Formazione 15 Ottobre 2019

Numero chiuso, parla il giurista Francesco Paolo Tronca: «Tutelare il merito, basta con i quiz a crocetta»

L’ex Consigliere di Stato e professore di Diritto Pubblico parla del meccanismo di ingresso nel mondo universitario all’indomani dell’ordinanza del supremo tribunale amministrativo che ha riammesso 250 studenti: «La politica dovrebbe intervenire per venire incontro alle crescenti domande di una società che chiede una sempre maggiore assistenza sanitaria»

Immagine articolo

Dopo l’ordinanza del Consiglio di Stato che ha riammesso alla Facoltà di Medicina circa 250 studenti, si torna a parlare della necessità di rivedere il meccanismo di ingresso nel mondo universitario degli aspiranti medici italiani oggi stretto dai vincoli del numero chiuso. Anche il Ministro della Salute Roberto Speranza, a margine del Congresso Fimmg, ha sottolineato la necessità di affrontare il problema, definendolo «una delle grandi questioni» in campo. Quel che è certo è che l’Ordinanza del Consiglio di Stato rischia di far crollare l’impalcatura del numero chiuso o programmato anche perché i giudici amministrativi hanno sottolineato che l’aumento stabilito quest’anno di 1600 posti «non soltanto è indice del sottodimensionamento dei posti sin qui disponibili nell’offerta formativa, ma sembra anche più aderente ai prevedibili fabbisogni sanitari futuri». Abbiamo chiesto un parere a un illustre giurista, Francesco Paolo Tronca, già Commissario straordinario di Roma Capitale ed ex membro del Consiglio di Stato e oggi professore di Diritto Pubblico alla Link Campus University. «Le decisioni dell’autorità giudiziaria sono sempre legate a fatti specifici, la particolarità di questa decisione è che i fatti specifici sono numerosi» sottolinea Tronca che poi mette in evidenza le disfunzionalità dell’attuale modalità di selezione del test: «Serve un meccanismo che possa garantire una oggettività nella valutazione del merito delle domande di coloro che possono iscriversi alla Facoltà di Medicina. Merito che deve essere valorizzato, riconosciuto e tutelato».

Professore, partiamo dall’ordinanza del Consiglio di Stato che ha riammesso oltre 200 studenti. Dall’ordinanza si evince che sarebbe stata decisiva la decisione del Miur di aumentare di 1600 i posti a Medicina quest’anno. Perché questa decisione è stata importante?

«Sicuramente c’è una presa d’atto generale che oggi più che mai occorrono dei medici per venire incontro alle più ampie esigenze di una società che comunque, è indubbio, va avanti negli anni e chiede di essere seguita da un punto di vista medico più che un tempo».

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, ORDINANZA DEL CONSIGLIO DI STATO: RIAMMESSI CENTINAIA DI STUDENTI A MEDICINA

La decisione del Consiglio di Stato potrebbe mettere in discussione anche il numero programmato a medicina per l’anno prossimo?

«Le decisioni dell’autorità giudiziaria sono sempre legate a fatti specifici, la particolarità di questa decisione è che i fatti specifici sono numerosi. Comunque è significativo il fatto che è una decisione che prende atto di una situazione che forse merita di essere rivisitata alla luce delle esigenze della collettività».

Adesso tanti studenti si sentiranno nella possibilità di fare ricorso perché questa sentenza apre spiragli per loro. Cosa posso fare questi studenti per tutelarsi?

«Ognuno di noi ha a disposizione tutti gli strumenti che l’ordinamento giuridico offre per sostenere il proprio interesse legittimo. Nel caso specifico gli studenti se si vedono violati dalla procedura da errori che loro percepiscono come tali, allora azioneranno questi strumenti. Quello che a noi interessa è guardare il contesto che è un contesto nel quale il numero chiuso pesa per come è vissuto e per come è gestito nei confronti delle esigenze della sanità pubblica. È importante in questo momento più che mai che noi mettiamo a fuoco un meccanismo che possa garantire una oggettività nella valutazione del merito delle domande di coloro che possono iscriversi alla Facoltà di Medicina. Merito che deve essere valorizzato, riconosciuto e tutelato. Non credo che il meccanismo automatico, sia pure spietatamente oggettivo, dei quiz a crocetta possa dare dei risultati di garanzia come sono quelli che noi auspichiamo in un campo così delicato come quello sanitario».

Alla luce di tutto questo pensa che la politica dovrebbe intervenire per modificare il meccanismo?

«Penso che la politica forse dovrebbe prendere in considerazione il discorso del numero chiuso rapportandolo alle crescenti domande di una società che chiede una sempre maggiore assistenza sanitaria e si confronta con dei numeri che non sono proprio rispondenti alle esigenze effettive. Ora da questo a dire che bisogna prendere spunto da una ordinanza adottata dal massimo organo di giustizia amministrativa credo che ce ne voglia. La politica deve prendere atto di tutto questo a prescindere dalle pronunce dell’autorità giudiziaria che non devono mai condizionare nè tanto meno essere condizionate».

Articoli correlati
Numero chiuso, da Napoli il racconto di chi ce l’ha fatta ed è stato ammesso a Medicina dopo il ricorso
A seguito dell’ordinanza del Consiglio di Stato abbiamo intervistato i ragazzi che grazie al ricorso con Consulcesi hanno potuto immatricolarsi. Ecco le storie di Andrea e Paola
Formazione medica, a gennaio laboratorio di idee del Pd a Firenze
Ad organizzarlo il responsabile responsabile formazione medico-sanitaria nazionale del Partito democratico Stefano Manai
Camilla, Francesca, Niccolò: le storie di chi ha vinto il ricorso contro il Numero Chiuso
Ben 250 studenti sono stati ammessi alla Facoltà di medicina dal Consiglio di Stato in seguito al ricorso del network legale Consulcesi: «Le politiche legate al numero chiuso in Italia non abbiano alcun senso, perché del tutto svincolate dai principi della meritocrazia» sottolinea uno dei vincitori
di Federica Bosco
Numero Chiuso, Veltri (Consiglio di Stato): «Maturi i tempi per una modifica, medici sottodimensionati»
Dopo la sentenza che ha aperto le porte dei corsi di Medicina e Chirurgia a oltre 250 studenti ricorrenti, in Consiglio di Stato si ragiona sulla necessità di aggiornare l’accesso alla professione. Al momento, «dobbiamo applicare le norme esistenti» spiega Giulio Veltri, Consigliere di Stato delegato alla comunicazione, che nonostante ciò auspica «un ampliamento delle possibilità di accesso»
Speranza in Consiglio di Stato: «Sentenze su ‘numero chiuso’? Giusto che ora intervenga il Parlamento»
Il Ministro, intervenuto al primo “Open Day della Giustizia Amministrativa” a Palazzo Spada, ha parlato di ‘numero chiuso’ a medicina dopo l’ordinanza che ha ammesso oltre 250 studenti tutelati dal network Consulcesi
di Giovanni Cedrone - Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Formazione

Triennio Ecm in scadenza, Speranza: «Nella riforma del Ssn ruolo fondamentale avrà la formazione»

Presidente della Commissione Ecm, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha posto l’accento sull’importante ruolo dell’aggiornamento professionale: «Do un grande peso alla formazione continu...