Formazione 15 marzo 2016

In Italia l’Alzheimer è un allarme sociale: «Formare i medici per informare i cittadini» 

L’importanza dell’ECM anche per la salute in gravidanza: «Lanciato un nuovo corso FAD gratuito con il Professor Mastroiacovo dell’Ospedale Bambino Gesù»

Immagine articolo

Un problema di approccio». In un’epoca in cui l’innovazione e il progresso scientifico fanno passi di gigante, la questione fondamentale nella gestione di determinate patologie sembra risiedere proprio nel modo in cui ad esse ci si accosta, dalla formazione del medico all’informazione del cittadino.

Considerando che dalla prima scaturisce la seconda, lavorare sull’adeguatezza dell’aggiornamento continuo in medicina risulta prioritario, in molti casi vitale. Prendiamo ad esempio il morbo di Alzheimer, malattia che affligge centinaia di migliaia di italiani e si ripercuote fortemente su chi si ne prende cura, i caregiver. Il recente convegno Censis ha evidenziato un dato che fa riflettere: nella maggior parte dei casi, per le famiglie la principale fonte di informazione sul morbo di Alzheimer proviene da internet e dai mass media, non dal proprio medico di base.

Questo porta a confondere i sintomi, a ritardare le diagnosi, a peggiorare le prognosi. «E’ inquietante ma c’è ancora disattenzione da parte dei medici della politica e in generale della popolazione nei confronti di questa malattia – commenta ai nostri microfoni il prof. Paolo Maria Rossini, direttore dell’Istituto di Neurologia dell’Università Cattolica – Policlinico Agostino Gemelli di Roma –. Ma mettere la testa sotto la sabbia è controproducente. Occorre maggiore formazione e maggiore informazione per i medici di base, ma anche nelle scuole e nelle università, perché questo accresce la consapevolezza e mette il malato nelle condizioni di scegliere il miglior percorso terapeutico possibile». Sulla sindrome di Alzheimer, infatti, intervenire con tempestività fa la differenza. «Come molte altre patologie di tipo degenerativo, il morbo inizia molto prima della comparsa dei sintomi – continua Rossini -. La vera sfida è riuscire a intercettare la malattia in questa fase, prima che si manifesti, perché – spiega – sia i farmaci già disponibili sia quelli in fase di sperimentazione risultano tanto più efficaci se somministrati precocemente».

I due elementi chiave nelle pratiche di prevenzione sono l’adeguata formazione dei medici e la diffusione di corrette informazioni ai cittadini, soprattutto quando a loro è demandata la cura di un terzo soggetto. E’ il caso, oltre ai caregivers, dei futuri genitori. Su questa tematica è basato il nuovo corso Ecm “La salute della coppia prima della gravidanza” realizzato dal provider accreditato Age.na.s. Sanità in-Formazione, in collaborazione con Consulcesi Group. L’obiettivo è rafforzare i programmi di ricerca e rendere i servizi di assistenza e prevenzione più efficaci, efficienti, e più vicini ad ogni singolo cittadino. Il professor Pierpaolo Mastroiacovo – pediatra dell’Ospedale Bambino Gesù e direttore dell’ICBD (International Centre on Birth Defects and Prematurity) – ha coordinato il team di responsabili scientifici del corso, che spiega, appunto, perché bisogna “prendersi cura” dei propri figli ancor prima che vengano concepiti: «Il sostegno alla maternità e alla paternità responsabile inizia ben prima del concepimento – spiega Mastroiacovo –. Alcuni stili di vita e comportamenti materni potrebbero alterare lo sviluppo dell’embrione. Già nel grembo materno vengono gettate le basi per alcune malattie della fase adulta come diabete e ictus».

Il corso – fruibile gratuitamente a partire dal 15 marzo – permette a tutti gli specialisti di acquisire 4 crediti ECM, affrontando – con i vantaggi della formazione a distanza – tematiche molto importanti per la tutela della salute della coppia e del bambino, come il “Counseling genetico prima della gravidanza”; le principali raccomandazioni sulle linee guida della salute pre-concezionale e il modulo “Conoscere per comunicare” per rendere più efficace l’interazione tra medici e futuri genitori.

Articoli correlati
Alzheimer, Giulio Scarpati: «Con mia madre comunicavo a gesti. Ho scritto per dare parole ad una malattia che le toglie»
L’attore tra i testimonial della serata ‘M4M-Music for Memory’ all’Università Cattolica. Alle istituzioni dice: «È una malattia costosa a livello economico e in termini psicologici perché i parenti non riescono mai a capire come prendere le persone. Se avessi avuto un aiuto avrei commesso meno errori»
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Alzheimer, Rossini (Gemelli): «Fondamentale diagnosi precoce, solo così si può rallentare malattia»
Il direttore dell’Area Neuroscienze del Policlinico romano spiega: «Nuovi farmaci in sperimentazione potranno avere successo perché testati nelle fasi prodromiche della malattia». Poi elogia tecnologia: «Supporto non secondario per i pazienti»
Chat Yourself, la memoria digitale che aiuta i malati di Alzheimer. Bernabei (Italia Longeva): «Sfruttare tecnologia in prime fasi della diagnosi»
Il servizio attivo su Messenger è in grado di memorizzare tutte le informazioni relative alla vita di una persona, restituendole su richiesta all'utente. «Fondamentale per fare una vita il più possibile normale», spiega il docente della Cattolica
Alzheimer, la memoria virtuale alleata dei malati
Ricordi che cominciano a sbiadire, dai nomi dei familiari al posto in cui si vive e al come ci si arriva, confusione con tempi e luoghi, richiesta delle stesse informazioni più volte: questi tra i primi sintomi con cui si manifesta l’Alzheimer, il mostro silenzioso che affligge oltre 600mila italiani e i loro familiari. Per […]
Prelievo del sangue e elettroencefalogramma, in arrivo il test che predice la demenza
Uno studio coordinato dal professor Paolo Maria Rossini ha messo a punto un sistema rivolto a persone con un lieve declino cognitivo che hanno un rischio 20 volte maggiore: «Potrà essere di grande aiuto per iniziare il prima possibile i trattamenti medici e riabilitativi e per introdurre le necessarie modifiche nello stile di vita»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila