Contributi e Opinioni 11 Aprile 2022 12:01

Covid-19 e richieste di risarcimento: una ricerca

I dati, tratti da una ricerca commissionata da un noto broker assicurativo, ci consentono di fare il punto dopo due anni di pandemia

di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Covid-19 e richieste di risarcimento: una ricerca

Cosa possiamo dire, oggi, a due anni dallo scoppio della pandemia, sul tema Covid-19 e richieste di risarcimento danni? Quali strutture sanitarie, e in che modalità sono state più coinvolte? A dare una risposta concreta a domande come queste ci aiuta una ricerca condotta da AmTrust Assicurazioni, presentata lo scorso 9 marzo 2022.

I dati della ricerca

Innanzitutto, un po’ di dati, per inquadrare la base effettiva della ricerca. Essa ha preso in esame, nei due anni pandemici (2020-2021) oltre quattrocento strutture ospedaliere, pubbliche e private. Com’è noto, durante il periodo di osservazione, nel nostro paese abbiamo assistito all’impatto di ben quattro ondate Covid-19. La quinta ondata è partita a febbraio 2022 ed è più o meno tuttora in corso.

Le richieste di risarcimento

Le richieste di risarcimento legate al Coronavirus sono state 539, ossia un numero relativamente esiguo rispetto al totale dei danni reclamati verso la malpractice sanitaria. In termini percentuali, esse impattano infatti per poco meno del 5% (4,75%). La stragrande maggioranza di queste richieste sono state denunciate nel 2021 (ben 445 su 539, l’82%). Se però il dato viene distribuito per data di accadimento, osserviamo che i danni denunciati in riferimento al 2020 sono più o meno gli stessi di quelli relativi a fatti accaduti nel 2021: 262 contro 271. Non v’è quindi una grande differenza in termini assoluti fra i due anni di pandemia. Si può però registrare un maggiore impatto delle richieste di risarcimento per Covid-19 sul totale delle denunce per danni di malasanità nel 2021. Queste passano infatti dall’1,62% al più consistente 7,91%.

Covid-19 e Responsabilità Civile Sanitaria

L’elemento forse su cui riflettere maggiormente è che ben l’86% del totale delle richieste di risarcimento riguardano danni da Responsabilità Civile Sanitaria. L’RCO, ossia la responsabilità civile verso gli operatori del settore, ha pesato solo per l’11%. Da ciò si evince che sono stati prevalentemente i pazienti a lamentare sinistri, e non gli operatori sanitari.

Tipologia di danno

Osserviamo che su 100 sinistri denunciati, 42 riguardano casi mortali. Nonostante la percentuale elevata, di maggior peso sono stati però i danni considerati “lievi” (44%).

Strutture pubbliche e private

A subire maggiori richieste di risarcimento sono state le strutture pubbliche, per l’80% del totale. Un dato piuttosto naturale, considerando l’enorme pressione – soprattutto nei primi mesi della pandemia – a cui sono state sottoposte.

Stato dei sinistri

Un quarto dei sinistri denunciati, il 24%, è stato chiuso senza seguito. Di questi, ben il 61% entro tre mesi dalla denuncia. Un dato importante, che fa immaginare come una percentuale non esigua delle pratiche di risarcimento sia stata impostata senza un reale approfondimento dei nessi causali sottostanti il danno. La parte rimanente delle pratiche, com’è intuibile, è ancora in via di definizione. Di queste, solo il 9% risulta di natura penale.

Ondate Covid e denunce

Interessante la comparazione fra le ondate pandemiche e il numero di richieste di risarcimento. Le ondate Covid-19, ricordiamo, sono state sinora quattro:

  1. febbraio 2020;
  2. ottobre 2020;
  3. febbraio 2021;
  4. ottobre 2021.

Se analizziamo il numero di sinistri per ondata possiamo osservare come ci sia stata una impennata durante la seconda (+51%) e, successivamente, una repentina decrescita di casi denunciati nelle successive due (rispettivamente: -33% e -83%). Ciò è probabilmente dovuto a due fattori interconnessi: il progressivo consolidamento della campagna vaccinale e il conseguente minor numero oggettivo di casi Covid-19 sintomatici ospedalizzati.

Covid-19 e richieste di risarcimento: geografia, genere ed età

Nonostante il Nord Italia sia stata obiettivamente la zona più colpita dalla pandemia, essa ha generato solamente il 38% delle denunce. E’ invece il sud del paese a guidare la classifica con oltre il 50% dei casi denunciati. Se distinguiamo i terzi danneggiati per genere, osserviamo invece un certo equilibrio nei numeri: 278 uomini contro 261 donne denuncianti. La fascia di età che ha maggiormente adito le vie legali contro le strutture sanitarie è quella dei 51-60 anni, seguita dai 41-50 anni, nonostante i decessi da Covid-19, come è noto, abbiano prevalentemente coinvolto la fascia da 71 a 90 anni.

RC Professionale dei medici

Nonostante le richieste di risarcimento abbiano coinvolto prevalentemente le strutture sanitarie, è certamente opportuno tutelarsi bene, come professionisti, con una buona copertura di RC Professionale. A tal proposito val la pena rivolgersi a professionisti del settore estremamente qualificati, come lo staff di SanitAssicura.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Non voler visitare un paziente può essere reato
Una recente sentenza sancisce che il non voler visitare un paziente può portare ad una richiesta di risarcimento danni o peggio
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Covid, Gimbe: «Più 50% dei casi in 7 giorni. Aumentano ricoveri, terapie intensive e decessi»
Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: «Prosegue impennata nuovi casi settimanali»
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...