Formazione 29 Ottobre 2021 16:39

Numero chiuso, Verducci: «È in corso un ragionamento del sistema universitario legato alla professione medica»

Zoccoli (Conper): «II numero chiuso a Medicina è un retaggio del passato. È necessaria un’attenta programmazione su quali siano i reali bisogni e in base a questo riaggiornare la situazione in Italia»

Numero chiuso, Verducci: «È in corso un ragionamento del sistema universitario legato alla professione medica»

Pochi immatricolati, laureati e ricercatori universitari. E una preoccupante barriera sociale che rende difficile l’accesso all’università ai giovani del Sud e/o con fasce di reddito più deboli. La nota “questione universitaria”, è emersa con forza dalla relazione dell’indagine conoscitiva sulla condizione studentesca negli atenei italiani svolta dalla Commissione Istruzione, università e ricerca del Senato.

La questione universitaria, Verducci: «Troppo costoso studiare»

«I tagli all’università e alla ricerca del 2009-2010 non sono mai stati recuperati – ha evidenziato il relatore e vicepresidente della Commissione Francesco Verducci a Sanità Informazione -. Questo ha portato a un restringimento del nostro sistema: abbiamo troppo pochi immatricolati, laureati e ricercatori. È un problema per la crescita, per la competitività in un mondo sempre più tecnologico e per la nostra democrazia. Ci sono migliaia di ragazzi, infatti, che non riescono a studiare perché troppo costoso studiare». L’analisi presentata in Senato dimostra senza dubbio che per chi proviene da istituti tecnici e professionali è complicato accedere ai percorsi universitari e continuare a studiare. La ricerca, inoltre, registra un ampio divario tra le aspettative di chi è in possesso di un’istruzione terziaria e le dinamiche del mercato del lavoro.

Il numero chiuso a Medicina

In aggiunta, ci sono i test di ammissione per alcune facoltà, come quelle sanitarie, che di fatto escludono in partenza migliaia di ragazzi. È il Mur, ogni anno, a decidere i posti disponibili per tutta Italia e nei vari atenei considerando il fabbisogno nazionale.

Il numero chiuso a Medicina è molto dibattuto anche perché, ogni anno, vengono segnalati errori nelle domande e altre irregolarità che portano moltissimi studenti a ricorrere al Tar. Anche il ministro Messa, ai nostri microfoni, ha aperto alla possibilità di rivedere il sistema ammettendo che «i test sono la cosa più neutrale possibile ma possono essere soggetti a errori».

Numero chiuso, Verducci: «Sono per il superamento, su Medicina ragionamento a parte»

«Io sono per il superamento del numero chiuso normalmente, per le altre facoltà – ha aggiunto il senatore Verducci -. Su medicina c’è da fare un ragionamento a parte. Questo non è un tema che si liquida con una battuta, perché riguarda anche i livelli dell’offerta formativa, aule e laboratori, oltre ad ampliare il mercato del lavoro. Ad ogni modo siamo in una fase in cui dobbiamo investire nella sanità e avere più posti – ha detto – e siamo riusciti a raddoppiare i numeri per le specializzazioni mediche. È in corso un ragionamento complessivo di tutto il sistema universitario legato alla professione medica».

Zoccoli (Conper): «Numero chiuso a Medicina è un retaggio del passato»

Il presidente della Consulta enti pubblici di ricerca, Antonio Zoccoli, vede nel numero chiuso a medicina «un retaggio del passato». È necessaria «un’attenta programmazione su quali siano i reali bisogni e in base a questo riaggiornare la situazione in Italia. Il Recovery plan è «un’occasione unica che abbiamo, da sfruttare al meglio. Si possono fare molti investimenti mirati per cercare di far fare un salto al nostro sistema di ricerca sia in medicina che in fisica e sulle infrastrutture» ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali