Università 1 Ottobre 2019

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti che sono rimasti fuori scatta la procedura ricorsi

Immagine articolo

Il “giorno della verità” è arrivato. Il Miur ha pubblicato la graduatoria nominativa nazionale di merito del Test medicina 2019

L’attesa non è stata troppo lunga: la lista dei ragazzi che sono riusciti a ottenere uno degli 11.568 posti disponibili per Medicina e Chirurgia e Odontoiatria, è online. Oggi si conoscerà anche il punteggio minimo ufficiale (sul web si parla di 41,7, un po’ più basso rispetto al 2018). Un dato fondamentale, per riuscire a capire se, già con il primo scorrimento di graduatoria, si possa riuscire ad accedere.

Quest’anno, gli idonei al test – ossia i candidati che hanno raggiunto un punteggio pari o superiore a 20 punti – sono stati pari a 42mila studenti su 60mila partecipanti e i partecipanti  hanno riscontrato irregolarità che si verificano costantemente durante la prova nazionale.

LEGGI ANCHE: TEST MEDICINA, ECCO LA MAPPA DELLE IRREGOLARITÀ: IL 79% DEI RICORSI NEL CENTRO SUD

Per consultare la graduatoria ufficiale si dovrà, come sempre, accedere alla propria area riservata con le credenziali sul portale Universitaly dove il Miur, ha inserito le posizioni e i nomi dei nuovi studenti della Facoltà di Medicina e Chirurgia per il 2019-2020. Nel momento dell’iscrizione alla prova d’accesso, ogni futuro medico ha inserito come prima scelta la sua università preferita. La graduatoria nazionale riporterà i punteggi di tutti i candidati premiando i più alti e le aspiranti matricole troveranno accanto il proprio nome e oltre al risultato dell’esame, le diciture “Assegnato”, “Prenotato” o “In attesa”.

Assegnato

Con “assegnato” il candidato può – dopo aver brindato – procedere all’immatricolazione – entro quattro giorni pena l’esclusione – nell’ateneo prescelto.

Prenotato

Chi risulta “prenotato” può essere felice perché ha ottenuto un posto a Medicina anche se non nella sua prima scelta. In questo caso, ci sono due possibilità: immatricolarsi nell’università dove si è “prenotati” oppure aspettare lo scorrimento della graduatoria ricordandosi di confermare l’interesse all’immatricolazione nell’area riservata del sito Universitaly entro cinque giorni.

In attesa

Si tratta degli studenti che hanno raggiunto la soglia minima per l’ammissione ma non sono riusciti a entrare in nessuna delle università indicate tra le preferenze. A loro, non resta che attendere gli scorrimenti e sperare. Gli scorrimenti della graduatoria permettono ai candidati che risultano prenotati o in attesa di concorrere per un posto fino a che non risulteranno tutti assegnati. Otterrà un banco prima chi ha avuto un punteggio più alto e poi, a scalare, chi ha totalizzato meno punti. Il primo aggiornamento della graduatoria verrà pubblicato il 9 ottobre e poi, presumibilmente, ne uscirà uno a settimana.

Come tutti gli anni, da parte degli studenti non sono mancate le denunce di irregolarità e scorrettezze avvenute nel corso della prova d’accesso. Per chi ha ha notato infrazioni e non è riuscito a piazzarsi in graduatoria l’unica strada da intraprendere è quella del ricorso legale al Tar del Lazio. Dal giorno della Test si hanno 60 giorni per presentare la richiesta.

Articoli correlati
Disuguaglianze sanitarie, fuga dei cervelli e numero chiuso: medici italiani chiedono su The Lancet più ricerca in SSN
I suggerimenti dei ricercatori al Governo italiano dalle pagine della prestigiosa rivista scientifica. Tra i promotori medici di ISBEM, SIMA, SISPED, CNR e diverse Università
Numero chiuso, da Napoli il racconto di chi ce l’ha fatta ed è stato ammesso a Medicina dopo il ricorso
A seguito dell’ordinanza del Consiglio di Stato abbiamo intervistato i ragazzi che grazie al ricorso con Consulcesi hanno potuto immatricolarsi. Ecco le storie di Andrea e Paola
Formazione medica, a gennaio laboratorio di idee del Pd a Firenze
Ad organizzarlo il responsabile responsabile formazione medico-sanitaria nazionale del Partito democratico Stefano Manai
Camilla, Francesca, Niccolò: le storie di chi ha vinto il ricorso contro il Numero Chiuso
Ben 250 studenti sono stati ammessi alla Facoltà di medicina dal Consiglio di Stato in seguito al ricorso del network legale Consulcesi: «Le politiche legate al numero chiuso in Italia non abbiano alcun senso, perché del tutto svincolate dai principi della meritocrazia» sottolinea uno dei vincitori
di Federica Bosco
Numero Chiuso, Veltri (Consiglio di Stato): «Maturi i tempi per una modifica, medici sottodimensionati»
Dopo la sentenza che ha aperto le porte dei corsi di Medicina e Chirurgia a oltre 250 studenti ricorrenti, in Consiglio di Stato si ragiona sulla necessità di aggiornare l’accesso alla professione. Al momento, «dobbiamo applicare le norme esistenti» spiega Giulio Veltri, Consigliere di Stato delegato alla comunicazione, che nonostante ciò auspica «un ampliamento delle possibilità di accesso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Lavoro

Sanità, il presidente ARAN: «Nel 2020 si chiude nuovo contratto»

Antonio Naddeo, presidente dell'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni a sanità informazione: «In legge bilancio stesse risorse per rinnovo contratti 2019-2021 della...