Voci della Sanità 21 Marzo 2018 13:21

Chi si preoccupa di chi ci cura? Women For Oncology Italy punta l’attenzione sul Burnout in ambito medico

Quando ci si rivolge al proprio medico ci si aspetta competenza e professionalità innanzitutto, ma anche la capacità di rassicurarci e di comprendere il nostro stato d’animo di pazienti. Quasi mai ci si ferma a pensare che il medico, oltre il camice, è prima di tutto un essere umano che, a differenza di quanto accade in altre professioni, è quotidianamente a contatto con situazioni di malattia, di dolore, talvolta purtroppo anche di morte. Soprattutto se si tratta di un oncologo. Anche il medico, insomma, dovrebbe essere rassicurato e supportato nel gestire un carico professionale che lo espone a situazioni di stress e vulnerabilità tali da poter incidere negativamente sia nella vita privata che nel lavoro.

Parliamo di un logorio psicofisico che, tecnicamente, si chiama Burnout, sindrome sempre più diffusa anche nella classe medica italiana, benché ancora poco presa in considerazione da istituzioni e opinione pubblica. A porre l’attenzione sul tema è Women For Oncology Italy, l’associazione delle donne oncologhe italiane che il 22 e 23 marzo prossimi si riunirà a Perugia per il suo meeting annuale: un’occasione per fare il punto della situazione sullo stato dell’arte dell’oncologia, in particolare quella al “femminile”. L’incontro nel capoluogo umbro coinvolgerà professioniste provenienti da tutta Italia per confrontarsi sul concetto di leadership in oncologia e, soprattutto, su come sviluppare al meglio le proprie abilità personali per costruire un rapporto medico-paziente efficace: una vera e propria necessità in una fase storica in cui l’alleanza  terapeutica è in crisi e la carenza di risorse in sanità riduce sempre più il “tempo medico” spendibile con il paziente. È invece partendo dalla soddisfazione personale e professionale dell’oncologo che si può restituire dignità e fiducia nella classe medica.

In particolare, W4O Italy coglie l’occasione di Perugia per assumersi l’impegno di mappare finalmente il fenomeno del Burnout in Italia, nella consapevolezza che l’oncologo deve possedere tutti gli skills per riuscire ad avere una buona relazione con il paziente, ma va anche supportato nel suo diritto di potersi “ricaricare” attraverso momenti di confronto ed ascolto con altri oncologi o psicologi. Secondo l’Associazione W4O Italy, attualmente il carico di lavoro dei medici italiani è sempre più pressante, tanto che, letteralmente, non hanno il tempo di “riprendere fiato” di fronte alla sofferenza.

In Italia non ci sono ancora strumenti potenti per contrastare questo fatto, né si è ancora sviluppato un sostrato culturale che preveda il supporto anche al medico, non solo al paziente. La sfida è dunque quella di ottenere una migliore distribuzione dei carichi professionali e fornire agli oncologi tutti gli strumenti cognitivi e relazionali necessari per affrontare al meglio tutti i risvolti di un mestiere che dà moltissimo e moltissimo prende.

Articoli correlati
Psicologia a portata di click: realtà virtuale e app contro lo stress da Covid-19
Lo psicologo: «Con l’utilizzo di visori per la realtà virtuale portiamo medici e operatori sanitari, impegnati in prima linea nella lotta al coronavirus, nei luoghi dove sono stati felici. Per tutti gli italiani c’è Sygmund, un’app per consulenze psicologiche online ed immediate»
di Isabella Faggiano
Per i medici è “Blue Monday” tutti i giorni: camici bianchi a rischio burnout
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «Operatori sanitari allo stremo delle forze. A rischio qualità cure e assistenza». Consulcesi lancia collana di corsi per gestire stress e burnout
L’OMS lancia un’indagine in 26 Paesi europei per valutare le conseguenze del Covid sulla psiche
De Girolamo (IRCCS Fatebenefratelli): «Questionario online per 10000 cittadini tra i 18 e i 70 anni per conoscere ripercussione che avrà il virus su sfera economica, percezione della malattia attraverso l’informazione e ruolo del vaccino»
di Federica Bosco
Sla, sì unanime della Camera per tre mozioni a sostegno di pazienti e familiari
Ogni anno 2 mila nuove diagnosi di Sclerosi laterale amiotrofica. Governo impegnato a creare Registro nazionale e ad assicurare l'accesso permanente delle associazioni dei pazienti ai tavoli istituzionali. Soddisfatta la deputata della Lega Arianna Lazzarini, la prima a presentare una mozione sul tema: «Maggioranza ed esecutivo si sono impegnati, su questi temi non bisogna dividersi. Ora lotta a burocrazia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»