Formazione 27 Maggio 2020 16:21

Napoli, la Federico II lancia il Master in Vaccinologia. Boom di richieste tra i giovani medici

La direttrice del corso: «Forniamo agli operatori impegnati nelle attività di prevenzione tutti gli strumenti epidemiologici e di valutazione sull’efficacia dei vaccini e delle strategie vaccinali»

All’Università Federico II di Napoli si sono aperte nei giorni scorsi le iscrizioni per il nuovo master in Vaccinologia, una innovazione in Italia per quanto riguarda la formazione universitaria di secondo livello.

Il master, organizzato dal Dipartimento di Sanità Pubblica dell’ateneo federiciano, si candida ad essere uno dei più ambiti dai giovani medici anche a causa del periodo storico che ci troviamo a vivere, sebbene la sua programmazione, come ci rivela la direttrice del corso, la professoressa Maria Triassi, nasca ben prima che l’Italia venisse coinvolta in una emergenza virale, e si proponga quindi di rispondere ad una esigenza formativa particolarmente attuale per il mondo sanitario, non necessariamente legata alla contingenza della pandemia.

Tuttavia, dal momento che per il Covid-19 non esiste ancora un vaccino, gli esperti sono concordi nel sottolineare l’importanza di una adeguata copertura vaccinale su tutte le altre malattie infettive prevenibili con il vaccino, per affrontare la fase 3 con un minor carico epidemiologico. Per raggiungere questo risultato sarà essenziale poter contare su una eccellente formazione di tutto il personale sanitario coinvolto e su una corretta diffusione delle informazioni presso la popolazione. Ecco che quindi gli obiettivi del master si integrano con le attuali priorità del Servizio sanitario nazionale.

LEGGI ANCHE: CONFERENZA ISS: «RT SOTTO 1 IN TUTTA ITALIA MA IN AUMENTO QUOTA ASINTOMATICI. VACCINO NON PRIMA DELLA PRIMAVERA 2021»

Il corso, della durata di un anno, inizierà in autunno e si articolerà in sette moduli, ognuno della durata di 24 ore. Si comporrà sia di lezioni frontali in aula che di tirocini ed esercitazioni nei centri vaccinali. Il suo obiettivo sarà offrire un focus sulla sicurezza dei vaccini, sulla modalità di preparazione, programmazione e somministrazione alla popolazione, ma anche sulla sorveglianza riguardo alla necessità dell’obbligo o meno. «Il vaccino – spiega la professoressa Triassi ai nostri microfoni – è un intervento di sanità pubblica basato sull’evidenza scientifica. Questo corso – continua – si prefigge di fornire agli operatori impegnati nelle attività di prevenzione tutti gli strumenti epidemiologici e di valutazione sull’efficacia dei vaccini e delle strategie vaccinali, anche attraverso interventi innovativi, da mettere in campo».

«Il master – conclude Triassi – è rivolto a tutti gli operatori sanitari interessati, in particolare agli igienisti, ai medici di sanità pubblica, ai pediatri, ai medici di Medicina Generale, agli infermieri, agli assistenti sanitari, ma anche ai dipendenti del settore farmaceutico».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La quarta dose è obbligatoria?
La quarta dose di vaccino anti-Covid è importante per rafforzare l'immunità in vista della stagione invernale. Tuttavia, viene solo raccomandata e non c'è alcun obbligo per nessuno, neanche per gli operatori sanitari
La nuova variante BQ.1 è più pericolosa delle altre?
La variante B.Q1 sarà presto dominante in Europa e, quindi, anche in Italia. Le prime informazioni indicano che ha una maggiore capacità di eludere i vaccini, ma non sembra più pericolosa delle altre
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Si può scegliere il tipo di vaccino da fare?
Non è possibile scegliere il vaccino anti-Covid da fare. Tuttavia, al momento della prenotazione è possibile selezionare la struttura in base al tipo di vaccino che somministra
Vaiolo delle scimmie: scoperta nuova variante in Congo, potrebbe diventare globale
Nella Repubbica Democratica del Congo si è diffusa una variante pericolosa del vaiolo delle scimmie che, secondo gli esperti, potrebbe diffondersi anche a livello globale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa