Lavoro 18 Novembre 2019 10:38

A Trieste aggressione al 118, Mazzacane (Cisl Lombardia): «Interventi rieducativi in ospedale per aggressori»

Ancora un caso di violenza contro gli operatori sanitari nei giorni scorsi a Trieste ai danni degli operatori del 118. Immediata la risposta dei sindacati: ecco la proposta di CISL medici Lombardia per contrastare il fenomeno

di Federica Bosco
A Trieste aggressione al 118, Mazzacane (Cisl Lombardia): «Interventi rieducativi in ospedale per aggressori»

Dei 4000 casi di violenza registrati sul luogo di lavoro in media in un anno, più di 1200 riguardano operatori sanitari, 2 su 3 contro donne, l’ultima nei giorni scorsi a Trieste ai danni degli operatori del 118. La risposta dei sindacati è stata immediata: la segreteria FSI-USAE di Trieste ha messo a disposizione ogni forma di assistenza e di tutela per gli operatori aggrediti, mentre da CISL medici Lombardia arriva una proposta per contrastare il fenomeno.

«Servirebbe un ruolo educativo da parte dei medici verso quelle persone particolarmente aggressive ed esasperate – commenta Danilo Mazzacane, segretario regionale Cisl medici Lombardia – . Il pugno di ferro forse non è confacente alla situazione, pertanto, prendendo spunto dalla scuola, sarebbe opportuno un intervento rieducativo in un fenomeno sociale che è assurdo. Il cittadino, in quanto persona, ha bisogno del medico per comunicare non soltanto i problemi di natura organica, ma anche la ricaduta psicologica che può avere la malattia. Forse, portare gli aggressori negli istituti sanitari per espiare la pena, può diventare un deterrente. Come Cisl Lombardia – lancia una proposta Mazzacane – abbiamo ideato lo spazio Etico, un luogo per affrontare queste situazioni, dal burnout, alle problematiche delle malattie mentali, cercando anche di rendere partecipi le associazioni dei pazienti e offrendo uno sportello di sostegno per coloro che sono in difficoltà».

Articoli correlati
Omotransfobia, la psiche del persecutore e le conseguenze su quella della vittima
La discussione sulla Legge Zan si fa sempre più accesa: la discriminazione di persone Lgbt è un fenomeno vasto e reale. Con la dottoressa Biondi, psicologa, esaminiamo le conseguenze delle violenze e la mente di chi le perpetra
Giovani violenti, Lavenia (psicoterapeuta): «Non sono “cattivi ragazzi”, ma adolescenti depressi»
Prima un sedicenne malmenato da un gruppo di coetanei per un complimento inopportuno su Facebook, poi una dodicenne disabile accerchiata e picchiata. Sono solo due degli ultimi episodi di violenza di una lunga e interminabile serie. Il presidente di Di.Te: «Dopo un anno di pandemia la salute mentale degli adolescenti è allo stremo»
di Isabella Faggiano
Green card, Cisl medici Lazio: «Troppo breve, inutile e dannoso»
Il sindacato contesta la breve durata del passaporto sanitario
Burnout e preoccupazioni, ma anche tante soddisfazioni. Ecco perché (non) fare il medico secondo Paolo Nucci
In un libro tutto quel che un aspirante medico deve sapere per fare una scelta di vita consapevole
Sequestro mascherine, Cisl Medici Lazio: «Nostre richieste rimaste inascoltate»
«La Cisl Medici Lazio ha notizia che a seguito del decreto di sequestro della Guardia di Finanza di Gorizia le Asl e le Aziende ospedaliere del Lazio stanno in queste provvedendo all’urgente ritiro di alcune tipologie di mascherine, alla immediata sospensione dell’utilizzo delle stesse e alla riconsegna di tali mascherine ai magazzini». È quanto si […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 maggio, sono 155.216.499 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.242.360 i decessi. Ad oggi, oltre 1,20 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco