Formazione 2 Ottobre 2020 08:43

La pandemia “contagia” anche il Festival letterario Insieme

Grande successo per “Covid-19 il virus della paura”, il libro (in)formativo di Consulcesi edito da Paesi edizioni

Tanta voglia di informazioni vere in un mare di fake news, mentre mezza Europa vive l’incubo della seconda ondata. È probabilmente questo il segreto del successo di “Covid-19 Il Virus della Paura” (Paesi Edizioni), il primo libro espressamente dedicato alla pandemia, tra i protagonisti del Festival letterario “Insieme”, in corso a Roma. Pubblicato da Consulcesi, network legale e di formazione dei professionisti della sanità, e a cura dell’infettivologo Massimo Andreoni e dello psicoterapeuta Giorgio Nardone, il libro rappresenta uno strumento di riflessione e di approfondimento in un momento d’incertezza e confusione. «A distanza di mesi è ancora forte la ricerca di informazioni ed è un bel segnale che l’interesse sia focalizzato su tesi di rilevanza scientifica», conferma Lucio Tirinnanzi, editore di Paesi Edizioni.

Il libro nasce da un’idea di Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi, ed è liberamente tratto dal docu-film «Covid-19 Il Virus della paura». Inizialmente, lo scopo era quello di fornire agli operatori sanitari uno strumento di facile fruizione per formarsi sui temi riguardanti l’emergenza Covid-19. Operazione, questa, più che riuscita: tramite ebook sono stati erogati finora oltre15mila crediti con più di 5mila medici che si sono formati nell’ultimo anno con questa innovativa forma di aggiornamento professionale. Ma le previsioni per i prossimi anni sono ancora più alte: 50mila crediti l’anno con almeno il 70% dei camici bianchi che ne usufruirà entro il 2022. «Siamo nati per stare al fianco degli operatori sanitari e la nostra storia la missione è difenderli con le battaglie legali e offrire loro una formazione tecnologica e di alta qualità, per questo ad aprile siamo stati i primi a realizzare un progetto editoriale unico con libro e docufilm, ma abbiamo pensato anche ai loro pazienti», dichiara Tortorella.

A questo intento formativo e informativo si aggiunge quindi anche uno scopo sociale divulgativo che vuole contrastare il fenomeno delle notizie distorte e fuorvianti. «È quanto mai necessario, infatti, spiegare la verità su un argomento ancora poco chiaro e, soprattutto, allontanare dalle ‘fake news’ le generazioni presenti e future, con argomentazioni come quelle contenute nel libro», sottolinea Tortorella. Per questo, in ciascun capitolo si affronta un argomento ad hoc: dal «paziente zero» alla città di Wuhan epicentro della pandemia; dalle testimonianze degli operatori sanitari italiani alle speranze per la ricerca di un vaccino; dalla storia dei virus a precedenti come Ebola, Sars; dai pipistrelli alle «fake news»; dalla geopolitica alle speranze per il futuro. L’opera è finalizzata anche a comprendere le dinamiche dei rischi connessi alle epidemie, e le loro possibili conseguenze sanitarie, sociali, politiche ed economiche a livello internazionale. Un libro che, in definitiva, intende onorare la scienza e la classe medico-sanitaria, diffondendo cultura e rendendo un doveroso tributo a coloro i quali hanno perso la vita a causa di questa epidemia. Un intento che bene si sposa con questa nuova edizione del Festival letterario “Insieme”.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
Ex specializzandi, Consulcesi: «Segno inequivocabile da ministra Messa su risarcimenti»
Sulla questione ex specializzandi, dopo le novità, il presidente Consulcesi ribadisce: «Noi continueremo a sostenere nei tribunali, ed in tutte le altre sedi possibili, questa battaglia di giustizia»
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 giugno, sono 543.612.507 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.329.069 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali