Formazione 9 Dicembre 2019

Legge di Bilancio | FederSpecializzandi, Sigm, Movimento Giotto e Aim: «Non bastano 900 borse in più, ne servono 2mila»  

Nell’appello la richiesta di «affiancare le Regioni nel processo di pianificazione del fabbisogno di medici in risposta al bisogno di salute della popolazione, e, dall’altro, potenziare il sistema di accreditamento delle Scuole di Specializzazione»

Duemila borse di specializzazione in più per arrivare a un totale di 11mila l’anno. Le Associazioni FederSpecializzandi, Giovani Medici (Sigm), Movimento Giotto e l’Associazione Italiana Medici (Aim) hanno rivolto congiuntamente un appello al Governo ed al Parlamento affinché in Legge di Bilancio si adottino gli interventi adeguati a sostegno della formazione medica post lauream: «Chiediamo che si investano più fondi per la formazione dei giovani medici, ma è indispensabile che al contempo gli interventi siano calibrati sulle reali carenze di specialisti e rientrino in una pianificazione attendibile e trasparente del fabbisogno di medici».

Il governo, il Ministro della Salute Roberto Speranza, il suo vice Pierpaolo Sileri e altri parlamentari della maggioranza stanno lavorando in questa direzione anche se al momento la cifra resta inchiodata a quota 900 borse in più: «Un numero assolutamente insufficiente e mortificante» per le associazioni di categoria.

LEGGI ANCHE: BILANCIO, SILERI-CARTABELLOTTA: «INTERVENIRE SU PERSONALE E LEA». VICEMINISTRO: «PER SPECIALIZZAZIONI 2MILA BORSE IN PIÙ»

«Occorre, da un lato, affiancare le Regioni nel processo di pianificazione del fabbisogno di medici in risposta al bisogno di salute della popolazione, e, dall’altro, potenziare il sistema di accreditamento delle Scuole di Specializzazione. Riteniamo, inoltre, che l’accreditamento vada esteso anche alle scuole di specializzazione accessibili ai profili sanitari, e che vada rilanciata l’azione dell’Osservatorio Nazionale e degli omologhi Osservatori Regionali nelle attività di monitoraggio continuo della qualità della formazione, con particolare riferimento alle site visits» continuano le quattro associazioni di categoria.

«Oltre al finanziamento di un maggior numero di contratti, previsto da più proposte di emendamento, riteniamo indispensabile una netta inversione di tendenza nelle politiche di pianificazione e programmazione in tema di formazione post-lauream, associata ad un necessario potenziamento del sistema di accreditamento alla qualità delle scuole di specializzazione, aspetti innovativi che è possibile riscontrare soltanto nell’emendamento 55.0.125 a firma Castellone e altri» sottolineano FederSpecializzandi, Giovani Medici (Sigm), Movimento Giotto e l’Associazione Italiana Medici (Aim).

Articoli correlati
«Un unico modello virtuoso per tutte le Regioni». La ricetta del viceministro Sileri per il SSN
«Se c’è un modello di cardiologia, di chirurgia o di governance che funziona, quel modello va copiato e trasmesso in tutta Italia. Così supereremo le diseguaglianze»
«Specializzandi al terzo anno in corsia? Servono tutele». Manai e Romualdi lanciano il laboratorio Pd sulla formazione
L’evento l’11 gennaio a Firenze. Tra gli ospiti Ascani, Gaudio, Zampa, Carnevali, Gnecchi. Sul test di Medicina aprono a una revisione in senso meritocratico ma salvaguardando il numero programmato. E sulle borse di specializzazione: «L'obiettivo è arrivare a 11500»
Duemila posti in più, fondo ad hoc e meccanismo ‘recupera-borse’: ecco la riforma delle specializzazioni e della laurea abilitante targata M5S
Il pentastellato Manuel Tuzi ha presentato alla Camera il testo. Tra le novità un fondo che avrà un iban pubblico finanziabile da soggetti privati, da medici, da enti, fondazioni e federazioni in maniera trasparente. «Serviva un intervento strutturale che aumentasse la capacità formativa degli atenei oltre le 11.500 unità» sottolinea il deputato M5S
Patto per la Salute, raggiunta l’intesa. Accordo sul ‘care giver’ familiare e specializzandi in corsia
La Conferenza delle Regioni ha dato il via libera, unanime, al documento di programmazione 2019-2021 che attende ora soltanto il passaggio formale della Conferenza Stato-Regioni
Tumori, svolta con le terapie ‘agnostiche’. Vella: «Con immunoterapia e farmaci mirati aumenta sopravvivenza e diminuisce tossicità»
Alcuni degli oncologi più importanti d’Italia si sono dati appuntamento a Roma al convegno “Le terapie oncologiche agnostiche. La nuova frontiera nella lotta ai tumori”. Il Vice Ministro Sileri: «Queste terapie sono una vera rivoluzione nel trattamento dei pazienti oncologici laddove è dimostrata una alterazione genetica comune»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...