Formazione 13 Giugno 2019

Realtà virtuale e sanità, Swain (EON Reality): «Così i professionisti provano nuove procedure senza rischi»

Il chairman dell’azienda californiana a Sanità Informazione: «La realtà virtuale consente di imparare interventi rari e familiarizzare con procedure complesse senza far correre ai pazienti alcun rischio, collegando professionisti di tutto il mondo»

Immagine articolo

Una formazione sul campo senza rischi per i pazienti. La possibilità di imparare procedure che si incontrano raramente nel corso della propria carriera. L’opportunità di seguire lezioni e interventi che si svolgono dall’altra parte del mondo. Sono solo alcuni dei vantaggi offerti dall’applicazione della realtà virtuale in sanità, un settore in forte espansione soprattutto nell’ambito della formazione degli studenti e dell’aggiornamento continuo dei professionisti.

Leader mondiale della realtà aumentata e virtuale è l’azienda californiana EON Reality, il cui chairman è Ken Swain. Lo abbiamo incontrato al Festival della Scienza Medica di Bologna, e ci siamo fatti spiegare qual è la relazione tra sanità e realtà virtuale, che EON Reality utilizza per «il trasferimento della conoscenza», quindi per «formare i professionisti e migliorare le loro competenze».

LEGGI ANCHE: REALTA’ VIRTUALE, SIMULATORI, VIDEOGAME E MANICHINI: ECCO LA FORMAZIONE 4.0

In che mondo la realtà virtuale offre dei vantaggi ai professionisti della sanità?

«Per esempio gli esperti possono provare una nuova procedura in un ambiente virtuale per conoscerla meglio ed esercitarsi prima di eseguirla su un paziente vero».

Ma si tratta di prodotti che vengono già utilizzati?

«Assolutamente sì. I nostri prodotti sono già presenti in alcuni ospedali e università d’Europa e degli Stati Uniti. Abbiamo anche sviluppato, con l’università Loyola di Chicago, un corso di formazione in oftalmologia che consente agli studenti di imparare procedure complesse che non incontrerebbero nel loro naturale percorso formativo. Grazie alla realtà virtuale e ad un semplice i-pad, invece, possono ripetere determinate procedure rare in modo molto accurato».

Che risultati avete ottenuto?

«Fantastici. Da un sondaggio che abbiamo condotto su circa 150 studenti, è emerso che oltre il 90% di loro raccomandava questo metodo e suggeriva di utilizzarlo anche in altre aree per imparare tutte quelle procedure che non possono essere apprese leggendo un libro o attraverso altri processi normali».

Secondo lei quali saranno le nuove frontiere della realtà virtuale applicata alla sanità? Cosa ci aspetta?

«Sicuramente insegneremo procedure molto complesse e potenzialmente rischiose. Riuniremo in un ambiente virtuale, e quindi protetto, chirurghi di tutto il mondo. Per esempio la nostra piattaforma “Virtual Trainer” consente ad un docente che è a Tokyo di formare professionisti che sono a Bologna, Los Angeles o a Londra. Ma la verità è che ci stiamo muovendo molto velocemente, e quindi non possiamo sapere dove stiamo andando».

Articoli correlati
Fine vita, Gaudio (Sapienza): «Serve formazione adeguata, tema non può essere lasciato ai mass media»
Il Rettore del primo ateneo romano si mostra cauto sulla possibilità di un intervento normativo: «Le norme da un lato possono dare maggiori certezze, dall’altro rischiano di irrigidire dei processi che non sono mai uguali l’uno con l’altro»
Fine vita, docenti concordi: «Serve formazione ad hoc o medici resteranno indietro»
Per Macrì (Consulta deontologia FNOMCeO) il medico «deve essere aperto a recepire istanze di tutela della dignità, di riservatezza e soprattutto della libertà di autodeterminazione dei trattamenti sanitari». Familiari (Sant’Andrea): «Profilo formativo biomedico-psicosociale fondamentale. Nel Codice deontologico c’è tutto»
Gestione rischio sanitario, Sham partner di Uni Torino per insegnare la sicurezza delle cure
Per la prima volta, la gestione del rischio sanitario diventa materia di insegnamento magistrale all’Università di Torino grazie alla partnership con Sham, società del gruppo europeo Relyens, da oltre 90 anni specializzata nella gestione della RC Sanitaria e nel risk management. Partiranno infatti il 19 febbraio le lezioni di “Governance e gestione del rischio clinico […]
Dl Milleproroghe, Claus (Federspecializzandi): «No a specializzandi assunti già dal 3° anno e a medici in pensione a 70 anni»
Il testo del decreto, in attesa dell’approvazione della Camera, prevede medici operativi oltre i 40 anni di attività e concorsi accessibili agli specializzandi dal terzo anno. Ferma contrarietà da FederSpecializzandi: vediamo perché con il presidente Mirko Claus
Consiglio Nazionale infermieri, Speranza: «Sottoscrivo la vostra mozione: il SSN ha bisogno di un’inversione di tendenza»
Il ministro della Salute Speranza è intervenuto al Consiglio Nazionale della Fnopi. La mozione votata all’unanimità dai 102 presidenti: «Ecco le azioni per difendere il ‘diritto al futuro’ della professione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale

Al 23 febbraio 2020 sono 78.914 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 23.386 mentre i morti sono 2.467. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins ...