Formazione 23 ottobre 2017

OMCeO, Panti (Firenze) lascia e si sfoga: «La politica ha smesso di ascoltare i medici. Ritroviamo la nostra voce…»

«Giovani medici e futuro del SSN. Ritrovare l’unità dei medici». Intervista al Presidente uscente dell’OMCeO Firenze a margine del XXXI Congresso Nazionale CIMO. Elezioni dell’Ordine 19-21 novembre: in corsa Piero Tosi, Teresita Mazzei e Pasquale Morano

La formazione dei giovani medici, il precariato e la valorizzazione della professione medica: queste le priorità da seguire secondo Antonio Panti, Presidente uscente dell’Ordine dei Medici di Firenze dopo ben dieci mandati consecutivi.

È uno dei decani degli OMCeO italiani e ha da poco annunciato che non si ricandiderà nelle elezioni che tra il 19 e il 21 novembre sceglieranno il suo successore. L’abbiamo incontrato a margine del Congresso Nazionale CIMO – durante il quale è stato eletto Guido Quici come nuovo Presidente – e  il presidente Panti si è lasciato andare ad uno sfogo che sa anche di bilancio della sua lunga stagione di impegno per i medici fiorentini e non solo.

LEGGI ANCHE: GUIDO QUICI, NEO PRESIDENTE CIMO: «IN QUESTE CONDIZIONI NON FIRMEREMO IL CONTRATTO

«Sono Presidente dell’ordine dei medici di Firenze dal 1987, ho vissuto la nascita del servizio sanitario nazionale ma, oggi, mi troverei in grande difficoltà nel fronteggiare tutte le problematiche sindacali e professionali che necessitano di una collaborazione fra federazione degli ordini e sindacati» ammette Panti.

«Il problema reale e concreto – individua il dottor Panti – è che, a differenza del passato, non riusciamo ad avere un interlocutore politico. La politica ignora e scavalca gli ordini, i sindacati e le società scientifiche – continua il Presidente – per questo, predico l’unità e la collegialità in una comunione di intenti tra tutte le componenti del sistema». Messaggio lanciato al suo successore che emergerà dalla sfida tra l’ex direttore generale delle Scotte di Siena, Piero Tosi, la professoressa Teresita Mazzei e il presidente regionale della Croce Rossa, Pasquale Morano (sul Corriere Fiorentino tutti gli schieramenti per le elezioni OMCeO).

Anche i giovani medici si trovano in grande difficoltà secondo Panti: quest’anno il concorso per le specializzazioni si svolge con grande ritardo e le previsioni per il futuro sono tutt’altro che rosee. Rimane sul tavolo, infatti, l’enorme problema del numero esiguo di contratti disponibili rispetto al gran numero di giovani medici, il cosiddetto “imbuto formativo”: tanti laureati che non trovano la specializzazione da una parte e il sistema sanitario nazionale a corto di medici dall’altra.

PER APPROFONDIRE: FORMAZIONE MEDICINA GENERALE, LOPES (FIMMG GIOVANI): «VIGILEREMO SULLE NOVITÀ»

«La regolamentazione stessa dell’accesso alle specializzazione è pura follia – sostiene il Presidente Panti -. Aumentare il numero delle borse è d’obbligo, altrimenti va a finire che una persona che è realmente motivata per fare lo psichiatra finisce per fare il chirurgo o nulla…». «Quello che è successo quest’anno è oltre il bene e il male – prosegue Panti in riferimento ai ritardi record del concorso –  alle spalle di questo c’è un grande problema formativo, che parte dall’accesso alla Facoltà di Medicina».

LEGGI ANCHESCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE: ECCO IL BANDO E I DETTAGLI SULL’ESAME E SULLE GRADUATORIE

Puntare sui giovani creando nuovi percorsi di studio in grado di formare un professionista che risponda alle nuove esigenze dei cittadini, è l’obiettivo da raggiungere: «Noi stiamo creando medici che lavoreranno in una medicina completamente diversa da quella degli ultimi 50 anni e li prepariamo ancora secondo vecchi canoni».

Ripensare le norme che regolano l’accesso alla formazione è fondamentale così quanto delineare le competenze specifiche di una professione in continua evoluzione. In una situazione di «precariato intellettuale» è opportuno ridisegnare l’offerta formativa: «Non tanto per noi che siamo le persone che la rappresentano sulla via del tramonto, quanto per i giovani medici che entrano ora e hanno davanti un avvenire entusiasmante come medici ma estremamente difficile e a disagio come professionisti» conclude il Presidente Panti.

 

Articoli correlati
Dissezione su cadavere, l’eccellenza all’università di Bologna: 400 metri quadri al servizio di studenti, chirurghi e ricercatori
L’Italia ferma ad un Regio Decreto del 1933. Ad ottobre 2018, Pierpaolo Sileri (M5S) ha presentato un disegno di legge in tema disposizione del proprio corpo e dei tessuti post mortem a fini di studio, di formazione e di ricerca scientifica
di Isabella Faggiano
Si uniscono CIMO e FESMED: nasce sindacato da 15mila iscritti. Il presidente della Federazione Quici: «Ora dritti ai problemi con spirito rinnovato»
Le due organizzazioni della dirigenza medica danno vita alla Federazione CIMO-FESMED. Il presidente vicario Giuseppe Ettore: «Evento importante per dare vita ad un progetto ancora più forte ed efficace. Tutto quello che sta accadendo nella sanità rende necessaria minore frammentarietà sindacale». Tra le priorità da affrontare rinnovo del contratto, libera professione, disagio lavorativo e formazione
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
San Valentino, le tecniche antistress che salvano l’amore: una vita di coppia sana passa anche dalla regola delle tre “C”
La dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista: «Consapevolezza, conoscenza e coscienza per stare bene con se stessi e con il partner. Così lo stress da nemico diventa alleato». On line il primo ebook "Antistress: teoria e pratica”
Contenziosi, Quici (CIMO): «Spostiamo i costi per assicurazioni e processi verso la formazione ECM»
Nel 2016 sono stati spesi 1 miliardo 300 milioni di euro per le assicurazioni e i contenziosi, ma solo 100 milioni per la formazione. Il presidente del sindacato: «Le cause vanno ridotte e il rischio va prevenuto, anche investendo di più sulla formazione degli operatori, altrimenti saranno maggiori le risorse sottratte al SSN. Bene Arbitrato della Salute»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...