Formazione 13 Ottobre 2015 16:03

Risultati definitivi dei test di medicina. Caos, irregolarità e migliaia di ricorsi

Numero chiuso nella bufera. Gli studenti: «Rivedere il sistema, ce lo chiede l’Europa…»

Risultati definitivi dei test di medicina. Caos, irregolarità e migliaia di ricorsi

Fogli macchiati, candidati che consegnano il compito con mezzora di ritardo, anonimato non garantito. Sono solo alcune delle numerosissime irregolarità che si sono verificate durante i test di ingresso alle facoltà di Medicina e Odontoiatria e segnalate allo sportello virtuale www.numerochiuso.info.


All’indomani della pubblicazione delle graduatorie definitive con l’assegnazione dei posti ai candidati, porte aperte alle iscrizioni, ma anche alle proteste. Si preannuncia anche quest’anno un’ondata di ricorsi. Già lanciati i primi, tanti altri ne sono in partenza. La patata bollente passa ora ai Tribunali, e il probabile accoglimento delle domande di ricorso, davanti all’evidenza di anomalie così eclatanti, decreterà l’ammissione in facoltà, chiaramente in sovrannumero, di tutti i candidati esclusi che avranno intentato l’azione.

Ma al di là delle irregolarità, è sempre più il concetto stesso di numero chiuso ad essere fortemente messo in discussione, in quanto non rappresenterebbe una soluzione reale al problema del sovrannumero. «Da un lato è vero che c’è un numero estremamente alto di studenti che cercano di entrare a Medicina – spiega Gianluca Scuccimarra, coordinatore nazionale dell’Unione degli Universitari (UDU) –  e quello va calmierato non diminuendo il numero di posti bensì lavorando sui percorsi di orientamento, e dall’altra c’è una evidente carenza di risorse nel sistema universitario, che costringe ormai non più solo Medicina».

Gli fa eco il collega Alessio Portobello, dell’Esecutivo Nazionale UDU, tenendo presente che c’è una realtà, che chiede risposte adeguate in tal senso, impossibile da ignorare: l’Europa. «C’è una barriera all’accesso dei corsi di laurea in Medicina, ed è il caso di rivedere l’intero sistema e di spingere su una più ampia classe di giovani che oggi si laureano e si formano nel mondo medico alla luce di quello che ci chiede l’UE: abbiamo un obiettivo nell’Europa 2020 conclude Portobello – quello di avere almeno il 40% di giovani tra i 24 e i 34 anni laureati, ed oggi purtroppo l’Italia è ancora ferma al 27%».

E a proposito di Europa, tra gli studenti trova sempre più spazio l’idea di adottare un sistema alla francese: «Credo che sarebbe più giusto far entrare tutti i partecipanti – sostiene un ragazzo subito dopo aver affrontato il test – e dopo un anno chi non ha raggiunto gli obiettivi viene invitato a non proseguire».

Articoli correlati
Dal 2023 i candidati avranno 4 possibilità per entrare a Medicina. Parla la ministra Messa
La ministra Messa ha confermato che dal 2023 ogni maturando avrà quattro possibilità per entrare a Medicina. Che novità sul test 2022, invece?
di Gloria Frezza e Viviana Franzellitti
Via ai lavori della «Corte d’Appello» dei sanitari, precedenza ai ricorsi contro le radiazioni
Nel corso della prima riunione della nuova Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie, che si è tenuta ieri, sono state stabilite le linee di indirizzo per smaltire le pratiche arretrate: riunioni più frequenti e priorità alle radiazioni
Sanzioni medici, presto ricorsi e sospensive «scongelati»
È previsto per domani l'insediamento della nuova Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie, la Corte d'Appello a cui medici possono presentare ricorso a seguito di un provvedimento disciplinare. Le sanzioni sono rimaste in sospeso da oltre un anno
Tamponi rapidi, Nas chiudono 21 punti prelievo. 18 operatori lavoravano senza Green pass
I servizi di controllo hanno interessato 1.360 farmacie e centri di analisi, rilevando 170 irregolarità e 282 violazioni. Dall’uso di tamponi e kit reagenti non regolari alla mancata identificazione delle persone fino all’effettuazione dei test da personale non qualificato e in ambienti non idonei
Test Medicina, piano B per 4 studenti su 5: oltre la metà rinuncia al sogno del camice
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «C'è un'altra strada, quella del ricorso, che porta all'ammissione alla Facoltà di Medicina». Poche settimane per partecipare al ricorso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali