Formazione 18 Ottobre 2021 10:16

Numero chiuso, Chiapparino (CNSU): «Un modello fortemente sbagliato che va rivisto. È problema politico»

«Tutta la comunità studentesca si è sempre espressa a favore dell’abbattimento del numero chiuso – ha dichiarato il presidente Cnsu – niente è stato previsto nel recovery plan per superare e abbattere il numero chiuso»

L’Italia ha un numero troppo basso – tra i peggiori in Europa – di immatricolati, laureati e ricercatori universitari. E non solo. Esiste una barriera sociale che chiude o rende quantomeno difficile l’accesso all’università per i giovani che vivono al Sud e/o appartengono alle fasce di reddito più deboli.

Le considerazioni espresse dal presidente CNSU (Consiglio Nazionale degli studenti universitari) Luigi Leone Chiapparino, durante la presentazione in Senato dell’indagine conoscitiva sulla condizione studentesca negli atenei italiani, si basano su dati concreti.

Chiapparino: «Divario tra nord e sud, agire più incisivamente dove le difficoltà sono maggiori»

«Il sistema università italiano produce meno laureati a quelli del resto d’Europa – ha detto alle nostre telecamere -. Nella classifica delle percentuali dei laureati sulla popolazione totale dei paesi siamo penultimi solo davanti alla Romania.  In questo senso – ha aggiunto – è necessario investire sui servizi e sussidi che permettono quotidianamente a tantissimi studenti appartenenti alle fasce di reddito più deboli di accedere all’università. E – ha precisato – avere un occhio di riguardo rispetto al divario che c’è tra nord e sud del paese. Bisogna agire più incisivamente nei posti in cui le difficoltà sono maggiori, l’obiettivo è rendere più fruibili e accessibili gli atenei del meridione».

Il numero chiuso a Medicina

Ma c’è anche un altro sistema, molto dibattuto, che taglia fuori tanti ragazzi costretti a rinunciare in partenza al sogno di diventare medici. È la legge 264 del 2 agosto 1999, secondo la quale l’accesso alle facoltà di Medicina e Odontoiatria è a numero chiuso ed è previsto un test d’ingresso. È il Mur, ogni anno, a decidere i posti disponibili per tutta Italia e nei vari atenei considerando il fabbisogno nazionale.

Chiapparino: «Modello fortemente sbagliato che deve essere rivisto»

Entrare a Medicina è, per migliaia di neodiplomati, una vera impresa. Durante lo svolgimento del Test, anche quest’anno, come spesso accade, ci sono stati errori nelle domande e moltissimi studenti sono pronti a ricorrere al Tar. Ed anche il ministro Messa, ai nostri microfoni, ha aperto alla possibilità di rivedere il sistema ammettendo che «i test sono la cosa più neutrale possibile ma possono essere soggetti a errori». E che si deve lavorare per un «controllo maggiore di questi o addirittura poterne rivedere la composizione».

«Tutta la comunità studentesca si è sempre espressa a favore dell’abbattimento»

Il presidente del Consiglio Nazionale degli studenti universitari è molto critico sul numero chiuso. «Il modello di accesso a numero chiuso è un modello fortemente sbagliato che deve essere rivisto – ha evidenziato -. Molto spesso quando lo abbiamo fatto presente ci è stato risposto che servirebbero delle risorse per adeguare i servizi a un numero maggiore di accessi, ma niente è stato previsto, nel Recovery Plan nella direzione di allargare e, in prospettiva, superare e abbattere il numero chiuso. È un problema di natura politica – ha concluso con convinzione – tutta la comunità studentesca si è sempre espressa a favore dell’abbattimento del numero chiuso».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Pierpaolo Sileri, bilancio di un governo con il sottosegretario alla Salute uscente
Con il sottosegretario alla Salute del governo Draghi Pierpaolo Sileri analizziamo il governo Draghi, quello che verrà e le armi per risolvere la carenza di medici e professionisti sanitari che ancora permane
Corruzione in Sanità, sottoscritto protocollo di intesa fra AGENAS e ANAC
Il protocollo ha l’obiettivo di rafforzare la cultura della trasparenza e della legalità nel settore sanitario e di garantire la corretta attuazione e applicazione della normativa in materia di contratti pubblici
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
Test medicina: da quesiti errati a procedure ambigue, valanga di segnalazioni a Consulcesi
Arriva il form dedicato per raccogliere segnalazioni. Tortorella (presidente Consulcesi): «Pronti a sostenere i candidati fin da subito per accedere alla graduatoria finale»
Diventare medico: ecco come nasce un sogno
Dalle tradizioni familiari alla vocazione post pandemia, i racconti da tutta Italia dei ragazzi che si sono cimentati nei test di accesso a Medicina
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi