Formazione 13 Giugno 2019

Realtà virtuale e sanità, Swain (EON Reality): «Così i professionisti provano nuove procedure senza rischi»

Il chairman dell’azienda californiana a Sanità Informazione: «La realtà virtuale consente di imparare interventi rari e familiarizzare con procedure complesse senza far correre ai pazienti alcun rischio, collegando professionisti di tutto il mondo»

Immagine articolo

Una formazione sul campo senza rischi per i pazienti. La possibilità di imparare procedure che si incontrano raramente nel corso della propria carriera. L’opportunità di seguire lezioni e interventi che si svolgono dall’altra parte del mondo. Sono solo alcuni dei vantaggi offerti dall’applicazione della realtà virtuale in sanità, un settore in forte espansione soprattutto nell’ambito della formazione degli studenti e dell’aggiornamento continuo dei professionisti.

Leader mondiale della realtà aumentata e virtuale è l’azienda californiana EON Reality, il cui chairman è Ken Swain. Lo abbiamo incontrato al Festival della Scienza Medica di Bologna, e ci siamo fatti spiegare qual è la relazione tra sanità e realtà virtuale, che EON Reality utilizza per «il trasferimento della conoscenza», quindi per «formare i professionisti e migliorare le loro competenze».

LEGGI ANCHE: REALTA’ VIRTUALE, SIMULATORI, VIDEOGAME E MANICHINI: ECCO LA FORMAZIONE 4.0

In che mondo la realtà virtuale offre dei vantaggi ai professionisti della sanità?

«Per esempio gli esperti possono provare una nuova procedura in un ambiente virtuale per conoscerla meglio ed esercitarsi prima di eseguirla su un paziente vero».

Ma si tratta di prodotti che vengono già utilizzati?

«Assolutamente sì. I nostri prodotti sono già presenti in alcuni ospedali e università d’Europa e degli Stati Uniti. Abbiamo anche sviluppato, con l’università Loyola di Chicago, un corso di formazione in oftalmologia che consente agli studenti di imparare procedure complesse che non incontrerebbero nel loro naturale percorso formativo. Grazie alla realtà virtuale e ad un semplice i-pad, invece, possono ripetere determinate procedure rare in modo molto accurato».

Che risultati avete ottenuto?

«Fantastici. Da un sondaggio che abbiamo condotto su circa 150 studenti, è emerso che oltre il 90% di loro raccomandava questo metodo e suggeriva di utilizzarlo anche in altre aree per imparare tutte quelle procedure che non possono essere apprese leggendo un libro o attraverso altri processi normali».

Secondo lei quali saranno le nuove frontiere della realtà virtuale applicata alla sanità? Cosa ci aspetta?

«Sicuramente insegneremo procedure molto complesse e potenzialmente rischiose. Riuniremo in un ambiente virtuale, e quindi protetto, chirurghi di tutto il mondo. Per esempio la nostra piattaforma “Virtual Trainer” consente ad un docente che è a Tokyo di formare professionisti che sono a Bologna, Los Angeles o a Londra. Ma la verità è che ci stiamo muovendo molto velocemente, e quindi non possiamo sapere dove stiamo andando».

Articoli correlati
Giuramento d’Ippocrate, Bartoletti (OMCeO Roma): «Molti colleghi hanno problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico»
Hanno assistito al rito di iniziazione alla professione per seicento neoiscritti i rappresentanti istituzionali del mondo medico. «Il codice non si affigge solo al muro: va letto, osservato e compreso» ha precisato Pier Luigi Bartoletti. Il senatore Sileri: «Mantenete l’entusiasmo e aggiornatevi sempre». D’Amato (Regione Lazio): «Giovani investimento sul futuro»
Specializzazioni mediche, aumentano i contratti. Ecco il decreto del Miur con la distribuzione dei posti
Aumentati i contratti di formazione medica specialistica per il 2018/2019. Sono 8.776. «Dobbiamo superare l'imbuto formativo e dare ai giovani laureati la concreta opportunità di completare il proprio percorso ed esercitare la professione. L’Italia ha bisogno di medici» ha precisato il ministro Marco Bussetti che ha firmato il provvedimento
Marini (Acoi): «Rivoluzionare formazione o usciamo dalle scuole»
«Il ministro Grillo conosce i nodi della sanità’ e voglio ringraziarla per l’attenzione che ha posto sul tema specializzandi e sul nostro progetto degli Ospedale-Scuola. Il tema centrale è la formazione e non c’è dubbio che se alle buone intenzioni non seguiranno i fatti i chirurghi italiani valuteranno l’uscita dalle reti formative nazionali». Lo ha […]
Patto per la Salute, Gaudioso (Cittadinanzattiva): «Servono risorse certe con risultati misurati». Sulla formazione: «Coinvolgere i pazienti»
Il Segretario dell’associazione dei pazienti ha partecipato all’ultima riunione degli Stati generali della professione medica: «Ci saranno nei prossimi anni straordinari dilemmi etici ad esempio legati al costo delle cure, forse sempre più alti, la possibilità per il medico di affrontare questi dilemmi etici attrezzato è centrale e decisiva». Poi sottolinea: «Noi non ci rassegniamo ad avere cittadini di serie A e di serie B, professionisti di serie A e di serie B»
Carenza Specialisti, Magi (Omceo Roma): «Le scelte del Governo rischiano di aumentare l’imbuto formativo e ridurre la formazione post lauream»
«Com’è noto, la scorsa settimana il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti ha firmato i decreti che stabiliscono i posti per l’anno accademico 2019/2020 nei corsi di Medicina e Odontoiatria. In sostanza i posti aumenteranno. Il ministero della Salute ha appoggiato la scelta del MIUR facendo sapere che è in linea con le […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...