospedale ha dovuto continuare a garantire anche tutti gli altri servizi essenziali di cura: «Medici e professionisti sanitari sono stati  semplicemente splendidi – commenta il direttore sanitario -. Tutti hanno partecipato attivamente alla gestione di questa emergenza, alcuni mantenendo le attività di pronto soccorso, altri lavorando attivamente nei reparti-Covid. Nel giro di pochi giorni siamo riusciti anche ad allestire uno spazio per la dialisi-Covid ed una unità di terapia intensiva con quattro posti letto, estesi anche a sei nei momenti più terribili».

E di momenti difficili ce ne sono stati: «Durante il picco di contagi nove persone hanno perso la vita. Ma per fortuna oggi, a distanza di un mese – racconta Luigi Mandia – molte persone sono guarite e sono tornate a casa. E questa è per tutti noi una grande soddisfazione. Abbiamo lavorato giorno e notte, mettendo in campo tutte le nostre risorse, e siamo riusciti ad ottenere ottimi risultati. Non solo non c’è stato nessun caso di Covid-19 tra i nostri professionisti, ma siamo riusciti a svuotare quasi completamente i reparti Covid. Sono pochissimi i pazienti ancora da dimettere e – conclude il direttore sanitario – i letti della terapia intensiva sono finalmente tutti vuoti».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Ad oggi, 28 febbraio 2023, sono 675.188.796 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.870.894 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino disponibile (23 febbraio 2023): Oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 25.576.852 (4.720 in più rispetto a ieri). Il […]
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...