Lavoro 28 Maggio 2020 13:30

Accordo transattivo ex specializzandi, i senatori cofirmatari dei ddl: «Mai come ora si può dare risposta trasversale ai medici»

Sono già 26 i senatori che hanno firmato i disegni di legge presentati da Maria Rizzotti. Pagano: «Quella degli ex specializzandi è un’ingiustizia che va sottoposta all’attenzione del Parlamento e sanata da tutti». Lonardo: «I tribunali stanno risolvendo la questione in modo drammatico da un punto di vista economico. Riconoscere i contributi figurativi fa bene anche allo Stato». De Poli: «Questi ddl danno una risposta agli eroi dell’emergenza. Sia questione di valori, non di colori»

Due disegni di legge che mai come adesso dovrebbero essere appoggiati da tutte le forze politiche e approvati dal Parlamento per dare un segnale di riconoscenza al mondo medico. È un coro unanime quello di tre dei 26 senatori che hanno cofirmato i ddl 1802 1803 presentati da Maria Rizzotti (Forza Italia): i testi prevedono un accordo transattivo tra lo Stato e i medici ex specializzandi che, durante gli anni di scuola post-laurea frequentata tra il 1978 e il 2006, non hanno ricevuto il corretto trattamento economico previsto dalla normativa europea.

«Mai come in questo momento l’attenzione è rivolta verso i medici, professionisti che, diciamocelo francamente, ci hanno salvato da situazioni ancora più drammatiche di quelle che abbiamo subìto – commenta ai nostri microfoni il senatore Nazario Pagano che ha appoggiato l’iniziativa parlamentare -. Mai come in questa occasione, allora, dobbiamo ricordarci di chi nei 4 o 5 anni di scuola di specializzazione veniva sotto-retribuito rispetto ai colleghi di altri Paesi dell’Unione europea. Un’ingiustizia – incalza Pagano – che va sottoposta all’attenzione del Parlamento, e ci auguriamo che questa soluzione possa essere votata da tutti, in modo trasversale. È l’occasione per dare una risposta chiara nei confronti di questa categoria di medici, alcuni dei quali tra l’altro hanno lavorato ininterrottamente e in situazioni di pericolo proprio nei reparti Covid, a vantaggio di tutta la comunità nazionale».

«Spero che perlomeno per questa problematica non si faccia ricorso alle differenze tra maggioranza e opposizione – aggiunge la senatrice Sandra Lonardo, anche lei tra i cofirmatari dei ddl -. Questi disegni di legge riconoscono il torto subìto dagli ex specializzandi. D’altra parte sono tanti i tribunali che stanno risolvendo la questione in modo anche drammatico da un punto di vista economico per uno Stato che ha già tante problematiche. Per cui – prosegue la senatrice – attribuire quanto dovuto a questi medici sotto forma di contributi figurativi penso faccia bene allo Stato ma soprattutto agli ex specializzandi».

«In questo momento di grave emergenza dovuta al Covid-19 tutti continuano a sottolineare la fortuna di avere avuto i nostri medici, i nostri infermieri, i nostri professionisti sanitari – dichiara il senatore Antonio De Poli -. Oggi, al di là delle parole, dobbiamo dare risposte concrete. E questi disegni di legge vanno proprio in questa direzione, riconoscendo agli ex specializzandi il lavoro che hanno fatto sotto forma di contributi figurativi. Questo significa dare una risposta agli eroi di questi tempi e far sì che questa vicenda, che si rincorre da anni e anni, venga finalmente risolta. È una questione di valori, e non deve essere di colori: lavoriamo quindi tutti insieme per riconoscere quello che è stato il percorso dei nostri medici», conclude il senatore.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Azione collettiva medici ex specializzandi. Stato condannato a pagare altri 7 milioni di euro
Il Tribunale di Roma (Sentenza n. 951/2021) accoglie il nuovo ricorso di Consulcesi: riconosciuto il diritto negato ad altri 259 medici per la violazione delle direttive Ue. Massimo Tortorella (presidente Consulcesi): «La pandemia non frena la giustizia. Andremo avanti finché ogni medico non riceverà ciò che gli spetta».
Dal Recovery Plan alle malattie rare, la crisi di governo mette in bilico alcune riforme chiave per la sanità
Il ritorno alle urne, per quanto improbabile, resta sullo sfondo di una crisi di governo dall’esito imprevedibile. Rischiano di saltare riforme chiave della sanità: dalla medicina territoriale all'infermiere di comunità
Vertenza medici ex specializzandi: emendamenti e ODG in Legge di Bilancio
Nel caso venga posta la fiducia, in Aula si chiederà la trasformazione del testo in un Ordine del Giorno arrivando dunque ad un impegno formale del Governo sul tema
Ex specializzandi, 2020 da record. Consulcesi: «31 milioni di euro rimborsati, vittorie raddoppiate rispetto al 2019»
Massimo Tortorella (Presidente Consulcesi): «Soddisfatti di aver restituito somme dovute ai nostri medici, soprattutto in questo momento difficile. Ma la questione va risolta con accordo transattivo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano