Covid-19, che fare se...? 13 Aprile 2021 13:32

Sono stato vaccinato. Cosa posso o non posso fare ora?

Devo continuare ad indossare la mascherina e mantenere il distanziamento? Chi è vaccinato deve adottare le misure di sicurezza anche sul luogo di lavoro? Le risposte dell’ISS

Sono stato vaccinato. Cosa posso o non posso fare ora?

Le persone che si sono sottoposte alla vaccinazione contro il Covid-19 possono stare più tranquilli non devono abbassare la guardia. Anche se il soggetto ha ricevuto entrambe le dosi. Per ottenere l’immunizzazione bisogna infatti aspettare almeno un paio di settimane per potersi dire al sicuro dal contagio. È infatti questo il lasso di tempo previsto durante il quale l’organismo dovrebbe riuscire a sviluppare gli anticorpi necessari per rendersi immune dal SARS-CoV-2. Secondo l’Istituto Superiore di Sanità, infatti, sebbene anche dopo la prima dose è verosimile una certa protezione dal virus, questa non è immediata ma si sviluppa progressivamente dopo almeno 7-14 giorni. La seconda dose del vaccino, effettuata ad alcune settimane dalla prima, ha il compito di rinforzarla e renderla più duratura.

Devo continuare ad adottare le misure di sicurezza per contrastare il contagio?

Non essendoci ancora l’assoluta certezza che chi è vaccinato non può trasmettere il virus da altri, sarà necessario continuare ad osservare le misure di contenimento. Parliamo ovviamente di mascherina, distanziamento sociale e lavaggio accurato delle mani. Queste indicazioni saranno valide almeno fino a quando i dati sull’immunizzazione non mostreranno che il vaccino protegge dalla trasmissione del virus. Altro motivo per continuare ad adottare le misure di protezione nei confronti degli altri è anche la circolazione (e la possibile nuova nascita) di varianti per le quali l’effetto della vaccinazione potrebbe essere inferiore a quella fin qui verificata.

Chi è vaccinato deve adottare le misure di sicurezza anche sul luogo di lavoro?

Mascherina, distanziamento e accurato lavaggio delle mani sono indicazioni valide anche per i lavoratori che hanno effettuato la vaccinazione completa. Secondo L’ISS tutti i lavoratori, inclusi gli operatori sanitari, devono continuare a utilizzare i DPI e mantenere il distanziamento. Tutto questo indipendentemente dallo stato di vaccinazione. E’ obbligatorio inoltre aderire a eventuali programmi di screening dell’infezione».

Se una persona vaccinata con una o due dosi viene identificata come contatto stretto di un caso positivo, bisogna adottare le misure previste per i contatti stretti?

Se una persona viene in contatto stretto con un caso positivo per SARS-CoV-2, secondo le definizioni previste dalle Circolari del Ministero della Salute, questa deve essere considerata un contatto stretto anche se vaccinata. Per questo motivo devono essere adottate tutte le disposizioni prescritte dalle Autorità sanitarie. Si mantiene la deroga alla quarantena per il personale sanitario, con il rispetto delle misure di prevenzione e protezione dell’infezione, fino a un’eventuale positività ai test di monitoraggio per SARS-CoV-2 o alla comparsa di sintomatologia compatibile con Covid-19.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuovo report Cabina di regia: «Indice Rt a 0,89, in leggera risalita ma cala incidenza»
Brusaferro: «Lieve aumento Rt messo in conto con aperture». Rezza: «Per raggiungere immunità di gregge dovremmo vaccinare il 60-70% della popolazione. Ma alcuni fattori possono far alzare soglia». Sicilia, Sardegna e Valle d'Aosta in arancione
Villa Marelli a Milano, modello di integrazione tra medicina ospedaliera e del territorio
Ribera (direttore Servizi territoriali ASST Niguarda): «Entro 72 ore siamo in grado fare la diagnosi e definire la cura del paziente Covid grazie alla collaborazione tra professionisti ospedalieri, medici di medicina generale e infermieri di comunità»
di Federica Bosco
«Le cure domiciliari sono un’illusione». L’opinione controcorrente di Diego Pavesio (Patto per la Scienza) che difende la “vigile attesa”
Il medico piemontese ha pubblicato un post su Facebook in cui parlava di “terapia domiciliare come specchietto per le allodole”: «La gente, comprensibilmente stanca ed esasperata, è in cerca di soluzioni facili per problemi complessi. In realtà si fa finta di non capire che non c’è ancora una cura per questa malattia»
Terapia domiciliare Covid, i medici del Comitato scendono in piazza e insistono: «Tachipirina e vigile attesa è un errore»
«Il nostro obiettivo è bloccare la patologia ai suoi esordi», spiega Nino Pignataro, uno dei medici che hanno aderito al Comitato Cura Domiciliare Covid-19 presieduto dall’avvocato Erich Grimaldi. Sabato 8 maggio manifestazione a piazza del Popolo
Covid e gravidanza: l’infezione è più pericolosa nei nove mesi
I ginecologi Siru chiedono la vaccinazione per le future mamme
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco