Formazione 13 Ottobre 2020 15:57

Concorso specializzazione, giovani medici e FNOMCeO: «Sbloccare la graduatoria»

Il presidente Anelli chiede di ammettere tutti i candidati che abbiano superato la prova di selezione. Oggi l’incontro al Mur con i rappresentanti delle diverse associazioni di medici e specializzandi. Ecco le richieste dei giovani medici

Concorso specializzazione, giovani medici e FNOMCeO: «Sbloccare la graduatoria»

Sbloccare la graduatoria del concorso di Specializzazione in Medicina, ammettendo tutti i candidati, ferma restando la graduatoria attuale, affinché i ricorsi non facciano slittare di mesi, forse un anno, l’inizio delle scuole, vanificando lo sforzo del Governo che ha aumentato da 8.776 a 14.395 il numero di borse. Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici (FNOMCeO), Filippo Anelli, aveva già sollevato qualche giorno fa il problema della mancata pubblicazione della graduatoria per l’accesso alle Scuole di Specializzazione. La prova, a cui hanno partecipato più di 20mila candidati,  si era svolta lo scorso 22 settembre, in forte ritardo a causa dall’emergenza sanitaria da coronavirus. Il 5 ottobre, il Mur ne comunicava la sospensione per l’elevato numero di ricorsi presentati contro le nuove disposizioni introdotte quest’anno. Oggi, Anelli ripropone la stessa istanza con una lettera ufficiale al Ministro dell’Università e Ricerca, Gaetano Manfredi, e al Ministro della Salute, Roberto Speranza.

LEGGI LA LETTERA DELLA FNOMCEO

L’INCONTRO AL MINISTERO CON I GIOVANI MEDICI: TUTTE LE RICHIESTE

E per cercare di risolvere la situazione, oggi si è svolto l’incontro tra i responsabili amministrativi del Ministero e i rappresentanti delle diverse associazioni di medici e specializzandi. Dalla riunione, a cui non ha partecipato il Ministro Manfredi, è emerso che il concorso non è a rischio di invalidazione e che la presa di servizio è garantita al 30 dicembre.

Il Sigm ha richiesto «un rapido sblocco della graduatoria e la pubblicazione di una road map ufficiale in cui vengano spiegati tutti i passaggi futuri, in particolare: stato dei ricorsi, funzionamento di graduatoria, ripescaggi, presa di servizio. Inoltre, chiede di pianificare incontri periodici «per risolvere l’imbuto formativo e discutere sugli aspetti più critici del bando di accesso alle scuole di specializzazione».

L’Associazione Chi si cura di te? ha richiesto:

  • la pubblicazione immediata della graduatoria
  • lo stanziamento di contratti aggiuntivi, proporzionate in base ai contratti già previsti per ciascuna scuola, per chi ne avrebbe diritto in base all’esito dei ricorsi
  • qualora i ricorsi siano accolti, l’assegnazione dei punti CV sia estesa a tutti quelli che ne avrebbero avuto diritto (anche a chi non ha presentato ricorso)
  • di scongiurare un posticipo della presa di servizio

I Giovani medici per l’Italia  concordano con il presidente Anelli, ma sottolineano «come sia essenziale, prima di procedere all’ammissione di tutti i candidati, riformare il sistema in modo che sia in grado di accogliere tutti gli specializzandi necessari al nostro SSN».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari
L’ha presentata il consigliere della Lega Daniele Giannini, raccogliendo le proposte dell’associazione AMAD. L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020
di Francesco Torre
Medici ex specializzandi, tribunali, politica ed Europa: cosa cambia dopo la sentenza della Corte Ue
La senatrice Daniela Sbrollini e l’avvocato Marco Tortorella hanno approfondito i risvolti della storica pronuncia su prescrizione, rivalutazione monetaria e adeguatezza delle borse in un webinar in esclusiva per i medici tutelati da Consulcesi
Il mutuo fa paura? Il bando per i giovani medici under 40
Tassi fissi e rate più basse, c'è tempo fino al 9 settembre
Oncologia, Cavanna (Cipomo): «Limitare gli spostamenti dei malati, siano i medici a farlo»
Per il presidente del Collegio Italiano Primari Oncologi Ospedalieri Luigi Cavanna la sfida del futuro è quella di una oncologia del territorio efficace. «Ora è essenziale che i malati di Covid vengano curati a casa il più possibile e che si trovino dei percorsi riparati per i malati oncologici perché possano fare i loro esami» spiega Cavanna
di Francesco Torre
Appello FNOMCeO a tutte le forze politiche: «Rilanciare il Servizio sanitario nazionale»
Anelli: «L’auspicio è che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo siano sempre attenti alle tematiche relative alla salute dei cittadini e al lavoro dei professionisti della sanità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...