Formazione 13 Ottobre 2015

Risultati definitivi dei test di medicina. Caos, irregolarità e migliaia di ricorsi

Numero chiuso nella bufera. Gli studenti: «Rivedere il sistema, ce lo chiede l’Europa…»

Immagine articolo

Fogli macchiati, candidati che consegnano il compito con mezzora di ritardo, anonimato non garantito. Sono solo alcune delle numerosissime irregolarità che si sono verificate durante i test di ingresso alle facoltà di Medicina e Odontoiatria e segnalate allo sportello virtuale www.numerochiuso.info.


All’indomani della pubblicazione delle graduatorie definitive con l’assegnazione dei posti ai candidati, porte aperte alle iscrizioni, ma anche alle proteste. Si preannuncia anche quest’anno un’ondata di ricorsi. Già lanciati i primi, tanti altri ne sono in partenza. La patata bollente passa ora ai Tribunali, e il probabile accoglimento delle domande di ricorso, davanti all’evidenza di anomalie così eclatanti, decreterà l’ammissione in facoltà, chiaramente in sovrannumero, di tutti i candidati esclusi che avranno intentato l’azione.

Ma al di là delle irregolarità, è sempre più il concetto stesso di numero chiuso ad essere fortemente messo in discussione, in quanto non rappresenterebbe una soluzione reale al problema del sovrannumero. «Da un lato è vero che c’è un numero estremamente alto di studenti che cercano di entrare a Medicina – spiega Gianluca Scuccimarra, coordinatore nazionale dell’Unione degli Universitari (UDU) –  e quello va calmierato non diminuendo il numero di posti bensì lavorando sui percorsi di orientamento, e dall’altra c’è una evidente carenza di risorse nel sistema universitario, che costringe ormai non più solo Medicina».

Gli fa eco il collega Alessio Portobello, dell’Esecutivo Nazionale UDU, tenendo presente che c’è una realtà, che chiede risposte adeguate in tal senso, impossibile da ignorare: l’Europa. «C’è una barriera all’accesso dei corsi di laurea in Medicina, ed è il caso di rivedere l’intero sistema e di spingere su una più ampia classe di giovani che oggi si laureano e si formano nel mondo medico alla luce di quello che ci chiede l’UE: abbiamo un obiettivo nell’Europa 2020 conclude Portobello – quello di avere almeno il 40% di giovani tra i 24 e i 34 anni laureati, ed oggi purtroppo l’Italia è ancora ferma al 27%».

E a proposito di Europa, tra gli studenti trova sempre più spazio l’idea di adottare un sistema alla francese: «Credo che sarebbe più giusto far entrare tutti i partecipanti – sostiene un ragazzo subito dopo aver affrontato il test – e dopo un anno chi non ha raggiunto gli obiettivi viene invitato a non proseguire».

Articoli correlati
Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online
Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti che sono rimasti fuori scatta la procedura ricorsi
Test Medicina, graduatorie on line tra i veleni. Consulcesi: «Pronti a partire migliaia di ricorsi»
Su www.numerochiuso.info e sui social l’amarezza e la rabbia dei candidati esclusi. Massimo Tortorella (Presidente Consulcesi): «Questo test inaffidabile per selezionare i futuri medici. Ora è importante non commettere passi falsi per tutelare il proprio diritto». Il vademecum: dalla conferma d’interesse al ricorso, tutto quello che c’è da sapere
Graduatorie Test Medicina, la protesta degli studenti napoletani: «Troppa cultura generale a discapito di logica e matematica»
Lamentele sul ritardo nella comunicazione della nuova formula del quiz. Per i giovani aspiranti medici partenopei il numero chiuso è “da rivedere” e le irregolarità sono date per scontate
Test Medicina, a Napoli i genitori dicono no al numero chiuso e si battono per la meritocrazia
A minare la fiducia nell’attuale sistema selettivo sono le numerose irregolarità presenti ogni anno. La parola al consulente legale: «Entro 60 giorni è possibile fare ricorso al TAR e rientrare in graduatoria»
Dall’auricolare-spia ai documenti falsificati: record di irregolarità al Test di ingresso a Medicina
Pubblicati i punteggi. Consulcesi continua a ricevere e raccogliere segnalazioni dai candidati su www.numerochiuso.info e sui canali social. Il presidente Massimo Tortorella: «In oltre 20 anni mai accaduti casi del genere: il sistema di selezione si conferma inadeguato, non è ammissibile selezionare così i nostri medici del futuro»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Lavoro

Sanità, il presidente ARAN: «Nel 2020 si chiude nuovo contratto»

Antonio Naddeo, presidente dell'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni a sanità informazione: «In legge bilancio stesse risorse per rinnovo contratti 2019-2021 della...