Covid-19, che fare se...? 15 Giugno 2021 12:36

Variante Delta, quanto proteggono i vaccini? Il caso Uk

Quella che fino a poco tempo fa chiamavamo “variante indiana” è molto più contagiosa e pericolosa di quella inglese. I vaccini attualmente disponibili offrono una protezione adeguata?

Variante Delta, quanto proteggono i vaccini? Il caso Uk

«Una brutta bestia». Così Sergio Abrignani, immunologo dell’Università Statale di Milano e membro del Comitato tecnico scientifico, ha definito la variante Delta. Una brutta bestia che, però, «non ci preoccupa più di tanto perché abbiamo i vaccini». Se non li avessimo avuti, ha spiegato ad “Agorà” su Rai3, «saremmo messi veramente male a causa della sua infettività e letalità».

La situazione in Gran Bretagna

La variante Delta, già conosciuta come variante indiana, sta impensierendo non poco il mondo a causa della situazione in Gran Bretagna. Lì la variante Delta è molto diffusa, nonostante l’imponente campagna vaccinale degli ultimi mesi. E dunque la domanda è d’obbligo: quanta protezione danno i vaccini contro questa variante? «Ciò che sappiamo dal Regno Unito – ha spigato Abrignani – è che dopo due dosi di vaccino si è comunque protetti». Con Pfizer la protezione arriva all’80%, con AstraZeneca al 70%. Una protezione inferiore rispetto a quella garantita per le altre “forme” del SARS-CoV-2.

La ricerca del Lancet

Il rischio di ricovero ospedaliero in seguito al contagio da variante Delta è quasi doppio rispetto a quello della variante Alfa (inglese). Due dosi di vaccino forniscono però una protezione forte ma, come detto, inferiore rispetto alla variante inglese. È quanto emerge da una ricerca pubblicata sul Lancet. Secondo i ricercatori, la variante Delta è, al momento, la forma predominante di coronavirus in Uk ed è più contagiosa del 60%. Anche in questo caso, le persone che corrono un maggior rischio di finire in ospedale sono quelle che hanno patologie preesistenti.

Secondo lo studio, inoltre, servono 28 giorni dalla somministrazione della prima dose di vaccino per essere protetti contro questa variante. E sull’efficacia dei vaccini, secondo la ricerca Pfizer fornisce una protezione del 79% rispetto al 92% registrato con la variante inglese. Per quanto riguarda invece AstraZeneca, i numeri si discostano un po’ da quelli dichiarati da Abrignani: 60% contro il 72% della variante inglese.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Gli anelli deboli della crisi? Rasi (Consulcesi): «Frammentarietà e implementazione delle decisioni del governo»
«La colpa dei 133 mila morti di Covid-19 in Italia è da ritrovare anche nell’assenza di standardizzazione del trasferimento delle conoscenze che man mano si acquisivano, che invece doveva essere rapido e immediato»
IV ondata Covid e influenza stagionale, Cricelli (SIMG): «Il picco dei due virus coinciderà per la prima volta dall’inizio della pandemia»
Tra Covid, influenza, vaccini e malati cronici il lavoro dei medici di famiglia quintuplica. Il presidente SIMG: «L’influenza ha superato il livello epidemico stagionale. Il picco è previsto, in anticipo, per la fine dell’anno»
di Isabella Faggiano
Cosa si può fare (o non fare) in zona gialla?
Ora che, dopo mesi di un’Italia interamente bianca, abbiamo di nuovo una Regione in zona gialla (il Friuli Venezia Giulia), è bene rinfrescarsi la memoria su quali limitazioni vengono di nuovo imposte per limitare il contagio da Covid-19. In particolare ora che al green pass si è aggiunto il super green pass. Ma cosa si […]
Variante Omicron, Speranza al G7: «Ora supportare concretamente vaccinazione nei Paesi più fragili»
Le parole del Ministro della Salute nell’incontro convocato per discutere della nuova variante proveniente dal Sudafrica. Intanto sono 33 i casi confermati ma nessun morto o caso grave
Il primo ospedale Covid d’Italia si tinge di rosa. A Castel San Giovanni nasce l’ospedale delle donne
Cattadori (U.O. Qualità e Ricerca): «Abbiamo trasformato una grande difficoltà, come quella della gestione dell’emergenza Covid, in un’opportunità. Durante la pandemia era necessario continuare a garantire cura e assistenza in sicurezza e ci siamo attrezzati per farlo»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al primo dicembre, sono 262.857.019 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.216.780 i decessi. Ad oggi, oltre 7,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano