Covid-19, che fare se...? 15 Giugno 2021 12:36

Variante Delta, quanto proteggono i vaccini? Il caso Uk

Quella che fino a poco tempo fa chiamavamo “variante indiana” è molto più contagiosa e pericolosa di quella inglese. I vaccini attualmente disponibili offrono una protezione adeguata?

Variante Delta, quanto proteggono i vaccini? Il caso Uk

«Una brutta bestia». Così Sergio Abrignani, immunologo dell’Università Statale di Milano e membro del Comitato tecnico scientifico, ha definito la variante Delta. Una brutta bestia che, però, «non ci preoccupa più di tanto perché abbiamo i vaccini». Se non li avessimo avuti, ha spiegato ad “Agorà” su Rai3, «saremmo messi veramente male a causa della sua infettività e letalità».

La situazione in Gran Bretagna

La variante Delta, già conosciuta come variante indiana, sta impensierendo non poco il mondo a causa della situazione in Gran Bretagna. Lì la variante Delta è molto diffusa, nonostante l’imponente campagna vaccinale degli ultimi mesi. E dunque la domanda è d’obbligo: quanta protezione danno i vaccini contro questa variante? «Ciò che sappiamo dal Regno Unito – ha spigato Abrignani – è che dopo due dosi di vaccino si è comunque protetti». Con Pfizer la protezione arriva all’80%, con AstraZeneca al 70%. Una protezione inferiore rispetto a quella garantita per le altre “forme” del SARS-CoV-2.

La ricerca del Lancet

Il rischio di ricovero ospedaliero in seguito al contagio da variante Delta è quasi doppio rispetto a quello della variante Alfa (inglese). Due dosi di vaccino forniscono però una protezione forte ma, come detto, inferiore rispetto alla variante inglese. È quanto emerge da una ricerca pubblicata sul Lancet. Secondo i ricercatori, la variante Delta è, al momento, la forma predominante di coronavirus in Uk ed è più contagiosa del 60%. Anche in questo caso, le persone che corrono un maggior rischio di finire in ospedale sono quelle che hanno patologie preesistenti.

Secondo lo studio, inoltre, servono 28 giorni dalla somministrazione della prima dose di vaccino per essere protetti contro questa variante. E sull’efficacia dei vaccini, secondo la ricerca Pfizer fornisce una protezione del 79% rispetto al 92% registrato con la variante inglese. Per quanto riguarda invece AstraZeneca, i numeri si discostano un po’ da quelli dichiarati da Abrignani: 60% contro il 72% della variante inglese.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terapia del plasma, Perotti (San Matteo di Pavia) «Oggi sospesa per mancanza di pazienti, ma tesoretto di 200 sacche pronte all’uso»
Il direttore del servizio di immunoematologia dell’IRCCS pavese ricorda il collega De Donno: «Era una brava persona, molto volenterosa, di quelli che gettano il cuore oltre l’ostacolo, ma non strumentalizziamo la sua morte. Il plasma non c’entra»
di Federica Bosco
Covid-19, svelato il motivo per cui i bambini si ammalano molto meno
Una molecola “chiave” che apre le porte al virus è meno attiva. Lo hanno scoperto i ricercatori del CEINGE-Biotecnologie Avanzate di Napoli, studiando i meccanismi di attacco del virus all’interno delle prime vie respiratorie in soggetti di età inferiore o superiore ai 20 anni
Report ISS, Rt a 1,57 e 20 regioni a rischio moderato. Salgono i ricoveri
Tasso di occupazione in terapia intensiva fermo al 2%, ma quello in area medica sale al 3%. Scende anche la percentuale di contagi tracciati, al 28% rispetto al 30 della settimana precedente
Vaccino Pfizer, lo studio: «Efficacia cala nell’arco di 6 mesi»
Su questo trend poggiano le ulteriori valutazioni avviate dall'azienda, che ha aperto il dibattito sull'opportunità della terza dose di vaccino
Covid, nuovo report GIMBE: «+64,8% di contagi e +46,1% di morti in una settimana». Ma i numeri assoluti restano bassi
Il monitoraggio della fondazione GIMBE, nella settimana 21-27 luglio, rileva un ulteriore aumento dei nuovi casi e degli indicatori ospedalieri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva