Il bollettino del Ministero

Partorire in Italia è sicuro? Il ministro risponde…

di Ministero della Salute
Sappiamo che i drammatici casi che si sono verificati alla fine del 2015 hanno creato una grande  preoccupazione in migliaia di donne che stanno per diventare mamme, ma si tratta di eventi eccezionali: in Italia nascono infatti ogni anno circa 500.000 bambini e il tasso di mortalità materna è tra i più bassi d’Europa, le stime indicano 1 caso ogni 10.000 parti. Alle tante donne che in questi giorni devono andare a partorire voglio quindi dire di stare serene e di affrontare questo momento importante con tranquillità e gioia: l’Italia è considerata un’eccellenza per l’assistenza e  nelle nostre strutture si affrontano ogni giorno problematiche molto importanti con successo.
Certo si può, e si deve, migliorare, e vanno in tal senso sia la Task Force che ho istituito già da mesi con il compito di andare a verificare i fatti con un rigore assoluto e con un gruppo di lavoro corposo, ma anche la definizione di nuove Linee guida sulla  sicurezza del parto, alle quali gli esperti stanno  già lavorando.
Articoli correlati
Ripartire dopo il cancro, il make up artist Pablo Gil Gagnè: «Così aiuto le donne a ritrovare la propria femminilità dopo la malattia»
«Innanzitutto, do indicazioni sulla cura della pelle che, a causa delle pesanti cure, risulta spenta e inspessita; quindi mi dedico allo sguardo. Per chi non ha manualità, insegno, con l’ausilio dello stencil, a disegnare le sopracciglia, a scegliere la tonalità di colore giusto per la propria fisionomia e per i propri colori», racconta a Sanità Informazione il famoso truccatore allievo di Gil Cagnè
di Federica Bosco
Policlinico Campus Bio-Medico, partiti i lavori del Dipartimento di Emergenza e Accettazione
E’ stato il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti a dare avvio ai lavori per la realizzazione del pronto soccorso del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico dando per primo una picconata a una simbolica parete. Il nuovissimo Dipartimento di Emergenza e Accettazione (DEA) di I livello amplierà la rete dell’emergenza nel quadrante sud ovest di Roma completando l’offerta assistenziale del Policlinico […]
Alessio D’Amato (Regione Lazio): «Grazie Manuel per belle parole su personale San Camillo»
«Da oggi per Manuel inizia una nuova sfida e saremo al suo fianco per aiutarlo. Può contare su una famiglia stupenda e una comunità che gli si è stretta attorno e sono certo non farà mancare il suo affetto e il suo appoggio». Lo dichiara in una nota l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della […]
Allattamento seno, Carla Scarsi (Leche League): «Le donne, insieme, riescono spesso a trovare le strategie vincenti»
Carla Scarsi (Leche League): «Le nostre consulenti hanno fatto tirocini quindi sanno molte cose sull'allattamento. Una di queste, è far capire alle mamme quali sono le priorità». L'intervista a Sanità Informazione
di Lucia Oggianu
Foad Aodi (Co-mai): «Visita storica di Papa Francesco, urge un accordo di reciprocità con il mondo musulmano»
Le comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e la Confederazione Internazionale laica interreligiosa (Cili-italia) e il Movimento internazionale Uniti per Unire con tutte le relative associazioni e comunità aderenti manifestano il proprio apprezzamento per la visita storica, coraggiosa, tempestiva e piena di messaggi di dialogo e di speranza di Papa Francesco che si svolgerà […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...