Giovani 15 Settembre 2020 09:56

«Io, affetto da diabete dall’età di due anni, diventerò diabetologo pediatrico». La storia di un aspirante medico

Il ragazzo racconta ai nostri microfoni la sua storia e la determinazione nell’affrontare il test di Medicina: «Voglio aiutare i bambini che sono nella mia stessa situazione»

«Io, affetto da diabete dall’età di due anni, diventerò diabetologo pediatrico». La storia di un aspirante medico

La scelta della professione medica non è una scelta qualsiasi. E non tanto perché lo studente che la sceglie deve affrontare un percorso lungo e faticoso, ma soprattutto perché essere medico è una “missione” e serve quella spinta interiore che spesso arriva da accadimenti accidentali della vita. Come nel caso di un ragazzo in trepidante attesa all’interno del cortile dell’Università Statale di Milano il giorno del test di ingresso: lui è uno dei 66.638 iscritti a caccia di un posto, ma non è uno qualsiasi.

Nonostante nella stragrande maggioranza prevalga ansia e preoccupazione prima dell’ingresso in aula, il suo volto tradisce poche emozioni: «Sono ottimista, spero che vada bene» dice senza pensarci troppo. E poi spiega: «È da un po’ che mi preparo, ho anche seguito dei corsi».

QUANDO “IL DIABETE” DIVENTA UNA MISSIONE

Lui non è tra quelli che si lamenta della modalità di selezione, il test a crocette. Un meccanismo indigesto per tanti ragazzi che vorrebbero un criterio di selezione più meritocratico. «Il test per certi aspetti può essere uno strumento valido per valutare alcune conoscenze, dall’altro lato però ci sono situazioni che vanno a fortuna» afferma ai nostri microfoni.

Dal suo sguardo, però, emerge una determinazione fuori dal comune. Un mistero, che presto viene svelato dalle sue stesse parole: «Spero di diventare diabetologo pediatrico» afferma, escludendo la possibilità di un piano B che tutti sono costretti a pensare nel caso il test si rivelasse uno scoglio troppo alto da superare. Ma come mai proprio diabetologo pediatrico? «Ho il diabete da quando ero piccolo e voglio poter aiutare i bambini nella mia stessa situazione» afferma con orgoglio.

Non sappiamo se questo ragazzo sarà tra i circa 13 mila nuovi aspiranti medici che avranno superato il test. Ma sappiamo con certezza che lotterà fino alla fine per realizzare il suo sogno di diventare camice bianco per aiutare altri pazienti come lui.

 

Per tutte le informazioni sul Test di Medicina, vai sul portale Numero Chiuso

Articoli correlati
«Vaccini buoni e vaccini non buoni, “il dilemma dei diabetici” e non solo»
di Eugenio Maria De Feo, diabetologo ed ex direttore del centro diabetologico dell'ospedale Cardarelli di Napoli
Diabete e Covid, ecco perché si tratta di uno dei binomi più pericolosi
Disoteo (AME): «Mantenere una corretta aderenza terapeutica è fondamentale per limitare i rischi»
Cento anni di insulina, così ha cambiato per sempre la storia delle persone con diabete
Ma ora la diabetologia guarda al futuro. Di Bartolo (AMD): «Ora la priorità è superare l’inerzia terapeutica assicurando alle persone con diabete la specialistica più competente e le tecnologie più avanzate»
Pandemia: rischio per la presa in carico dei pazienti diabetici con neoplasia
In Italia quasi 2 malati oncologici su 5 soffrono di diabete. Franco Grimaldi, Presidente dell'Associazione Medici Endocrinologi (AME-ETS): «Questi pazienti richiedono assistenza e cure multidisciplinari e in tempi stabiliti»
Diabete e cancro, Grimaldi (Ame): «I diabetici si ammalano di più e la malattia spesso ha evoluzione sfavorevole»
La gestione del diabete in ambito oncologico è complessa. È necessaria un’educazione del paziente e dei caregiver e una presa in carico multidisciplinare. L’intervista al Presidente dell’Associazione Medici Endocrinologi (AME) Franco Grimaldi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 aprile, sono 133.963.482 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.902.328 i decessi. Ad oggi, oltre 710,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata d...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...