Covid-19, che fare se...? 15 Giugno 2021 12:36

Variante Delta, quanto proteggono i vaccini? Il caso Uk

Quella che fino a poco tempo fa chiamavamo “variante indiana” è molto più contagiosa e pericolosa di quella inglese. I vaccini attualmente disponibili offrono una protezione adeguata?

Variante Delta, quanto proteggono i vaccini? Il caso Uk

«Una brutta bestia». Così Sergio Abrignani, immunologo dell’Università Statale di Milano e membro del Comitato tecnico scientifico, ha definito la variante Delta. Una brutta bestia che, però, «non ci preoccupa più di tanto perché abbiamo i vaccini». Se non li avessimo avuti, ha spiegato ad “Agorà” su Rai3, «saremmo messi veramente male a causa della sua infettività e letalità».

La situazione in Gran Bretagna

La variante Delta, già conosciuta come variante indiana, sta impensierendo non poco il mondo a causa della situazione in Gran Bretagna. Lì la variante Delta è molto diffusa, nonostante l’imponente campagna vaccinale degli ultimi mesi. E dunque la domanda è d’obbligo: quanta protezione danno i vaccini contro questa variante? «Ciò che sappiamo dal Regno Unito – ha spigato Abrignani – è che dopo due dosi di vaccino si è comunque protetti». Con Pfizer la protezione arriva all’80%, con AstraZeneca al 70%. Una protezione inferiore rispetto a quella garantita per le altre “forme” del SARS-CoV-2.

La ricerca del Lancet

Il rischio di ricovero ospedaliero in seguito al contagio da variante Delta è quasi doppio rispetto a quello della variante Alfa (inglese). Due dosi di vaccino forniscono però una protezione forte ma, come detto, inferiore rispetto alla variante inglese. È quanto emerge da una ricerca pubblicata sul Lancet. Secondo i ricercatori, la variante Delta è, al momento, la forma predominante di coronavirus in Uk ed è più contagiosa del 60%. Anche in questo caso, le persone che corrono un maggior rischio di finire in ospedale sono quelle che hanno patologie preesistenti.

Secondo lo studio, inoltre, servono 28 giorni dalla somministrazione della prima dose di vaccino per essere protetti contro questa variante. E sull’efficacia dei vaccini, secondo la ricerca Pfizer fornisce una protezione del 79% rispetto al 92% registrato con la variante inglese. Per quanto riguarda invece AstraZeneca, i numeri si discostano un po’ da quelli dichiarati da Abrignani: 60% contro il 72% della variante inglese.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
Donna si ammala di Covid-19 due volte in 20 giorni, è record
In Spagna è stato documentato il caso di una donna che ha contratto Covid-19 due volte in 20 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 maggio, sono 521.544.720 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.264.094 i decessi. Ad oggi, oltre 11,40 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...