Contributi e Opinioni 20 Agosto 2020 09:27

«La risposta allo smaltimento delle liste d’attesa non può essere l’impiego degli specializzandi»

di Federica Orlando, Vice Presidente Vicario del Segretariato Italiano Giovani Medici

di Federica Orlando, Vice Presidente Vicario del SIGM

Il DL Agosto, all’art 29 concernente “Disposizioni urgenti in materia di liste d’attesa” prevede che a partire dal quarto anno i medici in formazione specialistica possano “stilare i referti delle visite, degli esami e delle prestazioni specialistiche con esclusivo riferimento alle sole visite, esami  e  prestazioni di controllo ambulatoriali”.

La risposta allo smaltimento delle liste d’attesa non può essere l’impiego di medici in formazione, chiedendo loro un atto di responsabilità che vada oltre il proprio profilo giuridico e per il quale non sia disposto il minimo riconoscimento professionale, per di più per finalità non formative.

Inoltre appare ironico che la disposizione rientri nello stesso articolo in cui si emenda un incremento della tariffa oraria, da sessanta a ottanta euro lordi, per le prestazioni aggiuntive svolte dai medici dipendenti: per l’ennesima volta siamo di fronte alla richiesta di pari impegno, ma con riconoscimenti differenti.

Ricordiamo infatti che i medici in formazione specialistica sono stati gli unici operatori sanitari ad essere stati esclusi dall’attribuzione del bonus Covid su quasi tutto il territorio nazionale e che ci sono giunte e giungono segnalazioni di specializzandi esclusi dalla sorveglianza sanitaria e dallo screening sierologico. In alcune realtà, gli specializzandi sono stati addirittura accusati di essere stati la causa della nascita di focolai.

Non ci tiriamo indietro di fronte all’emergenza, ma chiediamo il riconoscimento del nostro operato al pari degli altri medici di ruolo.

Un’assunzione graduale di responsabilità è auspicabile e giusta, ma a questa deve seguire un serio impegno da parte delle Istituzioni nell’adeguare anche i termini contrattuali di profili giuridici, assicurativi e di retribuzione: i medici specializzandi italiani sono retribuiti poco più di 14 euro l’ora, con un trattamento economico fermo al 2007 non prevedente indennità, né di guardia notturna o festiva, o il riconoscimento delle ore di straordinario.

Urge che il Governo e le Istituzioni prendano coscienza che bisogna agire subito per la salvaguardia della Sanità Pubblica, avviata al collasso. Serve una definizione delle risorse da investire nel settore dettata dalle reali necessità, studiate con lungimiranza, e non dai fondi reperibili; serve guardare il medico in formazione come il professionista di domani, potenziandone il curriculum e la propria figura contrattuale; serve andare oltre la solita soluzione a basso costo con cui ci si illude di sostenere il Servizio Sanitario Nazionale, senza prospettive concrete e programmazione a lungo termine per la sostenibilità e la qualità delle cure per i cittadini.

 

Articoli correlati
Vaccino Covid, Manai (Pd): «Specializzandi disponibili per campagna ma serve volontarietà e contrattualizzazione»
«Tutto deve essere fatto nel rispetto del loro ruolo e della professione che essi ricoprono» afferma Stefano Manai, Responsabile della nazionale della Formazione sanitaria del Partito democratico
Cisl Lazio: «Sì agli incentivi a specialisti e specializzandi per svolgere la propria attività nelle province del Lazio»
«La Cisl Medici Lazio ha letto con estremo interesse la proposta della consigliera Eleonora Mattia, Presidente della IX Commissione – Lavoro, formazione, politiche giovanili, pari opportunità, istruzione, diritto allo studio, che in una mozione al Consiglio regionale del Lazio avente ad oggetto “incentivi ai medici specialisti e agli specializzandi per svolgere la propria attività nelle […]
Il precariato medico proclama lo stato di agitazione. Mazzeo (Chi si cura di te?): «Siamo pronti allo sciopero»
Camici grigi e medici in formazione richiedono l’attivazione di un tavolo interministeriale urgente per discutere i temi inerenti alla formazione medica. Ecco tutte le richieste
«Con i medici in formazione specialistica si potrebbero vaccinare 30 milioni di italiani al mese»
di Giammaria Liuzzi, Membro del Direttivo Nazionale Associazione ALS
di Giammaria Liuzzi, Associazione ALS
Specializzandi vaccinatori, dopo le proteste si pensa di eliminare l’obbligo o di prevedere un rimborso spese
«Inaccettabili» per le associazioni dei giovani medici le condizioni previste per gli specializzandi che somministreranno i vaccini anti-Covid. Plauso all'aumento delle borse di specializzazione in legge di Bilancio, ma «insufficiente a risolvere l'imbuto formativo»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 marzo, sono 115.199.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.560.287 i decessi. Ad oggi, oltre 268,57 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’av...