Federfarma 19 Ottobre 2020 17:23

Test sierologici in farmacia, Federfarma: «Un modello per l’Europa»

Sono estremamente positivi i primi risultati dell’iniziativa promossa dall’Emilia-Romagna per consentire agli studenti e ai loro famigliari di effettuare gratuitamente i test sierologici nelle farmacie ed è auspicabile che altre Regioni vadano nella stessa direzione. Si è già espresso positivamente al riguardo l’assessore alla salute della Regione Lazio D’Amato, accogliendo la disponibilità formulata in tal […]

Sono estremamente positivi i primi risultati dell’iniziativa promossa dall’Emilia-Romagna per consentire agli studenti e ai loro famigliari di effettuare gratuitamente i test sierologici nelle farmacie ed è auspicabile che altre Regioni vadano nella stessa direzione. Si è già espresso positivamente al riguardo l’assessore alla salute della Regione Lazio D’Amato, accogliendo la disponibilità formulata in tal senso dalle farmacie laziali.

Lo dichiara Federfarma, la Federazione che rappresenta le oltre 18.000 farmacie private convenzionate con il SSN, prendendo spunto dai dati forniti da Federfarma Emilia-Romagna: solo nella prima giornata si stima che siano stati effettuati tra gli 8.000 e i 10.000 test, un numero destinato ad aumentare nei prossimi giorni sia a seguito dell’adesione di un numero crescente di farmacie sia per la maggiore rapidità di un meccanismo sempre più rodato.

«Il gradimento dei cittadini emiliani per l’effettuazione dei test sierologici in farmacia è la dimostrazione che le farmacie sono un punto di riferimento fondamentale e facilmente accessibile, sul quale il sistema sanitario e i cittadini stessi possono contare sempre e ovunque, anche nelle aree interne e più lontane dai servizi sanitari. Soprattutto in un momento di emergenza come questo, nel quale è fondamentale evitare assembramenti e avvicinare quanto più possibile i servizi di cura e prevenzione alle persone», dichiara Marco Cossolo, Presidente di Federfarma.

«Questa iniziativa, peraltro, è stata molto apprezzata a livello europeo, tanto da diventare un modello da imitare, come dimostrano le parole del Segretario generale del Raggruppamento europeo dei farmacisti (PGUE – Pharmaceutical Group of European Union) Ilaria Passarani. È paradossale che l’Italia sia all’avanguardia sulla somministrazione dei test sierologici in farmacia e sia, invece, tra i pochi Paesi UE in cui non è ancora possibile vaccinarsi in farmacia», conclude Cossolo.

«É una notizia, quella dei test antigenici in farmacia in Emilia Romagna che comunicheremo subito a tutte le Associazioni di farmacisti europei, in quanto è il primo caso in Europa che vede le farmacie coinvolte in un’attività di screening legata al contenimento della diffusione del Covid-19”, ha dichiarato Ilaria Passarani, Segretario Generale del PGEU.

«L’allarmante aumento di nuove infezioni a livello globale e l’avvicinarsi dell’influenza stagionale rendono necessari ulteriori sforzi per la diagnosi di persone infette da Covid-19. Integrare i test rapidi in farmacia nelle strategie di testing nazionali può davvero fare la differenza e decongestionare altre strutture del sistema sanitario. Invitiamo tutte le autorità sanitarie a sfruttare la rete accessibile di farmacie in tutta Europa per aiutare a condurre test affidabili per il Covid-19 e ad utilizzare le competenze dei farmacisti per fronteggiare più efficacemente il virus», ha concluso Passarani.

Articoli correlati
Simulazione in formazione, ecco come la realtà virtuale prepara i farmacisti ad affrontare le sfide reali
Dalla “clean room” alla ricerca clinica, fino a capitolati di gara e interazione con il paziente, Zanon (SIFO): «La figura del farmacista è poliedrica e, per questo, anche la sua formazione, compresa quella post laurea, deve essere altrettanto variegata. L’utilizzo della simulazione ha segnato un punto di svolta importante nei processi formativi»
Tobia (Federfarma): «Garantire ai cittadini europei equo accesso a farmaci»
Si è tenuto oggi a Roma il simposio annuale PGEU, nell'ambito del quale si è discusso della nuova regolamentazione sui farmaci dell'Unione Europea
Farmacie: dal 5 luglio attivo il servizio per scegliere medico di famiglia e pediatra di libera scelta
Letizia Moratti (Vicepresidente di Regione Lombardia) «Grazie a questo servizio si potranno abbattere i tempi di attesa». Annarosa Racca (Federfarma Lombardia) «Un servizio che i cittadini ci chiedevano da tempo»
Sanità e territorio, la rivoluzione passa dalle farmacie (e dal PNRR)
Presentata in conferenza stampa l’edizione annuale del congresso FarmacistaPiù. «La formazione è la chiave per gestire il cambiamento»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...