Lavoro 3 Agosto 2020 08:57

Quando il medico è anche caregiver. Boschero (Cisl Medici): «Le aspettative sono maggiori, rischio burnout»

«I medici genitori di figli disabili o figli di persone anziane con malattie degenerative vengono caricati di responsabilità. I possibili peggioramenti o non miglioramenti del familiare si possono riflettere sulla sua autostima»

di Vanessa Seffer
Quando il medico è anche caregiver. Boschero (Cisl Medici): «Le aspettative sono maggiori, rischio burnout»

In Italia sono circa 8,5 milioni i caregiver. Una figura destinata a ricoprire un ruolo sempre più essenziale, considerato l’invecchiamento della popolazione: le persone anziane infatti hanno bisogno di assistenza e di cure, delle quali si occupano prevalentemente i familiari.

Ci addentriamo nel tema con la dottoressa Lucilla Boschero, dirigente medico del lavoro e Segretario provinciale Cisl Medici di Frosinone.

Sentiamo spesso parlare di caregiver, ma può spiegarci chi sono?

«Il termine anglosassone “caregiver“ è entrato ormai stabilmente nell’uso comune; indica “colui che si prende cura” e si riferisce naturalmente a tutti i familiari che assistono un loro congiunto ammalato o disabile. Identifica la persona che si occupa dell’accudimento e della cura di chi non è in grado di provvedere a se stesso in maniera autonoma, del tutto o in parte».

E quando il caregiver è un medico?

«Quando un medico è genitore di figlio disabile o è figlio di persone anziane con malattie degenerative, il peso psicologico e fisico sostenuto (detto anche “burden”) aumenta in modo considerevole. Le aspettative del familiare malato o disabile sono maggiori. Viene caricato di responsabilità anche dagli altri familiari ed è costretto a fare scelte spesso difficili. Quando queste scelte non hanno esito favorevole è dilaniato dai sensi di colpa. Infatti, i possibili peggioramenti o non miglioramenti del familiare si possono spesso riflettere sulla sua autostima, giacché può essere vissuta come un’inefficienza ad assisterlo bene. Soprattutto nel caso in cui il malato non sopravviva, gli altri familiari possono criticare l’operato del medico, pensando che non sia stato in grado di curare il congiunto nel giusto modo o che si sia affidato a colleghi poco preparati, oppure ritenendo che la sua mancanza di conoscenze o di abilità specifiche abbia potuto nuocere all’assistenza o alla sopravvivenza del familiare malato».

Se si tratta di una donna medico?

«Le donne medico madri di figli con gravi disabilità meritano un capitolo a parte. Il coinvolgimento emotivo è ancora più grande in quanto le sconfitte si ripercuotono inevitabilmente sulla vita lavorativa e sulle relazioni sociali».

I medici non staccano mai la spina. Se abbiamo un amico medico ci sentiamo in diritto di chiedergli un consiglio anche a cena o se lo incrociamo casualmente al supermercato… 

«La funzione complessa di una professione di aiuto (helping profession) quale è quella del medico, richiede equilibrio, motivazione ed impegno quotidiano. Non poter “staccare la spina” quando si rientra dal lavoro ed essere sommersi dalle responsabilità di caregiver comporta un alto rischio di burnout, quello stato di esaurimento psico-fisico che colpisce coloro che svolgono attività lavorativa a stretto contatto con il prossimo e che si ripercuote inevitabilmente sull’attività professionale. Il medico competente aziendale nel corso della sorveglianza sanitaria, nelle situazioni in cui dovesse evidenziarsi una sindrome da burnout, dovrà necessariamente valutare anche l’aspetto extra-lavorativo ed aiutare il medico con appropriate prescrizioni o limitazioni che possano alleggerire il carico psicologico, valutando anche l’invio ad uno specialista della materia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Per i medici è “Blue Monday” tutti i giorni: camici bianchi a rischio burnout
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «Operatori sanitari allo stremo delle forze. A rischio qualità cure e assistenza». Consulcesi lancia collana di corsi per gestire stress e burnout
L’OMS lancia un’indagine in 26 Paesi europei per valutare le conseguenze del Covid sulla psiche
De Girolamo (IRCCS Fatebenefratelli): «Questionario online per 10000 cittadini tra i 18 e i 70 anni per conoscere ripercussione che avrà il virus su sfera economica, percezione della malattia attraverso l’informazione e ruolo del vaccino»
di Federica Bosco
Sla, sì unanime della Camera per tre mozioni a sostegno di pazienti e familiari
Ogni anno 2 mila nuove diagnosi di Sclerosi laterale amiotrofica. Governo impegnato a creare Registro nazionale e ad assicurare l'accesso permanente delle associazioni dei pazienti ai tavoli istituzionali. Soddisfatta la deputata della Lega Arianna Lazzarini, la prima a presentare una mozione sul tema: «Maggioranza ed esecutivo si sono impegnati, su questi temi non bisogna dividersi. Ora lotta a burocrazia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»