Formazione 13 Luglio 2018

Scuole di specializzazione, aumentano i contratti: per il prossimo anno accademico sono 6934. Martedì la prova nazionale

Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Marco Bussetti ha firmato il decreto. Rispetto allo scorso anno, previsti 259 posti in più, ma per la FNOMCeO sono ancora troppo pochi e non distribuiti in modo uniforme sul territorio nazionale: «Di questo passo le Regioni più in difficoltà offriranno sempre minori servizi alla popolazione. È necessaria una gara di solidarietà tra Regioni»

Immagine articolo

Aumentano i contratti per le scuole di specializzazione. Per il prossimo anno accademico saranno 6934 a fronte delle 6675 dello scorso anno. È quanto recita il decreto firmato dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Marco Bussetti e pubblicato sul sito del MIUR.

LEGGI IL DECRETO DEL MIUR

Alle 6200 borse finanziate con risorse statali (erano 6105 l’anno scorso) si aggiungono infatti le 640 delle Regioni (a fronte dei 499 dello scorso anno accademico) e le 94 finanziate con risorse di altri enti pubblici e/o privati (per il 2016/2017 erano 71). Per quanto riguarda, invece, i posti riservati: 194 sono previsti per i medici dipendenti del Servizio Sanitario Nazionale (210 i posti dello scorso anno), 29 i posti alle esigenze del Ministero della Difesa (erano 21 nel 2016/2017) e quelli a disposizione della Polizia di Stato (a fronte dei 4 dello scorso anno).

La prova nazionale per l’ammissione alle Scuole di specializzazione mediche si terrà il prossimo 17 luglio.

CONSULTA LA TABELLA CON LA DISTRIBUZIONE DEI POSTI

La FNOMCeO fa tuttavia notare che i 640 contratti finanziati con fondi regionali non sono uniformemente distribuiti. A fare la parte del leone è il Nord Est d’Italia, con cento borse finanziate dall’Emilia Romagna e ottanta dal Veneto, mentre le Regioni del Sud e le Isole sono fanalino di coda: la Sicilia finanzia quaranta borse e la Puglia trenta. Ad ogni modo, i contratti sono «ancora troppo pochi».

«Sono rimaste schiacciate le Regioni più povere – dichiara il Presidente della Federazione Filippo Anelli – che non hanno risorse da destinare alla formazione. Continuando così, le Regioni più in difficoltà formeranno sempre meno medici e offriranno sempre minori servizi alla popolazione, con ulteriore aumento della mobilità sanitaria. Un circolo vizioso dal quale uscire è difficile ma non impossibile: dovrebbe a questo punto scattare una gara di solidarietà tra Regioni, tutte alleate per approvare criteri di distribuzione dei fondi che non aumentino le disuguaglianze e che non inficino, a fronte di un’immagine “virtuosa” di questo o quel Sistema sanitario regionale, la sostenibilità del Servizio sanitario nazionale».

Il decreto giunge proprio a poche ore dall’allarme lanciato dalla Fiaso sulla carenza dei medici: secondo la Federazione delle aziende sanitarie pubbliche tra 5 anni ne mancheranno 11.800. Allarme cui ha risposto Sergio Venturi, Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità, evidenziando il lavoro svolto negli ultimi mesi dalle Regioni insieme al Ministero della Salute e al MIUR per ampliare il numero delle borse di studio dei medici specializzandi, evidenziando «gli sforzi che le singole Regioni stanno facendo per finanziare con risorse proprio ulteriori borse di studio». Sforzi che sono appunto sfociati nel decreto del Ministero dell’Istruzione, «un approccio sicuramente preferibile all’allarmismo», ha sottolineato Venturi.

LEGGI ANCHE: PUBBLICATO IL BANDO DI AMMISSIONE ALLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE. ECCO REQUISITI, PROVA D’ESAME E REGOLE DI ASSEGNAZIONE 

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Salute e migrazione, la FNOMCeO presenta il corso ECM per curare e prendersi cura. Anelli: «Nessuno va trascurato»
Il corso è disponibile gratuitamente per tutti i medici italiani ed è stato realizzato con la collaborazione di Sanità di Frontiera OIS, presieduta da Francesco Aureli: «La salute e il benessere dei migranti devono procedere di pari passo con la salute e il benessere della comunità ospitante»
Milano, “Grazie di cuore”: il Niguarda festeggia i benefattori
Si dice “Milan col coeur in man” e non è solo un modo di dire: ogni anno, da anni, vengono donati dai privati alla Fondazione A. De Gasperis oltre 170mila euro per finanziare risonanze magnetiche, borse di studio e ferri chirurgici. Per festeggiare il cinquantesimo anniversario ma soprattutto i benefattori che lo hanno reso possibile, la […]
Dalla sanità alla formazione, la Blockchain si studia all’università e apre nuovi posti di lavoro. Scotti (Link Campus): «Primo master ad offrire competenze tecniche, presto laurea specifica»
Cresce la richiesta di esperti in questo settore. Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University: «Tutti noi, quando andiamo dal medico, vogliamo sapere che non solo ha fatto una serie di corsi, ma che la sua formazione nel day-by-day sia certificata – specifica il professor Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University -. Questo vale per tutte le professioni, ancora di più per quella medica»
Salute migranti, un corso ECM di FNOMCeO e Sanità di Frontiera OIS per curare le ferite invisibili
Il corso "Salute e migrazione: curare e prendersi cura” sarà presentato alla stampa il 14 marzo alle ore 12.30 a Roma, presso la sede della FNOMCeO
Numero chiuso, pubblicate le date dei test: si parte il 3 settembre con Medicina
Nelle prossime settimane verranno comunicati i contenuti delle prove ed il numero di posti disponibili. Ecco il calendario completo dei test
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone