Voci della Sanità 21 Marzo 2018 13:21

Chi si preoccupa di chi ci cura? Women For Oncology Italy punta l’attenzione sul Burnout in ambito medico

Quando ci si rivolge al proprio medico ci si aspetta competenza e professionalità innanzitutto, ma anche la capacità di rassicurarci e di comprendere il nostro stato d’animo di pazienti. Quasi mai ci si ferma a pensare che il medico, oltre il camice, è prima di tutto un essere umano che, a differenza di quanto accade […]

Quando ci si rivolge al proprio medico ci si aspetta competenza e professionalità innanzitutto, ma anche la capacità di rassicurarci e di comprendere il nostro stato d’animo di pazienti. Quasi mai ci si ferma a pensare che il medico, oltre il camice, è prima di tutto un essere umano che, a differenza di quanto accade in altre professioni, è quotidianamente a contatto con situazioni di malattia, di dolore, talvolta purtroppo anche di morte. Soprattutto se si tratta di un oncologo. Anche il medico, insomma, dovrebbe essere rassicurato e supportato nel gestire un carico professionale che lo espone a situazioni di stress e vulnerabilità tali da poter incidere negativamente sia nella vita privata che nel lavoro.

Parliamo di un logorio psicofisico che, tecnicamente, si chiama Burnout, sindrome sempre più diffusa anche nella classe medica italiana, benché ancora poco presa in considerazione da istituzioni e opinione pubblica. A porre l’attenzione sul tema è Women For Oncology Italy, l’associazione delle donne oncologhe italiane che il 22 e 23 marzo prossimi si riunirà a Perugia per il suo meeting annuale: un’occasione per fare il punto della situazione sullo stato dell’arte dell’oncologia, in particolare quella al “femminile”. L’incontro nel capoluogo umbro coinvolgerà professioniste provenienti da tutta Italia per confrontarsi sul concetto di leadership in oncologia e, soprattutto, su come sviluppare al meglio le proprie abilità personali per costruire un rapporto medico-paziente efficace: una vera e propria necessità in una fase storica in cui l’alleanza  terapeutica è in crisi e la carenza di risorse in sanità riduce sempre più il “tempo medico” spendibile con il paziente. È invece partendo dalla soddisfazione personale e professionale dell’oncologo che si può restituire dignità e fiducia nella classe medica.

In particolare, W4O Italy coglie l’occasione di Perugia per assumersi l’impegno di mappare finalmente il fenomeno del Burnout in Italia, nella consapevolezza che l’oncologo deve possedere tutti gli skills per riuscire ad avere una buona relazione con il paziente, ma va anche supportato nel suo diritto di potersi “ricaricare” attraverso momenti di confronto ed ascolto con altri oncologi o psicologi. Secondo l’Associazione W4O Italy, attualmente il carico di lavoro dei medici italiani è sempre più pressante, tanto che, letteralmente, non hanno il tempo di “riprendere fiato” di fronte alla sofferenza.

In Italia non ci sono ancora strumenti potenti per contrastare questo fatto, né si è ancora sviluppato un sostrato culturale che preveda il supporto anche al medico, non solo al paziente. La sfida è dunque quella di ottenere una migliore distribuzione dei carichi professionali e fornire agli oncologi tutti gli strumenti cognitivi e relazionali necessari per affrontare al meglio tutti i risvolti di un mestiere che dà moltissimo e moltissimo prende.

Articoli correlati
I giovani, le donne, e un contratto “rivoluzionario”. Al 25° Congresso Anaao tracciata la road map della sanità del futuro
Abolire il gender gap, promuovere i diritti LGBT, aumentare retribuzioni e ferie. Il PNRR? La digitalizzazione non distolga dall’investimento sul capitale umano
Il lavoro nobilita, ma deprime, in particolare le donne. Lo Smart working è la soluzione?
La conferma arriva da due studi: uno inglese realizzato prima della pandemia e l’altro italiano fatto durante e dopo il Covid. In entrambi risulta che la qualità del lavoro e le condizioni incidono sulla salute mentale in particolare nelle donne. Ecco perché dallo smart working non si deve più tornare indietro
Donne in Sanità: studiano di più ma emergono di meno
Al via la seconda edizione di iWIN, l’hub per ricerca e innovazione a livello mondiale, fondata per affrontare le questioni dell’uguaglianza di genere. Rubulotta (anestesista): «La biotecnologia, disegnata per il 68% da ingegneri uomini, è usata nel 70% da giovani donne infermiere e medici impegnati al letto del malato»
Sanità, Parente (Iv): «Bene standard per assistenza territoriale ma servono assunzioni e formazione personale»
«Senza medici, infermieri e personale socio-sanitario e senza la formazione le nuove case di comunità sono destinate a restare delle scatole vuote» mette in guardia la presidente della commissione Igiene e Sanità del Senato
«Coinvolgeteci nei processi decisionali sui farmaci come fa EMA». La richiesta di 43 associazioni dei pazienti ad AIFA
Per Annamaria Mancuso, Coordinatrice del Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”, «occorre trasparenza, vogliamo capire come vengono assunte alcune decisioni che incidono sulle nostre vite». L’EMA ha istituzionalizzato il coinvolgimento già dal 2005
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali