Formazione 7 Febbraio 2020 15:29

Ricerca, il ministro Manfredi: «Garantire concorsi meritocratici». E sul numero chiuso: «Aumentare posti ma riflettere su riforma»

Ospite d’onore del forum Health & Science Bridge del Centro Studi Americani, il ministro della Ricerca sottolinea: «In Italia si parla troppo poco di ricerca, ma ora l’approccio sta cambiando. Fondamentale la multidisciplinarietà»

Ricerca, il ministro Manfredi: «Garantire concorsi meritocratici». E sul numero chiuso: «Aumentare posti ma riflettere su riforma»

Multidisciplinarietà e avvicinamento tra mondo della ricerca e mondo del lavoro. Sono questi i due imperativi tracciati dal ministro della Ricerca Gaetano Manfredi che ha partecipato, insieme a tanti illustri scienziati provenienti anche dall’estero, al forum Health & Science Bridge del Centro Studi Americani di Roma, un ciclo di eventi sulla sanità coordinati dall’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, A PADOVA TEST CHE DA’ RISULTATO IN TRE ORE. CRISANTI: «RAPIDITA’ FONDAMENTALE. AI RICERCATORI DICO: NON PIANGIAMOCI ADDOSSO»

«L’isolamento del coronavirus è un caso paradigmatico del sentimento degli italiani verso la ricerca. Se ne parla troppo poco. Poi improvvisamente nella sensibilità collettiva c’è la paura del contagio e chi riesce a isolare questo virus diventa un eroe nazionale. Prima pagina di tutti i giornali» sottolinea Manfredi, per il quale invece di ricerca si dovrebbe parlare sempre perché riguarda la vita di ciascuno di noi. «L’aria sta cambiando – evidenza il Ministro -. Il mondo politico ha iniziato a capire che la ricerca rappresenta un pezzo importante della vita di tutti. Ricerca e formazione universitaria hanno un ruolo estremamente importante. Il cambiamento tecnologico che stiamo vivendo è un cambiamento che nella storia dell’uomo non è mai avvenuto».

Nel giorno in cui il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato un piano per l’assunzione di 10mila ricercatori in cinque anni, Manfredi sottolinea a Sanità Informazione che «un sistema sano ha un numero di opportunità commisurato alle persone che vi aspirano, quindi un numero di concorsi che sia adeguato, regolare, continuo e certo. E poi che questi concorsi siano meritocratici. Queste sono le due aspirazioni che dobbiamo mettere in campo».

Secondo Manfredi «sta cambiando anche l’approccio alla ricerca: affrontiamo problemi sempre più complessi ma le risposte richieste devono essere sempre più veloci. Il tema della multidisciplinarietà ci chiede di cambiare i nostri modelli organizzativi, che ora sono basati su divisioni disciplinari. Non dobbiamo perdere la specializzazione, ma dobbiamo avere dei modelli organizzativi in cui i professionisti siano in grado di lavorare insieme. Dobbiamo dotare tutti di abilità digitali. Ci sono abilità trasversali che devono diventare diffuse. È una grande sfida per l’università».

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, PARLA IL GIURISTA FRANCESCO PAOLO TRONCA: «TUTELARE IL MERITO, BASTA CON I QUIZ A CROCETTA»

Per il ministro della Ricerca, che è stato anche presidente della Conferenza dei Rettori, il tema della riforma del numero chiuso per l’accesso alla Facoltà di Medicina è un tema da affrontare con cautela. «Il problema va affrontato con grande prudenza e attenzione perché il numero di giovani che aspira a fare Medicina è superiore alle percentuali europee. In Italia ci sono 70mila studenti su 300mila potenziali iscritti a Medicina, un numero enorme – spiega Manfredi -. Prima di cambiare dobbiamo aumentare il numero di posti in ingresso. Già l’anno scorso è stato fatto, io l’ho molto sostenuto come presidente della Conferenza dei Rettori e lo continuerò a fare quest’anno. Bisogna lavorare sull’orientamento per fare in modo che le persone che pensano di fare Medicina siano davvero motivate e abbiano le caratteristiche per entrare in questo meccanismo, e solo dopo riflettere su un nuovo sistema. Ma mi domando se è veramente meglio fare un anno comune e poi cambiare o è meglio saperlo subito se si è tagliati per quel lavoro».

Infine il grande tema del rapporto con il mondo dell’impresa per accorciare il “time to market”, cioè quanto ci mette una scoperta ad arrivare sul mercato. «Forse 20 o 30 anni fa ci potevamo permettere un decennio, oggi non ce lo possiamo permettere più. Dove si fa formazione e si cura nello stesso posto il time to market tende allo zero. Avvicinare mondo della ricerca e mondo del lavoro è un tema su cui ci dobbiamo confrontare».

A fare gli onori di casa l’ex ministro e parlamentare del Partito democratico Beatrice Lorenzin: «Oggi affrontiamo il tema della sostenibilità della ricerca come motore di sviluppo. Cerchiamo di capire dove sta andando la ricerca biomedica e come può essere un volano di sviluppo per l’economia italiana, e dall’altra parte come garantire le nuove scoperte in tema di salute ai pazienti italiani» sottolinea la Lorenzin, che difende il mondo dei ricercatori italiani: «Il panorama italiano è brillante nonostante tutto. Nei prossimi anni saremo di fronte a un bivio: o valorizziamo al massimo questo enorme patrimonio di conoscenza che abbiamo facendolo diventare una ‘industria della conoscenza’, oppure rischiamo di retrocedere. Queste sono scelte strategiche del Paese. Spesso non si comprendono perché riguardano tante persone ma il lavoro di queste poche persone cambia la vita a tutti».

Sul tema del precariato nel mondo della ricerca Lorenzin sottolinea che «la ricerca di per sé è una attività diversa rispetto a un lavoro normale, ma all’interno dei nostri Irccs è stata approvata la nostra piramide dei ricercatori, quindi bisogna valorizzare lo status del ricercatore anche economicamente. Altrimenti questi ricercatori vanno in altri Paesi dove vengono pagati molto di più. Oggi cercheremo di far capire a chi decide al Mef o altrove il valore strategico di questo settore dove noi siamo tra i primi. Nel milleproroghe c’è già un aumento delle assunzioni rispetto ai numeri della legge di Bilancio. Dobbiamo lavorare da un lato sulla formazione dei ricercatori, dalle borse di specializzazione alla valorizzazione degli strumenti dei nostri Istituti di ricerca, e dall’altro saperli premiare dal punto di vista economico».

«La ricerca significa personale, pagarlo bene, motivarlo, non necessariamente a tempo indeterminato ma stimolandolo a produrre» sottolinea infine Walter Ricciardi, presidente del Mission Board for Cancer dell’Unione europea, che ha presentato al Forum la sua attività in tema di lotta al cancro.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Donne “cenerentole” della ricerca in Europa, anche se metà dei laureati e dottorati è “rosa”
Le donne rappresentano circa la metà dei laureati e dei dottorati in Europa, ma abbandonano progressivamente la carriera accademica, arrivando a costituire appena il 33% della forza lavoro nel mondo della ricerca, e solo il 26% dei professori ordinari, direttori di dipartimento o di centri di ricerca. È il quadro tratteggiato in un articolo sulla rivista The Lancet Regional Health
Tumori: Rai e AIRC insieme per trasformare la ricerca in cura
"La ricerca cura". E' questo lo slogan della grande maratona di Rai e Fondazione Airc che, come ogni anno, uniscono le forze per trasformare la ricerca sul cancro in cura
Pnrr: con PRP@CERIC nuova infrastruttura di ricerca per studiare agenti patogeni
Un'infrastruttura di ricerca altamente specializzata, unica in Europa, che integra strumentazioni e competenze in biologia, biochimica, fisica, bio-elettronica, bio-informatica e scienza dei dati per studiare agenti patogeni di origine umana, animale e vegetale e intervenire rapidamente per contrastare la diffusione di possibili nuovi focolai di malattie. Questo è l'obiettivo del progetto PRP@CERIC, finanziato con 41 milioni di euro dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza
SSN, Camera approva mozioni. Quartini (M5S): «Investire almeno il 10% della spesa sanitaria in prevenzione»
Il capogruppo pentastellato in commissione Affari sociali boccia le politiche sulla sanità del governo Meloni: «Continua definanziamento, almeno 8% del PIL vada a spesa sanitaria». E contesta il numero chiuso a Medicina
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...