Formazione 18 Ottobre 2021 10:16

Numero chiuso, Chiapparino (CNSU): «Un modello fortemente sbagliato che va rivisto. È problema politico»

«Tutta la comunità studentesca si è sempre espressa a favore dell’abbattimento del numero chiuso – ha dichiarato il presidente Cnsu – niente è stato previsto nel recovery plan per superare e abbattere il numero chiuso»

L’Italia ha un numero troppo basso – tra i peggiori in Europa – di immatricolati, laureati e ricercatori universitari. E non solo. Esiste una barriera sociale che chiude o rende quantomeno difficile l’accesso all’università per i giovani che vivono al Sud e/o appartengono alle fasce di reddito più deboli.

Le considerazioni espresse dal presidente CNSU (Consiglio Nazionale degli studenti universitari) Luigi Leone Chiapparino, durante la presentazione in Senato dell’indagine conoscitiva sulla condizione studentesca negli atenei italiani, si basano su dati concreti.

Chiapparino: «Divario tra nord e sud, agire più incisivamente dove le difficoltà sono maggiori»

«Il sistema università italiano produce meno laureati a quelli del resto d’Europa – ha detto alle nostre telecamere -. Nella classifica delle percentuali dei laureati sulla popolazione totale dei paesi siamo penultimi solo davanti alla Romania.  In questo senso – ha aggiunto – è necessario investire sui servizi e sussidi che permettono quotidianamente a tantissimi studenti appartenenti alle fasce di reddito più deboli di accedere all’università. E – ha precisato – avere un occhio di riguardo rispetto al divario che c’è tra nord e sud del paese. Bisogna agire più incisivamente nei posti in cui le difficoltà sono maggiori, l’obiettivo è rendere più fruibili e accessibili gli atenei del meridione».

Il numero chiuso a Medicina

Ma c’è anche un altro sistema, molto dibattuto, che taglia fuori tanti ragazzi costretti a rinunciare in partenza al sogno di diventare medici. È la legge 264 del 2 agosto 1999, secondo la quale l’accesso alle facoltà di Medicina e Odontoiatria è a numero chiuso ed è previsto un test d’ingresso. È il Mur, ogni anno, a decidere i posti disponibili per tutta Italia e nei vari atenei considerando il fabbisogno nazionale.

Chiapparino: «Modello fortemente sbagliato che deve essere rivisto»

Entrare a Medicina è, per migliaia di neodiplomati, una vera impresa. Durante lo svolgimento del Test, anche quest’anno, come spesso accade, ci sono stati errori nelle domande e moltissimi studenti sono pronti a ricorrere al Tar. Ed anche il ministro Messa, ai nostri microfoni, ha aperto alla possibilità di rivedere il sistema ammettendo che «i test sono la cosa più neutrale possibile ma possono essere soggetti a errori». E che si deve lavorare per un «controllo maggiore di questi o addirittura poterne rivedere la composizione».

«Tutta la comunità studentesca si è sempre espressa a favore dell’abbattimento»

Il presidente del Consiglio Nazionale degli studenti universitari è molto critico sul numero chiuso. «Il modello di accesso a numero chiuso è un modello fortemente sbagliato che deve essere rivisto – ha evidenziato -. Molto spesso quando lo abbiamo fatto presente ci è stato risposto che servirebbero delle risorse per adeguare i servizi a un numero maggiore di accessi, ma niente è stato previsto, nel Recovery Plan nella direzione di allargare e, in prospettiva, superare e abbattere il numero chiuso. È un problema di natura politica – ha concluso con convinzione – tutta la comunità studentesca si è sempre espressa a favore dell’abbattimento del numero chiuso».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cosa prevede la riforma della sanità lombarda, tra record e critiche
300 audizioni e 200 emendamenti proposti da sindaci, ordini dei medici e professioni sanitarie. Regione Lombardia ha disegnato la nuova sanità sul principio della cura della persona e di una organizzazione territoriale capillare. Critica l’opposizione che prepara per il 2022 una controriforma
HealthCare Summit 2021: «Ecco come riformeremo la sanità italiana con il PNRR»
L’evento organizzato da Il Sole 24 Ore accende i riflettori sulle maggiori sfide da affrontare per il Ssn all’indomani dell’emergenza
Numero chiuso a Medicina, Consulcesi: «Da imbuto a “voragine” formativa, abbiamo bisogno di più laureati»
Tra 5 anni, si avranno 20mila posti in specialità che non troveranno medici disponibili a occuparli
Professioni sanitarie, Riposati: (educatori professionali): «Parola d’ordine, multidisciplinarietà»
Intervista al presidente della commissione d’albo nazionale, intervenuto al secondo congresso nazionale della Federazione Nazionale dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione
«Con il PNRR ci aspettiamo una rivoluzione del sistema dei laboratori». Parla Saverio Stanziale, presidente della CdA dei TSLB
Il presidente della Commissione d’Albo dei Tecnici Sanitari di Laboratorio biomedico promuove l’innovazione del direttore assistenziale in Emilia Romagna e sottolinea: «Può tradurre al meglio le nostre competenze». Poi chiede l’ampliamento della formazione universitaria di base
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...