Formazione 13 Ottobre 2020

Concorso specializzazione, giovani medici e FNOMCeO: «Sbloccare la graduatoria»

Il presidente Anelli chiede di ammettere tutti i candidati che abbiano superato la prova di selezione. Oggi l’incontro al Mur con i rappresentanti delle diverse associazioni di medici e specializzandi. Ecco le richieste dei giovani medici

Immagine articolo

Sbloccare la graduatoria del concorso di Specializzazione in Medicina, ammettendo tutti i candidati, ferma restando la graduatoria attuale, affinché i ricorsi non facciano slittare di mesi, forse un anno, l’inizio delle scuole, vanificando lo sforzo del Governo che ha aumentato da 8.776 a 14.395 il numero di borse. Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici (FNOMCeO), Filippo Anelli, aveva già sollevato qualche giorno fa il problema della mancata pubblicazione della graduatoria per l’accesso alle Scuole di Specializzazione. La prova, a cui hanno partecipato più di 20mila candidati,  si era svolta lo scorso 22 settembre, in forte ritardo a causa dall’emergenza sanitaria da coronavirus. Il 5 ottobre, il Mur ne comunicava la sospensione per l’elevato numero di ricorsi presentati contro le nuove disposizioni introdotte quest’anno. Oggi, Anelli ripropone la stessa istanza con una lettera ufficiale al Ministro dell’Università e Ricerca, Gaetano Manfredi, e al Ministro della Salute, Roberto Speranza.

LEGGI LA LETTERA DELLA FNOMCEO

L’INCONTRO AL MINISTERO CON I GIOVANI MEDICI: TUTTE LE RICHIESTE

E per cercare di risolvere la situazione, oggi si è svolto l’incontro tra i responsabili amministrativi del Ministero e i rappresentanti delle diverse associazioni di medici e specializzandi. Dalla riunione, a cui non ha partecipato il Ministro Manfredi, è emerso che il concorso non è a rischio di invalidazione e che la presa di servizio è garantita al 30 dicembre.

Il Sigm ha richiesto «un rapido sblocco della graduatoria e la pubblicazione di una road map ufficiale in cui vengano spiegati tutti i passaggi futuri, in particolare: stato dei ricorsi, funzionamento di graduatoria, ripescaggi, presa di servizio. Inoltre, chiede di pianificare incontri periodici «per risolvere l’imbuto formativo e discutere sugli aspetti più critici del bando di accesso alle scuole di specializzazione».

L’Associazione Chi si cura di te? ha richiesto:

  • la pubblicazione immediata della graduatoria
  • lo stanziamento di contratti aggiuntivi, proporzionate in base ai contratti già previsti per ciascuna scuola, per chi ne avrebbe diritto in base all’esito dei ricorsi
  • qualora i ricorsi siano accolti, l’assegnazione dei punti CV sia estesa a tutti quelli che ne avrebbero avuto diritto (anche a chi non ha presentato ricorso)
  • di scongiurare un posticipo della presa di servizio

I Giovani medici per l’Italia  concordano con il presidente Anelli, ma sottolineano «come sia essenziale, prima di procedere all’ammissione di tutti i candidati, riformare il sistema in modo che sia in grado di accogliere tutti gli specializzandi necessari al nostro SSN».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
«Gravissima carenza medici in discipline specialistiche, conseguenza di una scellerata incapacità di programmare il fabbisogno»
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Concorso scuole di specializzazione area sanitaria: pubblicata la graduatoria
Nella graduatoria per le scuole di specializzazione di area sanitaria si tiene conto delle pronunce di Tar Lazio e Consiglio di Stato, fa sapere il Mur. Probabili variazioni di qualche giorno per l'attivazione delle prossime fasi
Burnout da Covid tra i sanitari, la psicologa: «Ora che ne conosciamo gli effetti possiamo prevenirlo»
«Le emozioni provate da chi ha lottato in prima linea contro il Covid sono state talmente forti da riversarsi sul corpo, sotto forma di numerosi disturbi: cefalee e dolori addominali i più diffusi»
di Isabella Faggiano
Microteam e multidisciplinarietà: le idee di medici e infermieri per la medicina territoriale
In audizione al Senato, sia la Federazione degli Ordini dei Medici che quella degli Infermieri hanno presentato le loro idee per rispondere alla domanda di salute presente e futura del Paese
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare