Formazione 23 ottobre 2017

OMCeO, Panti (Firenze) lascia e si sfoga: «La politica ha smesso di ascoltare i medici. Ritroviamo la nostra voce…»

«Giovani medici e futuro del SSN. Ritrovare l’unità dei medici». Intervista al Presidente uscente dell’OMCeO Firenze a margine del XXXI Congresso Nazionale CIMO. Elezioni dell’Ordine 19-21 novembre: in corsa Piero Tosi, Teresita Mazzei e Pasquale Morano

La formazione dei giovani medici, il precariato e la valorizzazione della professione medica: queste le priorità da seguire secondo Antonio Panti, Presidente uscente dell’Ordine dei Medici di Firenze dopo ben dieci mandati consecutivi.

È uno dei decani degli OMCeO italiani e ha da poco annunciato che non si ricandiderà nelle elezioni che tra il 19 e il 21 novembre sceglieranno il suo successore. L’abbiamo incontrato a margine del Congresso Nazionale CIMO – durante il quale è stato eletto Guido Quici come nuovo Presidente – e  il presidente Panti si è lasciato andare ad uno sfogo che sa anche di bilancio della sua lunga stagione di impegno per i medici fiorentini e non solo.

LEGGI ANCHE: GUIDO QUICI, NEO PRESIDENTE CIMO: «IN QUESTE CONDIZIONI NON FIRMEREMO IL CONTRATTO

«Sono Presidente dell’ordine dei medici di Firenze dal 1987, ho vissuto la nascita del servizio sanitario nazionale ma, oggi, mi troverei in grande difficoltà nel fronteggiare tutte le problematiche sindacali e professionali che necessitano di una collaborazione fra federazione degli ordini e sindacati» ammette Panti.

«Il problema reale e concreto – individua il dottor Panti – è che, a differenza del passato, non riusciamo ad avere un interlocutore politico. La politica ignora e scavalca gli ordini, i sindacati e le società scientifiche – continua il Presidente – per questo, predico l’unità e la collegialità in una comunione di intenti tra tutte le componenti del sistema». Messaggio lanciato al suo successore che emergerà dalla sfida tra l’ex direttore generale delle Scotte di Siena, Piero Tosi, la professoressa Teresita Mazzei e il presidente regionale della Croce Rossa, Pasquale Morano (sul Corriere Fiorentino tutti gli schieramenti per le elezioni OMCeO).

Anche i giovani medici si trovano in grande difficoltà secondo Panti: quest’anno il concorso per le specializzazioni si svolge con grande ritardo e le previsioni per il futuro sono tutt’altro che rosee. Rimane sul tavolo, infatti, l’enorme problema del numero esiguo di contratti disponibili rispetto al gran numero di giovani medici, il cosiddetto “imbuto formativo”: tanti laureati che non trovano la specializzazione da una parte e il sistema sanitario nazionale a corto di medici dall’altra.

PER APPROFONDIRE: FORMAZIONE MEDICINA GENERALE, LOPES (FIMMG GIOVANI): «VIGILEREMO SULLE NOVITÀ»

«La regolamentazione stessa dell’accesso alle specializzazione è pura follia – sostiene il Presidente Panti -. Aumentare il numero delle borse è d’obbligo, altrimenti va a finire che una persona che è realmente motivata per fare lo psichiatra finisce per fare il chirurgo o nulla…». «Quello che è successo quest’anno è oltre il bene e il male – prosegue Panti in riferimento ai ritardi record del concorso –  alle spalle di questo c’è un grande problema formativo, che parte dall’accesso alla Facoltà di Medicina».

LEGGI ANCHESCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE: ECCO IL BANDO E I DETTAGLI SULL’ESAME E SULLE GRADUATORIE

Puntare sui giovani creando nuovi percorsi di studio in grado di formare un professionista che risponda alle nuove esigenze dei cittadini, è l’obiettivo da raggiungere: «Noi stiamo creando medici che lavoreranno in una medicina completamente diversa da quella degli ultimi 50 anni e li prepariamo ancora secondo vecchi canoni».

Ripensare le norme che regolano l’accesso alla formazione è fondamentale così quanto delineare le competenze specifiche di una professione in continua evoluzione. In una situazione di «precariato intellettuale» è opportuno ridisegnare l’offerta formativa: «Non tanto per noi che siamo le persone che la rappresentano sulla via del tramonto, quanto per i giovani medici che entrano ora e hanno davanti un avvenire entusiasmante come medici ma estremamente difficile e a disagio come professionisti» conclude il Presidente Panti.

 

Articoli correlati
Intramoenia, Quici (Cimo): «Sospensione non ridurrà le liste d’attesa, anzi…»
«L’intramoenia è un’attività marginale dei medici, svolta al di fuori dell’orario di lavoro, che in sette anni ha fatto guadagnare alle aziende sanitarie oltre 1 miliardo di euro. Soldi che dovevano essere destinati anche alla riduzione delle liste d’attesa. Lo hanno fatto?». Intervista al presidente della Cimo, secondo cui il meccanismo previsto dal decreto 'Semplificazione' è «demenziale»
Contratto medici, CIMO pronta a class action contro Regioni e Aran e a denuncia alla Corte Europea dei diritti dell’uomo
Il presidente Guido Quici: «Siamo alle ultime battute di quest’anno e prendiamo atto della mancata volontà di firmare un dignitoso contratto e di riconoscere i diritti dei medici. Se neanche lo sciopero è servito, sarà un Giudice nazionale a ordinare all’Amministrazione di emendare le proprie amnesie ed un altro, europeo, a sanzionare lo Stato, le Regioni e gli organi cui è demandata la rappresentanza negoziale»
Formazione, nasce il corso ECM residenziale “empatia e burnout”
L’empatia come strumento per la prevenzione del Burnout è il tema del corso residenziale che si svolgerà in una location unica – la Casa del Divin Maestro – ad Ariccia, a pochi chilometri da Roma. Domandarsi la funzione dell’esercizio empatico nell’ambito delle professioni socio-sanitarie è come domandarsi la funzione dei libri all’interno di una biblioteca. Il concetto […]
Formazione, Paola Kruger: «Il paziente esperto è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto»
«Essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello e con un linguaggio scientifico che serve per veicolare le istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole» così Paola Kruger, Paziente Esperto EUPATI
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...