Federfarma 19 Ottobre 2020 17:23

Test sierologici in farmacia, Federfarma: «Un modello per l’Europa»

Sono estremamente positivi i primi risultati dell’iniziativa promossa dall’Emilia-Romagna per consentire agli studenti e ai loro famigliari di effettuare gratuitamente i test sierologici nelle farmacie ed è auspicabile che altre Regioni vadano nella stessa direzione. Si è già espresso positivamente al riguardo l’assessore alla salute della Regione Lazio D’Amato, accogliendo la disponibilità formulata in tal […]

Sono estremamente positivi i primi risultati dell’iniziativa promossa dall’Emilia-Romagna per consentire agli studenti e ai loro famigliari di effettuare gratuitamente i test sierologici nelle farmacie ed è auspicabile che altre Regioni vadano nella stessa direzione. Si è già espresso positivamente al riguardo l’assessore alla salute della Regione Lazio D’Amato, accogliendo la disponibilità formulata in tal senso dalle farmacie laziali.

Lo dichiara Federfarma, la Federazione che rappresenta le oltre 18.000 farmacie private convenzionate con il SSN, prendendo spunto dai dati forniti da Federfarma Emilia-Romagna: solo nella prima giornata si stima che siano stati effettuati tra gli 8.000 e i 10.000 test, un numero destinato ad aumentare nei prossimi giorni sia a seguito dell’adesione di un numero crescente di farmacie sia per la maggiore rapidità di un meccanismo sempre più rodato.

«Il gradimento dei cittadini emiliani per l’effettuazione dei test sierologici in farmacia è la dimostrazione che le farmacie sono un punto di riferimento fondamentale e facilmente accessibile, sul quale il sistema sanitario e i cittadini stessi possono contare sempre e ovunque, anche nelle aree interne e più lontane dai servizi sanitari. Soprattutto in un momento di emergenza come questo, nel quale è fondamentale evitare assembramenti e avvicinare quanto più possibile i servizi di cura e prevenzione alle persone», dichiara Marco Cossolo, Presidente di Federfarma.

«Questa iniziativa, peraltro, è stata molto apprezzata a livello europeo, tanto da diventare un modello da imitare, come dimostrano le parole del Segretario generale del Raggruppamento europeo dei farmacisti (PGUE – Pharmaceutical Group of European Union) Ilaria Passarani. È paradossale che l’Italia sia all’avanguardia sulla somministrazione dei test sierologici in farmacia e sia, invece, tra i pochi Paesi UE in cui non è ancora possibile vaccinarsi in farmacia», conclude Cossolo.

«É una notizia, quella dei test antigenici in farmacia in Emilia Romagna che comunicheremo subito a tutte le Associazioni di farmacisti europei, in quanto è il primo caso in Europa che vede le farmacie coinvolte in un’attività di screening legata al contenimento della diffusione del Covid-19”, ha dichiarato Ilaria Passarani, Segretario Generale del PGEU.

«L’allarmante aumento di nuove infezioni a livello globale e l’avvicinarsi dell’influenza stagionale rendono necessari ulteriori sforzi per la diagnosi di persone infette da Covid-19. Integrare i test rapidi in farmacia nelle strategie di testing nazionali può davvero fare la differenza e decongestionare altre strutture del sistema sanitario. Invitiamo tutte le autorità sanitarie a sfruttare la rete accessibile di farmacie in tutta Europa per aiutare a condurre test affidabili per il Covid-19 e ad utilizzare le competenze dei farmacisti per fronteggiare più efficacemente il virus», ha concluso Passarani.

Articoli correlati
Tamponi: in Lombardia i 5 Stelle pensano a parafarmacie e infermieri di libera professione. Federfarma boccia l’idea
Mammì (Segretario Commissione Sanità Regione Lombardia): «Avremmo centinaia di professionisti sanitari disponibili per allentare la pressione sulle farmacie o gli hub ospedalieri, personale a cui si potrebbe poi anche permettere di somministrare vaccinazioni e stampare green pass sempre con la stessa ottica di ampliare la rete di controllo della pandemia». Racca (Presidente Federfarma Lombardia) «Ipotesi impraticabile, le norme sono nazionali»
Allarme carenza Zitromax, «Italia unico Paese in Europa in cui è introvabile». Federfarma invia segnalazione ad Aifa
Le linee guida non prevedono l’uso di Azitromicina nella terapia per il Covid-19 ma gli scaffali sono vuoti un po’ ovunque. Tobia (Federfarma): «Mancanza farmaco pericoloso per chi ne ha davvero bisogno». Scotti (Fimmg): «Medici che fanno il loro dovere non prescrivono Azitromicina in modo inappropriato»
Caos tamponi, Tobia (Federfarma): «Qualche ritardo nella filiera ma nessuna difficoltà d’approvvigionamento»
Intervista al segretario nazionale di Federfarma, che ritiene «auspicabile dare anche alle farmacie di comunità la possibilità di distribuire le nuove pillole antivirali contro il Sars-CoV-2»
Super green pass. Cossolo (Federfarma): «Nelle farmacie meno tamponi e più spazio ai vaccini»
Tamponi e dark web, il presidente di Federfarma: «Si auspica che l’abbattimento delle richieste di test antigenici metta un freno anche al mercato nero per il commercio dei test antigenici e al rilascio di certificati verdi “falsi”»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 gennaio, sono 355.109.543 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.605.267 i decessi. Ad oggi, oltre 9,84 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre