Lavoro 28 Maggio 2020

Accordo transattivo ex specializzandi, i senatori cofirmatari dei ddl: «Mai come ora si può dare risposta trasversale ai medici»

Sono già 26 i senatori che hanno firmato i disegni di legge presentati da Maria Rizzotti. Pagano: «Quella degli ex specializzandi è un’ingiustizia che va sottoposta all’attenzione del Parlamento e sanata da tutti». Lonardo: «I tribunali stanno risolvendo la questione in modo drammatico da un punto di vista economico. Riconoscere i contributi figurativi fa bene anche allo Stato». De Poli: «Questi ddl danno una risposta agli eroi dell’emergenza. Sia questione di valori, non di colori»

Due disegni di legge che mai come adesso dovrebbero essere appoggiati da tutte le forze politiche e approvati dal Parlamento per dare un segnale di riconoscenza al mondo medico. È un coro unanime quello di tre dei 26 senatori che hanno cofirmato i ddl 1802 1803 presentati da Maria Rizzotti (Forza Italia): i testi prevedono un accordo transattivo tra lo Stato e i medici ex specializzandi che, durante gli anni di scuola post-laurea frequentata tra il 1978 e il 2006, non hanno ricevuto il corretto trattamento economico previsto dalla normativa europea.

«Mai come in questo momento l’attenzione è rivolta verso i medici, professionisti che, diciamocelo francamente, ci hanno salvato da situazioni ancora più drammatiche di quelle che abbiamo subìto – commenta ai nostri microfoni il senatore Nazario Pagano che ha appoggiato l’iniziativa parlamentare -. Mai come in questa occasione, allora, dobbiamo ricordarci di chi nei 4 o 5 anni di scuola di specializzazione veniva sotto-retribuito rispetto ai colleghi di altri Paesi dell’Unione europea. Un’ingiustizia – incalza Pagano – che va sottoposta all’attenzione del Parlamento, e ci auguriamo che questa soluzione possa essere votata da tutti, in modo trasversale. È l’occasione per dare una risposta chiara nei confronti di questa categoria di medici, alcuni dei quali tra l’altro hanno lavorato ininterrottamente e in situazioni di pericolo proprio nei reparti Covid, a vantaggio di tutta la comunità nazionale».

«Spero che perlomeno per questa problematica non si faccia ricorso alle differenze tra maggioranza e opposizione – aggiunge la senatrice Sandra Lonardo, anche lei tra i cofirmatari dei ddl -. Questi disegni di legge riconoscono il torto subìto dagli ex specializzandi. D’altra parte sono tanti i tribunali che stanno risolvendo la questione in modo anche drammatico da un punto di vista economico per uno Stato che ha già tante problematiche. Per cui – prosegue la senatrice – attribuire quanto dovuto a questi medici sotto forma di contributi figurativi penso faccia bene allo Stato ma soprattutto agli ex specializzandi».

«In questo momento di grave emergenza dovuta al Covid-19 tutti continuano a sottolineare la fortuna di avere avuto i nostri medici, i nostri infermieri, i nostri professionisti sanitari – dichiara il senatore Antonio De Poli -. Oggi, al di là delle parole, dobbiamo dare risposte concrete. E questi disegni di legge vanno proprio in questa direzione, riconoscendo agli ex specializzandi il lavoro che hanno fatto sotto forma di contributi figurativi. Questo significa dare una risposta agli eroi di questi tempi e far sì che questa vicenda, che si rincorre da anni e anni, venga finalmente risolta. È una questione di valori, e non deve essere di colori: lavoriamo quindi tutti insieme per riconoscere quello che è stato il percorso dei nostri medici», conclude il senatore.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La petizione per chiudere il contenzioso Stato-medici specialisti sfonda quota 10mila firme
Tortorella (Consulcesi): «Con la petizione abbiamo dato voce a decine di migliaia di medici. Abbiamo più volte sollecitato la politica a trovare una soluzione, il Recovery Fund rappresenta un’occasione che non può essere sprecata»
Ex specializzandi, Scotti (Fimmg): «Risolvere vicenda anche per stimolare aumento borse MMG»
Il segretario generale della Federazione dei medici di medicina generale: «La politica si faccia carico del problema e adotti una soluzione transattiva»
Ex specializzandi, Anelli (FNOMCeO): «Giusto trovare soluzione transattiva, anche con fondi europei»
Il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici: «Porre fine allo stillicidio tra le giuste richieste dei medici e le resistenze dello Stato. Una transazione può andare incontro alle due esigenze»
Ex specializzandi, il giurista Tronca: «Vicenda storicamente pesante. Ben vengano transazione e petizione»
«Anche sul web si esercita la democrazia. È auspicabile una partecipazione ampia alla petizione perché in questo momento la proposta di transazione merita davvero il massimo sostegno da parte degli italiani»
Ex specializzandi, dopo i Ddl arriva la petizione. Dalla politica sostegno bipartisan
La petizione, lanciata da Consulcesi su Change.org, ha come obiettivo quello di dare ulteriore spinta ai Disegni di legge presentati in Parlamento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare