Formazione 11 Ottobre 2021 12:21

Numero chiuso, il Rettore Gavino Mariotti (Sassari): «Incide negativamente sulla carenza di medici, servono graduatorie locali»

Per il Magnifico Rettore dell’Università sarda «i sistemi sanitari regionali, come quello sardo ma non solo, hanno gravi carenze di professionalità mediche». E rilancia la proposta di andare nelle scuole per preparare i giovani al test d’ingresso

di Francesco Torre
Numero chiuso, il Rettore Gavino Mariotti (Sassari): «Incide negativamente sulla carenza di medici, servono graduatorie locali»

La carenza di medici, in particolare di specialisti, si fa sentire in tutta Italia. E sul banco degli imputati finisce, a torto o ragione, anche il numero chiuso. Un problema ancora più sentito in Sardegna, dove spesso gli aspiranti camici bianchi conseguono la laurea per poi andare ad esercitare in continente. L’assessore alla Sanità Mario Nieddu ha cercato di correre ai ripari aumentando le borse di studio per le specializzazioni mediche (passate da una trentina a oltre 250) ma gli effetti si vedranno solo tra qualche anno. Di questo abbiamo parlato con il magnifico rettore dell’Università di Sassari Gavino Mariotti, che a Sanità Informazione spiega: «Il numero programmato incide negativamente sulla carenza di medici» e lancia due proposte per risolvere il problema: la prima è quella di andare nelle scuole per preparare precocemente i giovani al test di ingresso. La seconda, invece, prevede la possibilità di disporre l’accesso a Medicina e ad altre facoltà scientifiche con graduatoria concorsuale locale e non nazionale, che riprende in parte la proposta di Carlo Doria, senatore leghista e professore di Scienze mediche chirurgiche e sperimentali proprio a Sassari, che inoltre puntava ad abolire il numero chiuso nelle facoltà di medicina sarde per almeno due anni in modo da permettere di recuperare il gap di un migliaio di medici.

Quanto incide il numero chiuso a Medicina sulla carenza di medici che si registra in Sardegna?

«Il numero programmato incide molto negativamente. I sistemi sanitari regionali, come quello sardo ma non solo, hanno gravi carenze di professionalità mediche e l’emergenza sanitaria legata alla pandemia da Covid-19 lo ha ulteriormente evidenziato».

Lei ha lanciato delle proposte per superare questo problema: ce le può spiegare?

«La mia proposta è quella di entrare nelle aule, specie nelle classi quarte e quinte degli Istituti scolastici superiori, e cominciare precocemente la preparazione per i test d’ingresso a numero chiuso. Lo farei d’intesa con l’Università di Cagliari e la Regione Sardegna; lo abbiamo già proposto al Governatore Christian Solinas e all’Assessora al Lavoro Alessandra Zedda, non solo per incentivare la formazione dei giovani nelle materie indispensabili per passare il test d’ingresso alla facoltà mediche, ma anche per l’accesso agli altri corsi a numero programmato nazionale, come Veterinaria e Architettura».

In Parlamento c’è un progetto di riforma dell’accesso all’università per le facoltà di area sanitaria che prevede un anno comune e poi una selezione in base ai risultati degli esami del primo anno. Pensa sia una soluzione percorribile?

«È una soluzione percorribile. Non dobbiamo mai dimenticare che per Medicina (e per le professioni sanitarie) esiste un concorso nazionale che stabilisce una graduatoria. Quindi per aumentare il numero di figure mediche in Sardegna o aumentiamo la formazione, come dicevo prima, oppure c’è una proposta bipartisan con primo firmatario Carlo Doria, che è un medico e anche un nostro professore, pertanto conosce bene la problematica. Nel dettaglio, in deroga alla legge 264/1999 in materia di accesso ai corsi universitari, questo emendamento propone di disporre l’accesso con graduatoria concorsuale locale (e non nazionale) per ciascun Ateneo ai Corsi di Laurea in Medicina e Chirurgia, in Medicina veterinaria, Odontoiatria e protesi dentaria, ai Corsi di Laurea Magistrale delle Professioni sanitarie e ai Corsi triennali della stessa area. La proposta è sperimentale per il quinquennio 2021-2026. Queste sono le uniche due strade possibili che vedo».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
Test Medicina: 3 studenti su 4 “bocciati”, ma con il ricorso è possibile rientrare
Una recente sentenza del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di un gruppo di aspiranti medici, esclusi alla selezione iniziale, ammessi alla facoltà di Medicina con riserva. Grazie al sostegno degli avvocati di Consulcesi, ora sono a tutti gli effetti studenti di Medicina e potranno realizzare il sogno di indossare il camice bianco
Pierpaolo Sileri, bilancio di un governo con il sottosegretario alla Salute uscente
Con il sottosegretario alla Salute del governo Draghi Pierpaolo Sileri analizziamo il governo Draghi, quello che verrà e le armi per risolvere la carenza di medici e professionisti sanitari che ancora permane
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa