Formazione 16 Novembre 2021 11:59

Professioni Sanitarie in Campania, in due atenei mancano i profili nell’organico dei corsi di laurea

L’allarme del presidente Ordine TSRM PSTRP Napoli Avellino Benevento Caserta: «A rischio la validità della formazione nei tirocini professionalizzanti»

Professioni Sanitarie in Campania, in due atenei mancano i profili nell’organico dei corsi di laurea

Sembra una falla abbastanza grossa nella formazione universitaria delle professioni sanitarie quella denunciata di recente da Franco Ascolese, presidente dell’Ordine TSRM PSTRP di Napoli, Avellino, Benevento, Caserta. Una falla che consiste nella carenza di organico negli atenei Federico II di Napoli e Università della Campania “Vanvitelli” e relativa ai 19 profili afferenti alle professioni sanitarie, con inevitabili ripercussioni sulla formazione degli studenti di questi corsi di laurea soprattutto per quanto riguarda i tirocini. In sostanza, nei due atenei sopracitati, non ci sarebbe sufficiente personale a garantire che la formazione si svolga nella cornice normativa di riferimento che regola i medesimi percorsi universitari. È proprio Franco Ascolese a spiegare ai nostri microfoni la situazione.

Professioni sanitarie: mancano i profili nell’organico degli atenei

«L’Ordine che presiedo rappresenta 19 profili di professioni sanitarie, 13 di questi rappresentati da altrettanti corsi di laurea negli atenei Federico II e Vanvitelli. Si tratta, come è noto, di lauree professionalizzanti in cui il tirocinio è parte integrante del percorso formativo costituendo la metà dello stesso. Tale tirocinio formativo, di 500 ore all’anno, deve essere svolto con personale appartenente allo stesso profilo del corso di laurea. Ci siamo però accorti – spiega Ascolese – che nei due atenei non sono stati riempiti quei vuoti di organico, causati dagli anni in piano di rientro in cui le assunzioni erano sospese, bandendo concorsi per le figure richieste. Alcuni esempi che rendono l’idea: il corso di laurea in Igiene Dentale ha come igienista dentale solo il direttore del corso di laurea (peraltro assunto a tempo determinato). La domanda è – chiede Ascolese – con quali figure professionali svolgono il tirocinio gli studenti? In questo caso lo svolgeranno con l’odontoiatra, o con l’infermiere, senza apprendere le specificità del profilo di riferimento. Altro esempio, gli audiometristi e gli audioprotesisti fanno il tirocinio con lo stesso referente, sebbene abbiano competenze professionali diverse. E neanche sono stati emessi bandi. Ancora, i 200 studenti di Fisioterapia possono contare su solo sette fisioterapisti con cui fare il tirocinio, e c’è un solo Tecnico della Prevenzione per le 500 ore di tirocinio di 20 studenti del corso di laurea».

La formazione degli studenti al di sotto degli standard richiesti per legge

«Abbiamo parlato con la presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia della Federico II Maria Triassi – sottolinea Ascolese – che ha concordato con noi su questa problematica. Abbiamo scritto al dg dell’azienda ospedaliera Federico II ma non abbiamo avuto riscontro, abbiamo quindi come Ordine emesso una delibera in Consiglio direttivo in base alla quale non invieremo i nostri rappresentanti nelle Commissioni di laurea, in quanto non riteniamo che il tipo di formazione svolto rispetti i requisiti necessari, ed è solo ed esclusivamente per senso di responsabilità e per non penalizzare ingiustamente gli studenti che abbiamo deciso di revocare solo temporaneamente questa misura. Abbiamo portato anche all’attenzione della Federazione questa problematica, che a sua volta l’ha portata all’attenzione del Ministero. Tutte le strade, insomma, sono state percorse ma non abbiamo avuto riscontri. Ci auguriamo – conclude – di avere quanto prima risposte esaustive o quantomeno un segnale di interessamento alla questione da parte delle istituzioni preposte».

Triassi (Federico II): «A rischio numerosi corsi di laurea»

«C’è purtroppo questa grande carenza di tutori per laureandi dei corsi di laurea nelle Professioni Sanitarie, che abbiamo più volte portato all’attenzione della direzione generale – commenta la presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia della Federico II, prof. Maria Triassi –. È una situazione che mette a rischio i suddetti corsi di laurea se non si provvederà con assunzioni adeguate. Le unità mancanti sono, solo per le professioni sanitarie, circa 350. È evidente – conclude – che si tratta di una problematica con carattere di urgenza cui gli organi competenti sono chiamati a porre rimedio».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Calandra (TSRM PSTRP): «Il nuovo Ministro continui ad ascoltare le professioni»
La Presidente della Federazione multialbo delle professioni sanitarie sottolinea: «Il DM77 è un punto di partenza, ma ci aspettiamo che le nostre professioni siano chiamate in varietà e numero sufficiente a garantire tutti i servizi che è possibile erogare sul territorio». Poi annuncia l’istituzione di un tavolo paritetico con la FNOMCeO su libera professione e sanità territoriale
di Francesco Torre
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi