Università 1 Ottobre 2019

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti che sono rimasti fuori scatta la procedura ricorsi

Immagine articolo

Il “giorno della verità” è arrivato. Il Miur ha pubblicato la graduatoria nominativa nazionale di merito del Test medicina 2019

L’attesa non è stata troppo lunga: la lista dei ragazzi che sono riusciti a ottenere uno degli 11.568 posti disponibili per Medicina e Chirurgia e Odontoiatria, è online. Oggi si conoscerà anche il punteggio minimo ufficiale (sul web si parla di 41,7, un po’ più basso rispetto al 2018). Un dato fondamentale, per riuscire a capire se, già con il primo scorrimento di graduatoria, si possa riuscire ad accedere.

Quest’anno, gli idonei al test – ossia i candidati che hanno raggiunto un punteggio pari o superiore a 20 punti – sono stati pari a 42mila studenti su 60mila partecipanti e i partecipanti  hanno riscontrato irregolarità che si verificano costantemente durante la prova nazionale.

LEGGI ANCHE: TEST MEDICINA, ECCO LA MAPPA DELLE IRREGOLARITÀ: IL 79% DEI RICORSI NEL CENTRO SUD

Per consultare la graduatoria ufficiale si dovrà, come sempre, accedere alla propria area riservata con le credenziali sul portale Universitaly dove il Miur, ha inserito le posizioni e i nomi dei nuovi studenti della Facoltà di Medicina e Chirurgia per il 2019-2020. Nel momento dell’iscrizione alla prova d’accesso, ogni futuro medico ha inserito come prima scelta la sua università preferita. La graduatoria nazionale riporterà i punteggi di tutti i candidati premiando i più alti e le aspiranti matricole troveranno accanto il proprio nome e oltre al risultato dell’esame, le diciture “Assegnato”, “Prenotato” o “In attesa”.

Assegnato

Con “assegnato” il candidato può – dopo aver brindato – procedere all’immatricolazione – entro quattro giorni pena l’esclusione – nell’ateneo prescelto.

Prenotato

Chi risulta “prenotato” può essere felice perché ha ottenuto un posto a Medicina anche se non nella sua prima scelta. In questo caso, ci sono due possibilità: immatricolarsi nell’università dove si è “prenotati” oppure aspettare lo scorrimento della graduatoria ricordandosi di confermare l’interesse all’immatricolazione nell’area riservata del sito Universitaly entro cinque giorni.

In attesa

Si tratta degli studenti che hanno raggiunto la soglia minima per l’ammissione ma non sono riusciti a entrare in nessuna delle università indicate tra le preferenze. A loro, non resta che attendere gli scorrimenti e sperare. Gli scorrimenti della graduatoria permettono ai candidati che risultano prenotati o in attesa di concorrere per un posto fino a che non risulteranno tutti assegnati. Otterrà un banco prima chi ha avuto un punteggio più alto e poi, a scalare, chi ha totalizzato meno punti. Il primo aggiornamento della graduatoria verrà pubblicato il 9 ottobre e poi, presumibilmente, ne uscirà uno a settimana.

Come tutti gli anni, da parte degli studenti non sono mancate le denunce di irregolarità e scorrettezze avvenute nel corso della prova d’accesso. Per chi ha ha notato infrazioni e non è riuscito a piazzarsi in graduatoria l’unica strada da intraprendere è quella del ricorso legale al Tar del Lazio. Dal giorno della Test si hanno 60 giorni per presentare la richiesta.

Articoli correlati
Test Medicina, al via le iscrizioni. Ecco la suddivisione di posti per ateneo
Ci si può iscrivere al test di Medicina dal primo al 23 luglio. Sono 13.072 i posti disponibili (1.500 in più rispetto allo scorso anno)
Test Medicina 2020, ecco date, scadenze e materie. Per il Covid-19, novità sulle sedi in cui si svolgerà la prova
Tutte le informazioni per partecipare alla prova di ammissione per i corsi di laurea magistrale di Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi dentaria, Medicina veterinaria e per i corsi di laurea delle Professioni sanitarie
Simit: «Test abbinati Covid-19 e HCV per una sanità pubblica del territorio»
«La Covid-19 ci consegna una nuova realtà alla quale dobbiamo adeguarci e recuperare il tempo perso per non rischiare nuove morti evitabili» sottolinea Massimo Andreoni Direttore Scientifico SIMIT
Lombardia, Senior Italia FederAnziani: «Potenziare medicina del territorio per affrontare liste d’attesa post-Covid»
La richiesta lanciata dal Board di Senior Italia FederAnziani ha messo a confronto società scientifiche e organizzazioni sindacali di medici con l’Assessore regionale alla Salute Giulio Gallera in una tavola rotonda virtuale
Numero Chiuso, Gasparri (Forza Italia): «Sistema dei quiz va rivisto, serve verifica sul campo»
Il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, oltre a proporre un meccanismo che riformi l’accesso all’università, chiede di intervenire sull’imbuto formativo: «In questo momento il bisogno di sanità è crescente. bisogna far coincidere domanda e offerta dei percorsi formativi. Dobbiamo ascoltare i giovani»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 luglio, sono 10.695.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 516.255 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli